È uscito il numero 51
febbraio - marzo 2017

 


La rivista
tutti i numeri
ordina numero
abbonamenti
Contenuti
analisi politica
inchieste
dura lex...
percorsi storici
interviste
critica letteraria
recensioni libri
segnalazioni libri
spunti letterari
racconti
musica
cinema
arte
autori
Contenuti per tema
Europa
NO Expo
privatizzazioni
la sinistra in Italia
la nuova destra in Europa
lavoro e conflitto sociale
politica dell'immigrazione
rapporto cultura, informazione e potere
scontro politica e magistratura
osservatorio sulla mafia
economia criminale
rapporto Stato e Chiesa
politica medioriente
Il progetto Paginauno

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura
creativa e FilmMaking

Comunicazione
newsletter
la stampa
link
contatti
area riservata

 

Pagine contro la tortura

 

 

E se il mostro fosse innocente?
Controcronaca del processo
al chirurgo Brega Massone
e alla clinica Santa Rita

 

 

 

Davide Steccanella
Le indomabili
saggistica

 

Liam O'Flaherty
Il cecchino
Il Bosco di Latte

 

Frank O'Connor
Ospiti della nazione
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Ciò che non siamo
narrativa

 

Paul Dietschy
Storia del calcio
saggistica

 

Giuseppe Ciarallo
Le spade
non bastano mai
narrativa

 

Carmine Mezzacappa
Cinema e
terrorismo
saggistica

 

Massimo Vaggi
Gli apostoli
del ciabattino
narrativa

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

William McIlvanney
Il regalo
di Nessus
narrativa

 

William McIlvanney
Docherty
narrativa

 

Fulvio Capezzuoli
Nel nome
della donna
narrativa

 

Matteo Luca Andriola
La Nuova destra
in Europa
libro inchiesta

 

Davide Corbetta
La mela marcia
narrativa

 

Honoré de Balzac
Un tenebroso affare
narrativa

 

Anna Teresa Iaccheo
Alla cerca della Verità
filosofia

 

Massimo Battisaldo
Paolo Margini

Decennio rosso
narrativa

 

Massimo Vaggi
Sarajevo
novantadue
narrativa

 

Elvia Grazi
Antonio Prade
Senza ragione
narrativa

 

Giovanna Baer
Giovanna Cracco
E se il mostro
fosse innocente?
libro inchiesta

 

John Wainwright
Stato di fermo
narrativa

 

Giuseppe Ciarallo
DanteSka
satira politica

 

Walter G. Pozzi
Altri destini
narrativa

 

Davide Pinardi
Narrare
critica letteraria

 

 

 

Creative Commons License
Il contenuto di questo sito

coperto da
Licenza Creative Commons

 

Segnalazioni narrativa e saggistica (numeri 31/2013 - 45/2015)

Leggi le segnalazioni di Narrativa e Saggistica pubblicate su
Paginauno dal n. 1/2007 al n. 15/2009
Paginauno dal n. 16/2010 al n. 30/2012
Paginauno dal n. 46/2016 in poi

 

Paginauno n. 45

Narrativa
Il giardino delle mosche, Andrea Tarabbia, Ponte alle Grazie
L'amore sporco
, Andre Dubus III, Nutrimenti
L'errore del creato
, Jack London, Robin Edizioni

Saggistica
Etica e fotografia, R. Perna e I. Schiaffini (a cura di), Derive Approdi
Europa e capitalismo
, Diego Fusaro, Mimesis Edizioni
Il lupo e il filosofo
, Mark Rowlands, Mondadori

 

Paginauno n. 44

Narrativa
Clockers, Richard Price, Neri Pozza
Una semplice formalità
, Giuseppe Masala, Regina Zabo (epub/mobi)
Racconti e disincanti
, Vanina Sartorio, 13Lab Editore

Saggistica
Uomini nelle gabbie, Viviano Domenici, Il Saggiatore
Sfidare il racconto dei potenti, Ken Loach, Lindau
L'impero virtuale, Renato Curcio, Sensibili alle foglie

 

Paginauno n. 43

Narrativa
Epitaffio per i vivi. La fuga, Christa Wolf, Edizioni E/O
Lo scandalo Wapshot, John Cheever, Fandango
La cosa nella foresta, A.S. Byatt, Einaudi

Saggistica
Black bloc, Franco Fracassi, Alpine Studio
Il nuovo spirito del capitalismo
, Luc Boltanski e Ève Chiapello, Mimesis Edizioni
Capitalismo, desiderio e servitù
, Frédéric Lordon, Derive Approdi

 

Paginauno n. 42

Narrativa
Radical chic, Tom Wolfe, Castelvecchi
Festa d’aprile
, AA.VV., Tempesta Editore
Gian Maria Volonté
, G. Pucciarelli, P. Castaldi, G. Morici, Becco Giallo

Saggistica
Antonio Gramsci, Diego Fusaro, Feltrinelli
Sulla Francia
, Emil Cioran, Voland
La rivolta del riso
, Renato Curcio, Sensibili alle foglie

 

Paginauno n. 41

Narrativa
La maturità del 1953, Uwe Johnson, Keller editore
L’amico estraneo
, Christoph Hein, Edizioni e/o
Giorni perduti
, Charles Jackson, Nutrimenti

Saggistica
Terzani, Gloria Germani, Jaca Book
Solchi sperimentali
, Antonello Cresti, Crac Edizioni
Clamori al vento
, F. Mastrella e A. Rezza, Il Saggiatore

 

Paginauno n. 40

Narrativa
Il liuto e le cicatrici, Danilo Kis, Adelphi
Marta nella corrente
, Elena Rausa, Neri Pozza
Qualcuno è uscito vivo dagli anni Ottanta
, Francesco Dezio, Stilo

Saggistica
Cattivi pensieri, Susanna Schimperna, Castelvecchi
La sinistra assente, Domenico Losurdo, Carocci Editore
L’allucinazione della modernità, Pier Paolo Dal Monte, Editori Riuniti

 

Paginauno n. 39

Narrativa
Come cerchi nell'acqua, William McIlvanney, Feltrinelli
Dove nessuno ti troverà, Alicia Giménez-Bartlett, Sellerio
Paura, Stefan Zweig, Adelphi

Saggistica
Democrazia cercasi, Stefano G. Azzarà, Imprimatur Editore
I dannati della metropoli, Andrea Staid, Milieu Edizioni
Il pane e la morte, Renato Curcio (a cura di), Sensibili alle foglie

 

Paginauno n. 38

Narrativa
La settimana bianca, Emmanuel Carrère, Adelphi
Nel ventre della bestia, Jack Henry Abbott, DeriveApprodi
Ho ucciso un principio, Paolo Pasi, Elèuthera

Saggistica
Spie, Giorgio Boatti e Giuliano Tavaroli, Mondadori
Dove sono i nostri, Clash City Workers, La casa Usher
L'imperialismo globale e la grande crisi, Ernesto Screpanti, DEPS Siena

 

Paginauno n. 37

Narrativa
Ai margini della ferita, Sepp Mall, Keller Editore
I fantasmi nell’arena, Matteo Lunardini, Le Milieu
Il grande imbroglio, Gaston Criel, Elliot

Saggistica
Ora la sacciu, ora la dicu, Michele Pantaleone (a cura di Ignazio Maiorana), ISSPE
Colletti criminali
, Jean-François Gayraud e Carlo Ruta, Castelvecchi editore
I signori del rating
, Paolo Gila e Mario Miscali, Bollati Boringhieri

 

Paginauno n. 36

Narrativa
Anima di madre, Gabriele Kögl, Keller editore
L’ultimo treno della notte
, Benjamin Lebert, Marco Tropea Editore
Ostaggi a teatro
, Angelo Gaccione, Ferrari Editore

Saggistica
Che cosa è la mafia, Gaetano Mosca (a cura di Marcello Saija), Edizioni di storia e studi sociali
Insurrezione armata
, Aldo Grandi, Rizzoli
Le nostre braccia
, Andrea Staid, Editore Agenzia X

 

Paginauno n. 35

Narrativa
Il ritorno, Dulce Maria Cardoso, Voland Feltrinelli
Con i piedi nell’acqua
, Cecco Bellosi, Milieu edizioni
Ballando a notte fonda
, Andre Dubus, Mattioli 1885

Saggistica
Intervista a Playboy, Marshall McLuhan, Franco Angeli
La democrazia giudiziaria
, Carlo Guarnieri e Patrizia Pederzoli, Il Mulino
L’era dello schermo
, Vanni Codeluppi, Franco Angeli

 

Paginauno n. 34

Narrativa
Il condominio di Via della Notte, Maria Attanasio, Sellerio
Mare calmo
, Nicol Ljubic, Keller Editore
All’inferno con ritorno
, Cataldo Russo, Guida

Saggistica
Internet ci rende stupidi?, Nicholas Carr, Raffaello Cortina Editore
I nuovi orizzonti del crimine organizzato, Jean-François Gayraud e Jacques de Saint Victor, Edizioni di storia e studi sociali
Tu non sei un gadget, Jaron Lanier, Mondadori Strade Blu

 

Paginauno n. 33

Narrativa
L’esilio dei figli, Claudia Pozzo, Gremese
L’amore degli insorti
, Stefano Tassinari, Edizioni Alegre
La rivoluzione della luna
, Andrea Camilleri, Sellerio

Saggistica
Sullo Stato, Pierre Bourdieu, Feltrinelli
Televisione
, Carlo Freccero, Bollati Boringhieri
Il diritto e la menzogna
, Umberto Vincenti, Donzelli Editore

 

Paginauno n. 32

Narrativa
Mille cretini, Quim Monzó, Marcos y Marcos
Prestiti scaduti
, Petros Markaris, Bompiani
Easter Parade
, Richard Yates, Minimum fax

Saggistica
A passeggio per Berlino, Joseph Roth, Passigli editori
Bentornato Marx!
, Diego Fusaro, Bompiani
Il partito di Grillo
, Piergiorgio Corbetta e Elisabetta Gualmini (a cura di), Il Mulino

 

Paginauno n. 31

Narrativa
Amianto, Alberto Prunetti, Agenzia X
Pro Patria
, Ascanio Celestini, Einaudi
Un maledetto freddo cane
, Luca Palumbo, Luigi Lorusso Editore

Saggistica
Una preghiera punk per la libertà, Pussy Riot, Il Saggiatore
(Pensio)Nati nel 1952
, Franco Capelli, Infinito Edizioni
Razza e diritto nell’esperienza coloniale italiana
, Michele Bonmassar, Sensibili alle foglie

 

 

 

Continua...
Leggi le segnalazioni di Narrativa e Saggistica pubblicate su
Paginauno dal n. 1/2007 al n. 15/2009
Paginauno dal n. 16/2010 al n. 30/2012
Paginauno dal n. 46/2016 in poi

:::

 

Andrej Romanovic Cikatilo, l’uomo che dal 1978 al 1990 uccise in Unione Sovietica almeno 56 persone, dopo averle torturate, mutilate e averne assaggiato le interiora, è il protagonista de Il giardino delle mosche. Tarabbia ci conduce tra gli oscuri anfratti della psiche del “mostro di Rostov” narrandone la vita, costellata di soprusi e umiliazioni, per mezzo del suo consueto linguaggio crudo e asciutto. Ma il romanzo non è riducibile unicamente alla storia di un individuo di norma grigio e noioso, a tratti capace di commettere eccezionali aberrazioni su quei soggetti da lui ritenuti inadeguati a rappresentare il regime. La vita di Cikatilo infatti, si fa allegoria di una Unione Sovietica il cui ideale politico e sociale lentamente si sgretola. La causa alla quale egli stesso sostiene di immolare le sue vittime, una grande Nazione dove non esiste povertà e disuguaglianza, si svuota di significato, mostrando i limiti di una dittatura che ha fatto della violenza il proprio strumento di potere. Ecco allora che la società crea il mostro, lo giudica e lo giustizia, facendosi essa stessa “Dio della carne”, così che, nello specchio della narrativa, si veda riflessa con il volto sbilenco di Andrej Cikatilo. (V. Sartorio)

 

IL GIARDINO DELLE MOSCHE
Andrea Tarabbia, Ponte alle Grazie, 336 pagg., 16,80 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Quattro racconti sull’amore. Unità di tema, ma anche di luogo, trama, personaggi e stile alla maniera della tragedia classica. È la provincia americana lo scenario, in particolare una porzione circoscritta di pianura del New England. La scoperta del disonore della persona amata è la trama
che apre ogni vicenda, nei finali però la narrazione devia tragitto e segue il percorso di chi si ritrova dopo che è stato a lungo disperso. I personaggi sono sempre gli stessi, protagonisti in un racconto assumono il ruolo di comparse in un altro. Nell’ultimo, sviluppato a due voci, ce li ritroviamo tutti davanti, sebbene la giovane Devon, umiliata e ferita dal padre, e il prozio Francis, uomo vecchio e solo, la facciano da padroni. L’affabulare non è mai lineare, segue i salti temporali della mente – ampio spazio è infatti concesso alla memoria storica dei protagonisti e dei luoghi – e corre all’inseguimento di quel pensiero, di quel ricordo che apre la porta del sommerso. Talvolta è una parola chiave detta da un personaggio oppure è un oggetto a innescare il flusso inconscio. E la continua girandola tra scoperto e celato, presente e passato, porta al crollo del castello incantato tanto che la persona amata diventa nient’altro che un giudice. (R. Brioschi)

 

L’AMORE SPORCO
Andre Dubus III, Nutrimenti, 336 pagg., 19,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

“Il Klondike è pieno di matti, senza dubbio. E quando ce n’è tanti qualcuno deve far fortuna, no?” La frase di Shorty, il coprotagonista di questi sei racconti di London, può fungere da perfetta sintesi tematica. E la follia di cui parla è sinonimo del sogno di arricchirsi a prezzo della vita che ha pervaso non pochi avventurieri da un giorno all’altro trasformatisi in cercatori d’oro. È questo lo sfondo storico in cui London ambienta le vicende del protagonista Smoke Bellew, traducendo in narrativa gli anni che andarono dall’estate del 1896 all’estate del 1898. La logica sottesa di ogni storia è semplice: chi fa fortuna diventa ricco, agli altri delusione o morte. E di questi ultimi scrive London, dei diseredati del sogno americano, costretti ad arrangiarsi per sopravvivere.
A prima vista, i racconti potrebbero sembrare storie d’avventura – con tutti
gli ingredienti cari all’autore: i cani, gli indiani, lo Yukon, le foreste, la neve, l’amore – se non che London vi inserisce, in aggiunta, dosi di umorismo e di dramma, animandoli con il soffio della vita. E pagina dopo pagina, il racconto alza la propria posta trasformandosi nell’eterna parabola dell’uomo e dei suoi fantasmi... ed ecco che la storia parla di te. (Milton Rogas)

 

L’ERRORE DEL CREATO
Jack London, Robin Edizioni, 225 pagg., 13,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Ricco di stimoli e spunti che spingono nella direzione di un approfondimento, Etica e fotografia è una raccolta di contributi, di taglio per lo più storico. Spicca l’intervento di Adolfo Mignemi, in cui appare la fattispecie del fotografo-vittima; quello di Federica Muzzarelli, sul corpo delle donne e l’importanza dell’immagine fotografica come sconfitta delle censure; e quello di Michele Smargiassi, “Bugie dell’elocutio”, che affronta il tema della manipolazione delle immagini, in un susseguirsi di tesi e controtesi e comparando scrittura e fotografia nel contesto giornalistico.
Nell’insieme del libro tuttavia, il tema principale, l’etica, aleggia senza quasi manifestarsi, sopraffatta dall’impostazione storica dei testi. Argomento attuale e complesso, per le implicazioni e gli usi della fotografia nell’era del web 2.0, viene solo accennato da Raffaella Perna in una citazione di Tano D’amico, che nel 1978 scrive: “Io mi incazzo con noi che non abbiamo ancora imparato a leggere le foto, i volti che vi appaiono, gli ambienti”. Da allora non abbiamo fatto molti passi in avanti, e finché non sapremo leggere una fotografia non avremo il senso critico che l’era delle immagini richiede. (Gio Sandri)

 

ETICA E FOTOGRAFIA
Raffaella Perna e Ilaria Schiaffini (a cura di), Derive Approdi, 154 pagg., 16,00 euro

Acquista il libro su

 

Torna all'inizio

 

Per qualche strano paradosso della storia, come se il tema fosse avvinghiato da un tabù, argomentazioni anti-Ue si sono diffuse in maniera prepotente in tutta Europa coinvolgendo spesso movimenti populisti e xenofobi, ben più raramente pensatori capaci di denunciare il disegno di sfruttamento capitalistico promulgato dagli eurocrati. Il caso di Diego Fusaro è una meritevole eccezione, e la sua avversione all’Europa economica trova sbocco definitivo in questo agile testo in cui le politiche Ue sono viste alternativamente come sbocco definitivo del “capitalismo assoluto”, come tentativo di destabilizzazione del principio di sovranità nazionale, come malefico principio di sradicamento e distruzione di ogni differenza. Capace di muoversi in maniera eretica tra Gramsci e Heidegger, Fusaro aggiunge qui un tassello alla sua opera filosofica; chi conosce il suo percorso inevitabilmente si imbatterà in temi già esposti dall’autore in passato, soprattutto ne Il futuro è nostro, ma occorre rimarcare come in questo saggio, che a dispetto della brevità non è un pamphlet, lo stile si faccia più chiaro, a favorire una maggior diffusione di un pensiero critico che vorrebbe farsi azione. Notevole, da un
punto di vista meramente filosofico, la sfida di voler ripartire dall’idealismo. (A. Cresti)

 

EUROPA E CAPITALISMO
Diego Fusaro, Mimesis Edizioni, 140 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su

 

Torna all'inizio

 

Due piani si incrociano e si completano, in questo testo sospeso tra saggistica e narrativa: quello privato, intimo, del rapporto tra un uomo e il suo lupo, e quello universale, scientifico e filosofico che riguarda il rapporto della razza umana con la vita selvaggia. L’uomo in questione, Mark Rowlands, oltre a essere il felice proprietario di un lupo di nome Brenin, è anche il docente di filosofia che si interroga sui grandi temi dell’esistenza, dall’evoluzione alla felicità, alla natura del tempo e della morte. “Noi viviamo attraverso i momenti ed è per questa ragione che il momento ci sfugge”. Le conclusioni non sono lusinghiere per gli eredi delle scimmie, dal
momento che tra le caratteristiche che non abbiamo in comune con i lupi c’è la nostra capacità – comune ai primati – di utilizzare l’inganno per ottenere quello che vogliamo e impedire al contempo agli altri membri del branco di averlo. Se uno scimpanzé può fingere di non aver visto una prelibatezza, per mangiarsela poi da solo, i lupi si affrontano per quello che desiderano, possono uccidere, ma sono incapaci di portare maschere.
“Gli uomini sono quegli animali che progettano la possibilità del male. [...] Un lupo fa quel che fa e ne accetta le conseguenze”. (S. Campolongo)

 

IL LUPO E IL FILOSOFO
Mark Rowlands, Mondadori, 228 pagg, 18,50 euro

Acquista il libro su

 


Torna all'inizio

 

Il fatto: Darryl Adams, giovane sui ventuno/ventidue anni, vice-gestore del ristorante Ahab, si appresta a chiudere quando, bang bang, lo fanno secco. I protagonisti: Strike e Victor, due fratelli neri, diversi tra loro nel temperamento e nelle scelte di vita come il sole e la luna. I ragazzi sono nati sotto una cattiva stella tanto che definire le loro esistenze solo sfortunate, tra passi sbagliati e tentativi di riscatto andati male, è un eufemismo da quattro soldi. Chi ha sparato dei due? Eh, già perché Strike e Victor in questo brutto caso di omicidio sono invischiati fino al collo. E con loro Rocco, solo che lui sta dall’altra parte della barricata, di mestiere fa il poliziotto e segue le indagini. Lo scenario: l’America dei nostri giorni, tra droga e facili guadagni, razzismo, povertà e lavoro precario e sottopagato di chi tira a campare con onestà. Lo stile: dialoghi serrati, in particolare negli interrogatori come è giusto che siano, montaggio alternato del punto di vista Strike/Rocco, fuorilegge/forza dell’ordine, per tutta la narrazione e scavo psicologico dei personaggi. Sì, ci vengono raccontati desideri, paure, fantasmi e ragioni di chi scappa e di chi insegue, senza distinzioni. Il motto: non giudicare, comprendi. (R. Brioschi)

 

CLOCKERS
Richard Price, Neri Pozza, 448 pagg., 18,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Una ‘storia semplice’ nella Sardegna degli anni Venti. Il governo Sabaudo firma un provvedimento – l’Editto delle Chiudende – che autorizza la recinzione delle terre comunali. La parola chiave a giustificazione della sottrazione delle terra alla comunità – che trasforma i piccoli coltivatori in forza lavoro a basso costo per i grandi feudatari – è ‘modernizzazione’. I vari Don della comunità di Ozieri cominciano a sfregarsi le mani in attesa dell’editto che li arricchirà ulteriormente, ma sanno che c’è ancora una piccola formalità da sbrigare: Bachis De logu. È un vecchio giacobino reduce dalla Sarda rivoluzione che senza mezzi termini esprime la propria ostilità nei confronti dell’editto. Ai notabili del luogo, per evitare che i lamenti diventino sommossa popolare, non rimane che una cosa da fare. Trasformando Ozieri nell’ombelico del mondo e affidando a ogni personaggio una propria funzione narrativa (l’usuraio, il massone, il ricco feudatario, il pavido investigatore, il ribelle...), l’autore costruisce una trama capace di raccontare con precisione e semplicità il processo storico di accumulazione originaria del capitalismo. Il risultato è un’inequivocabile denuncia della natura predatoria della classe dominante di ogni tempo e luogo. (Milton Rogas)

 

UNA SEMPLICE FORMALITÀ
Giuseppe Masala, Regina Zabo (epub/mobi), 102 pagg., 3,99 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Che cos’è il disincanto? Come agisce? Quali forme può assumere e che tipo di ricadute può avere sull’esistenza di coloro che lo vivono? In questi racconti, Vanina Sartorio offre una risposta a tali domande, attraverso la costruzione di personaggi mai banali, spesso alle prese con problematiche quotidiane, che, poste sotto la lente di ingrandimento della narrativa, esplicano tutta la loro potenza tanto più distruttrice in quanto viene comunemente minimizzata. Sicché, fin dal primo racconto, siamo costretti a misurarci con uno dei tabù dell’epoca moderna: la depressione di una madre che arriva a pensare di uccidere il proprio figlio di appena un anno. Ma il disincanto può essere anche quello di un bambino che si accorge di stare crescendo: non lo diverte più sentire la propria eco nell’androne del palazzo e, al parco, partecipa con scarsa convinzione ai giochi dei suoi coetanei. Vorrebbe ‘salvare’ il cane di un vecchio affetto dalla sindrome di Diogene, ma, alla fine, scopre amaramente che la bestia preferisce stare dove si trova. Forse allora il disincanto è l’antitesi dell’incanto, che porta alla sintesi di una maggiore consapevolezza. Quella che ha certo dimostrato di possedere Vanina Sartorio in questo suo esordio. (I. Adami)

 

RACCONTI E DISINCANTI
Vanina Sartorio, 13Lab Editore, 154 pagg., 12,50 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

In un’epoca in cui il telespettatore lobotomizzato riesce a entusiasmarsi al cospetto di uno spettacolo raccapricciante come Lo Show dei Record, nel quale vengono esibiti come fenomeni da baraccone l’uomo e la donna più alti o bassi del mondo, l’uomo interamente tatuato o con le corna sulla fronte o col maggior numero di piercing, la donna barbuta e altre tristi amenità, è bene rimarcare, come il libro in questione fa, che questo genere di spettacoli non ha nemmeno il pregio dell’originalità in quanto ha ripreso pari pari la moda dei Freak Show (letteralmente ‘esibizione di mostri’), in voga nell’800, che puntavano sull’esposizione di individui affetti da qualche deformità, e dei cosiddetti zoo umani nei quali venivano esibiti dietro le sbarre, dunque disumanizzandoli, pigmei, boscimani, indios dell’Amazzonia e rappresentanti di altre etnie, spesso deportati nel vecchio continente con l’inganno e la violenza. Simboli del dominio dell’uomo occidentale, nelle intenzioni degli organizzatori gli zoo umani (che è bene ricordare si protrassero fino agli anni ‘50 del Novecento) servivano per legittimare l’imperialismo, il colonialismo e il razzismo, trasformando l’Altro in qualcosa (non in qualcuno) da contrapporre all’uomo bianco evoluto. Libro imperdibile. (G. Ciarallo)

UOMINI NELLE GABBIE
Viviano Domenici, Il Saggiatore, 337 pagg., 17,00 euro

Acquista il libro su

 

Torna all'inizio

 

È una grande lezione di cinema, di etica, di coerenza politica e ideologica quella che il grande regista britannico impartisce in questo brevissimo libro intervista, appena 48 pagine, scritto a quattro mani con il giornalista e attivista per i diritti umani Frank Barat. Ken Loach spiega i suoi metodi di lavoro, la scelta degli attori, l’importanza della colonna sonora, l’essenzialità di costruire una squadra compatta sul set, le tecniche di montaggio, ma soprattutto racconta della finalità ultima del suo lavoro che consiste, come recita il titolo del libro, nello “sfidare il racconto dei potenti”, nel guardare le cose da un altro punto di vista schierandosi senza fraintendimenti, senza preoccuparsi di urtare la sensibilità di alcuni (anche a sinistra, come avvenne all’uscita del film Terra e libertà). “Gli artisti rappresentano un pericolo per le élite, perché sono spiriti liberi che si rivolgono alla gente, la emozionano. [...] L’arte può fare da detonatore, essere la scintilla che dà fuoco alle polveri. Dopodiché spetterà a noi alimentare la fiamma, tenere viva la rabbia e trasformarla in un movimento globale che possa condurre a un cambiamento radicale e profondo della nostra società nel suo complesso”. What else? (G. Ciarallo)

 

SFIDARE IL RACCONTO DEI POTENTI
Ken Loach, Lindau, 56 pagg., 9,00 euro

Acquista il libro su

 

Torna all'inizio

 

“La colonizzazione dell’immaginario [...] è dunque un processo sociale post-novecentesco, attuale e di una tale ampiezza che il passato colonialistico dei Paesi capitalistici non ha mai conosciuto”. Usando i termini ‘colonizzazione’ e la locuzione che dà il titolo al saggio, Impero virtuale, Curcio mostra sin dall’inizio la posta in gioco della società nel futuro prossimo venturo – indirettamente evidenziando le basi sulle quali organizzare una resistenza. Focus del discorso è la tecnologia digitale, ovvero l’analisi della vita sociale ormai scandita quasi esclusivamente dall’intenso rapporto emotivo legato alla convivenza dell’uomo con la macchina. Tra i tanti meriti di questo ricco saggio, il più importante è quello di smantellare il mito della ‘rivoluzione’ digitale come qualcosa che avrebbe
liberato l’individuo, mostrando come “l’innovazione digitale, al contrario, abbia stretto la morsa del capitale sui lavoratori, sui consumatori e più in generale su chiunque vi acceda”. A tutto vantaggio delle grandi imprese capitalistiche – Google, Apple, Facebook, Microsoft, Amazon – che fondano la loro fortuna economica sulla vendita di informazioni che ogni utente fornisce, più o meno inconsapevolmente, ai loro ‘misteriosi’ algoritmi. (Gio Sandri)

 

L’IMPERO VIRTUALE
Renato Curcio, Sensibili alle foglie, 112 pagg., 15,00 euro

Acquista il libro su

 


Torna all'inizio

 

Che cos’è una fuga? È un abbandono, precipitoso e improvviso di un luogo. È una perdita di oggetti e affetti. Ma nelle arti figurative la fuga è il punto d’incontro delle linee, così vale per questo racconto inedito di Christa Wolf in cui, come in tutte le grandi partenze – declina morte – i ricordi, le esperienze e i percorsi di vita finora tracciati convergono, corrono in mente, tutti insieme presenti all’appello. Capita alla quindicenne Helene.
Perché in una fredda mattina di gennaio la giovane ragazza, l’io narrante della storia, con un gruppo di parenti lascia la città, invasa dai carri armati sovietici. Siamo in Germania, 1945. Magistrale l’abilità della scrittrice di raccontare la storia muovendosi su piani temporali diversi, senza mai una dispersione, ma anzi dando una forte idea di compattezza nel portare avanti temi e costruzione di personaggi. Ciò che nasce è una scrittura viva, ricca di paragoni, che fuoriesce dalla pagina; le voci dei protagonisti, grazie all’uso sapiente del discorso diretto libero, pare di sentirle, lì accanto, mentre scorrono le vicende. E la frase d’inizio, quel «No, non è stato così», a ribadire con furia una narrativa come spazio della memoria, della testimonianza, della confessione di verità. (R. Brioschi)

 

EPITAFFIO PER I VIVI. LA FUGA
Christa Wolf, Edizioni E/O, 160 pagg., 14,50 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Gli Wapshot sono un’aristocratica famiglia di St. Botolphs colta nella sua fase di declino e sgretolamento. È lo scandalo a defraudare i personaggi di questo ironico e sferzante romanzo della rispettabilità, unico baluardo al quale sembrano aggrapparsi per affrontare la vuota quotidianità. Honora, Coverly e Moses sono gli ultimi rappresentanti della famiglia e, anche se lo scandalo ‘ufficiale’ che muove la vicenda è l’accusa di evasione fiscale imputata all’anziana cugina, il processo di scorticamento delle apparenze operato da Cheever, pone il dubbio che lo scandalo sia lo strumento adottato per smascherare l’ipocrito conformismo di tutti i personaggi. I fratelli Coverly e Moses Wapshot, le loro mogli Betsy e Melissa, Honora stessa, costituiscono un piccolo mondo fatto di negazione della realtà, di desiderio di appartenenza alla società, di ostinata ricerca di rifugio nel fulgore di un passato che non ha trovato degni rappresentanti nel presente. A ognuno l’autore toglie i riferimenti sottoponendoli a scandali personali che come satelliti ruotano attorno a quello più generale che coinvolge l’intera famiglia, per registrarne sì il fallimento, ma anche la capacità di ricostruirsi una nuova realtà, se non idilliaca, meno artefatta. (V. Sartorio)

 

LO SCANDALO WAPSHOT
John Cheever, Fandango, 336 pagg., 18,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

A volte capita nella vita di incontrare persone o di vivere situazioni la cui relazione con il reale viola i principi e le regole della sana logica. Momenti, di fronte ai quali la ragione resta senza voce. Il cliché da genere letterario si riferisce a questi incontri usando termini quali ‘mostri’ e ‘fantasmi’, e forse sì, forse è vero che da ingredienti simili è composta la materia narrativa di questi cinque racconti della Byatt. Però c’è molto di più. In fondo, la narrativa si è spesso confrontata con il soprannaturale per affrontare l’ignoto che pervade il quotidiano, e molto spesso lo ha fatto pur tenendosi fuori dalle rigide traiettorie dell’horror – basti pensare a Giro di vite di Henry James e alle sue storie di fantasmi. Nel caso della Byatt, il perturbante penetra il quotidiano in maniera più sottile, e lo fa per conviverci o per accedere alla psiche sotto forma di esperienza positiva, per quanto dolorosa. È un perturbante che si accompagna a tenerezza e a pietà, e che spesso entra con l’amore, penetra nella solitudine, viene a disfare certezze... e costringe il lettore a riflettere su quante volte ciò che definiamo ‘inspiegabile’ intervenga nella vita per consegnare un nuovo punto di vista e correggere l’immagine che abbiamo di noi stessi. (Milton Rogas)

 

LA COSA NELLA FORESTA
A.S. Byatt, Einaudi, 204 pagg., 12,50 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Dare voce alla realtà dei black bloc non è semplice: non esiste un manifesto politico così come non ci sono referenti da contattare, e la difesa dell’anonimato con cui si proteggono è pari all’avversione che nutrono per giornalisti e media (difficile dargli torto). Il merito di Fracassi è quindi di essere riuscito a raccogliere alcune testimonianze, dando la possibilità al lettore di confrontarsi direttamente con il famigerato blocco nero. Esercizio interessante, anche se non mancano contraddizioni tra le diverse dichiarazioni, inevitabili in una galassia non strutturata e non gerarchica. Quello che invece si poteva evitare sono le interviste agli ‘esperti’, che aggiungono nulla a quanto già si legge sui quotidiani dopo ogni manifestazione – condanna dell’uso della violenza, ipotesi di infiltrazione da parte della polizia, suggestioni di controllo a opera dei servizi segreti, richiamo alla strategia della tensione. Anche perché Fracassi costruisce un
libro in due parti che però non dialogano tra loro, con il risultato che la manovra a tenaglia degli ‘esperti’ raggiunge l’obiettivo di squalificare politicamente i black bloc, nel momento in cui non riconosce in loro una opposizione al sistema. (G. Cracco)

BLACK BLOC. VIAGGIO NEL PIANETA NERO
Franco Fracassi, Alpine Studio, 142 pagg., 11,00 euro

Acquista il libro su

 

Torna all'inizio

 

Nel tributare il giusto plauso alle edizioni Mimesis che hanno pubblicato questo classico firmato da Boltanski, un allievo di Pierre Bourdieu, e dalla sua collaboratrice Chiapello, è impossibile non segnalare al lettore l’incredibile ritardo con cui questo testo è stato reso disponibile al mercato italiano, un ritardo ancor più grave poiché quando questa opera (che oggi appare come una acuta, minuziosa, descrizione della società odierna) uscì nel 1999, la sua triste qualità profetica spiccava con massima forza. Vicino alla prospettiva previana, anche se arricchito da contributi provenienti dal campo delle scienze sociali e della statistica, questo testo illustra dunque benissimo “l’unico dei mondi possibili”, ovverosia un mondo permeato dal Capitalismo in ogni sua piega, con il tragico effetto di produrre ogni giorno sempre maggiori disuguaglianze e sfruttamento. Un quadro che è cominciato a precipitare, fatalmente, nel 1968 e che, a partire del 1989 non ha conosciuto più alternativa. Il nuovo spirito del capitalismo è un saggio corposo, per molti versi impegnativo, ma essenziale per capire in tutta la sua gravità il pericolo derivante dal trionfo capitalistico, spingendo dunque a trovare oggi nuove forme di dissenso. (A. Cresti)

 

IL NUOVO SPIRITO DEL CAPITALISMO
Luc Boltanski e Ève Chiapello, Mimesis Edizioni, 680 pagg., 38,00 euro

Acquista il libro su

 

Torna all'inizio

 

Come può prendere vita quel fenomeno paradossale per cui molti lavoratori sfruttati siano d’accordo con chi li sfrutta, e felici di esserlo? Questa domanda è il punto focale da cui si dirama la riflessione proposta in questo saggio, nel tentativo di svelare uno degli arcani della modernità lavorativa. Lordon focalizza l’analisi sui desideri e sugli affetti – partendo dal concetto di conatus, di Spinoza – che muovono l’individuo ad appassionarsi al proprio lavoro cercando e rintracciandovi una soddisfacente realizzazione del Sé. L’autore supera il concetto di ‘servitù volontaria’ elaborato da La Boétie per entrare nei meccanismi di transizione del desiderio, e mostra la capacità della struttura oggettiva – il sistema – di diventare soggettiva attraverso il desiderio, nella forma di un immaginario. La volontà e la consapevolezza sono, secondo Lordon, fuori questione. Qui è il desiderio che sostituisce l’imposizione tipica dei regimi. Si tratta di strutture, di tecnologie, di produzione di desideri. Lettura stimolante, quindi, che cerca di integrare Marx formulando un’antropologia delle passioni e avvalendosi delle riflessioni di Foucault e Bourdieu, e del fondamentale supporto dell’Etica di Spinoza. (Milton Rogas)

 

CAPITALISMO, DESIDERIO E SERVITÙ
Frédéric Lordon, Derive Approdi, 216 pagg., 16,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Radical chic è una definizione divenuta di uso comune, ma la si può comprendere in tutte le sue pungenti e impietose sfumature (e quindi godere a pieno quando la si utilizza) solo leggendo il testo di Tom Wolfe, che la inventò nel 1970. Siamo in pieno new journalism, la tecnica narrativa si mescola alla scrittura giornalistica, e il risultato è un racconto/analisi sociologica che non ci si stanca mai di rileggere – quindi un ringraziamento a Castelvecchi che l’ha riportato nelle librerie. La nostalgie de la boue è la chiave, e la maledizione, della Nuova Società affermatasi a New York verso il 1965, da cui nasce il radical chic: un concentrato di contraddizioni e incongruenze, un animale sociale della buona borghesia bianca di sinistra “che di radicale ha solo lo stile”; sincero fan delle Black Panthers che invita ai party, fino a quando non comprende che l’eventuale rivoluzione farebbe piazza pulita anche di lui.
Superfluo dire quanto il ritratto sia ancora puntuale per la ‘sinistra bene’ – salvo il fatto che ha saggiamente imparato a fare a meno dell’ebrezza di una pantera in salotto. Necessario invece ricordare quanto l’intelligente ironia, la cultura, lo stile, la tecnica di scrittura di Tom Wolfe, siano sempre una boccata d’ossigeno per il cervello. (G. Cracco)

 

RADICAL CHIC
Tom Wolfe, Castelvecchi, 122 pagg., 7,90 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Nel settantesimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo, un collettivo di autrici e autori racconta, per immagini o attraverso la parola, alcune storie legate a quella cruciale stagione per il nostro Paese, che fu la Resistenza. Lontani dall’essere mero esercizio di retorica, i racconti di Festa d’aprile narrano, in modo sincero e originale, la Storia e le storie – che è bene ricordare sono sempre frutto di scelte operate da esseri umani in carne e ossa e non da entità astratte – che portarono l’Italia a liberarsi dal giogo della dittatura fascista e dalla presenza dell’occupante tedesco. Il titolo del libro, Festa d’aprile, è ispirato alla nota canzone partigiana scritta e musicata da Sergio Liberovici e Franco Antonicelli. Non mancano sguardi e riflessioni sull’oggi, sulle influenze e i riflessi che quegli eventi hanno determinato, sull’importanza della memoria e sul pericoloso tentativo di cancellazione e di revisione della Storia. Festa d’aprile è un’azione partigiana, un monito per far sì che il settantesimo anniversario della Liberazione si traduca in una rinnovata testimonianza – principalmente rivolta alle giovani generazioni – dei valori universali di libertà, di dignità umana, di giustizia sociale, che furono propri della Resistenza. (G. Ciarallo)

 

FESTA D’APRILE
AA.VV., Tempesta Editore, 188 pagg., 23,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Con gli ottimi risultati di vendita del libro Dimentica il mio nome di Zerocalcare, peraltro indicato come ‘Libro dell’anno’ dagli ascoltatori del programma radiofonico Fahrenheit, è caduto definitivamente il tabù che da sempre ha relegato il fumetto, o come si dice da qualche tempo a questa parte, la graphic novel, in un angolo nascosto della narrativa. Opere come Gian Maria Volonté dimostrano che sono invece necessarie le doti del miglior scrittore per raccontare, sceneggiare, disegnare (e non solo graficamente) caratteri e personaggi, e dominare quell’elemento che è forse il più scivoloso nell’esercizio della scrittura: il dialogo. Con un tratto grafico efficace e particolare il racconto si snoda, in modo alquanto visionario e onirico, attraverso la parabola artistica del grande attore, in un susseguirsi di personaggi da lui interpretati (El Chuncho, Teofilatto dei Leonzi, Lulù, Bartolomeo Vanzetti, Giordano Bruno, il dirigente di polizia di Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto), mescolando generi e saltellando nei secoli e nella Storia fino alla fuga finale, con un Gian Maria Volonté in salvo sulla sua amata barca, la Arzachena, sulla cui vela campeggiano i magnifici versi di libertà di Paul Valéry: Le vent se lève. Il faut tenter de vivre. (G. Ciarallo)

 

GIAN MARIA VOLONTÉ
G. Pucciarelli, P. Castaldi, G. Morici, Becco Giallo, 128 pagg., 15,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Il nuovo saggio del giovane filosofo Diego Fusaro, dedicato alla figura di Antonio Gramsci, e dal felice taglio divulgativo, prende le mosse dalla consapevolezza di trovarsi di fronte a un intellettuale “noto, ma non conosciuto”; in effetti il nome di Gramsci, immaginetta sacra dell’antifascismo, non ha mai finito di essere pronunciato, ma cosa sappiamo in realtà del suo pensiero, della sua filosofia, che pure ci sarebbero di grande aiuto nei tempi che viviamo? In questo senso ogni giorno la sinistra italiana, quella che vanterebbe una diretta discendenza dalla figura del “Marx italiano”, ne perpetra l’assassinio, contraddicendo con le azioni quell’insegnamento di agire appassionato, di bellezza dell’ideale che, invece, sarebbe tesoro prezioso, soprattutto per i più giovani, oramai monadi dominate da sentimenti di apatia e anomia.
Fusaro analizza con competenza e passione i vari punti del pensiero gramsciano, compresi i rapporti con Marx, Croce e Gentile, la peculiare idea di praxis, il concetto di egemonia, concludendo che “il solo modo per ereditare Gramsci è ripartire dal suo progetto incompiuto”, fuori da autoghettizzazioni e da tradimenti. Ed è un auspicio che non possiamo non condividere. (A. Cresti)

ANTONIO GRAMSCI
Diego Fusaro, Feltrinelli, 176 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su

 

Torna all'inizio

 

Dopo l’orrendo attentato alla redazione francese della rivista Charlie Hebdo fatalmente ci si è cominciati a interrogare anche sull’essenza della cultura francese, sulle sue linee di continuità e rottura nel corso dei secoli, e non crediamo sia un caso che appaia ora sul mercato editoriale questo inedito di Cioran, scrittore rumeno che con la Francia ha sempre mantenuto un singolare e intenso rapporto di amore/odio. Chi volesse trovare una spiegazione ai recenti atti terroristici ovviamente non troverà soddisfazione da questo libello (peraltro scritto nel lontano 1941)… Oppure sì, perché l’incredibile scrittura aforismatica di Cioran, qui al suo massimo, è in grado con poche pennellate, quasi come un pittore Zen, di far percepire nell’essenziale il carattere, e dunque i guasti, le contraddizioni, i possibili rischi di un mondo, che qui appare grandioso e meschino al contempo: “Non credo che avrei tanto a cuore i francesi, se non si fossero tanto annoiati nel corso della storia”… Un incipit assoluto, sarcastico e profondo al tempo stesso che ci immerge in una lettura che non può non affascinare anche chi è digiuno di letteratura filosofica o di storia francese. Tagliente come la lama di un coltello. (A. Cresti)

 

SULLA FRANCIA
Emil Cioran, Edizioni Voland, 112 pagg., 13,00 euro

Acquista il libro su

 

Torna all'inizio

 

La crisi che attraversa il mondo del lavoro sociale è profonda quanto nascosta. Riguarda il ruolo delle imprese – privati che si sostituiscono a uno Stato che arretra – il denaro che vi circola – sempre più proveniente dalle fondazioni bancarie – la figura dell’operatore sociale – lavoratore (precario e senza diritti) o militante (da sfruttare in nome della mission)? Ma è il rapporto con le istituzioni il punto di messa a fuoco dell’inquadratura. Quando iniziò negli anni ’70, l’imprenditoria sociale laica era controistituzionale: nata su spinte valoriali e politiche, in discussione poneva la società che produceva il disagio, non l’individuo che lo viveva. Oggi, il suo ruolo è normalizzare, inserire la persona nella società, e se ciò non è possibile, contenerla. Le esperienze raccontate al cantiere manifestano la crisi etica vissuta dai lavoratori, a cui viene chiesto di riprodurre un’istituzione ormai palesemente repressiva mettendo in atto dispositivi di controllo e contenimento. Ne consegue una crisi identitaria disperante, che riguarda non solo gli operatori ma l’intera società; perché l’esclusione sociale, nell’epoca neoliberista, è destinata ad aumentare, e con essa le persone soggette a sorveglianza e contenimento; e i profitti di questa economia basata sul disagio. (G. Cracco)

 

LA RIVOLTA DEL RISO
Renato Curcio (a cura di), Sensibili alle foglie, 175 pagg., 16,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

In Italia, Danilo Kis è praticamente sconosciuto ai lettori, nonché piuttosto ignorato dalla stampa; per cui non è superfluo ricordare che egli sia stato uno degli scrittori più importanti del Novecento. Questa raccolta esce postuma, riassunta simbolicamente, a mo’ di enunciato lirico, rubando il titolo di uno dei sei racconti presenti nel libro. Il ‘liuto’ e le ‘cicatrici’ stanno per l’arte e i fantasmi, stanno per la scrittura e la morte, ovvero stanno per i due temi costanti dello scrittore, immersi nelle tragedie che hanno attraversato il secolo scorso. Le storie qui raccontate parlano di destino, di pene d’amore, della tristezza del ricordo, della dimenticanza e dell’esilio.
Sono vicende statiche, quindi; quelle dei sopravvissuti alle tragedie, personaggi che vagano con la soma del ricordo e della testimonianza sulle spalle. Storie di incontri con la morte, quindi. E là dove incombe la morte, là dove la tristezza della memoria si fa insostenibile, sembra ricordare l’autore, l’unica salvezza, l’unica accoglienza, non possono che essere rintracciate dentro il calore e nel silenzio della scrittura e dell’arte. (Milton Rogas)

 

IL LIUTO E LE CICATRICI
Danilo Kis, Adelphi, 157 pagg, 13,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Se è possibile, o anche solo pensabile, scrivere ancora di campi di concentramento e di Resistenza, se si può aggiungere qualcosa a quello che i testimoni diretti hanno già raccontato, è un interrogativo che resta senza risposta. Sceglie di farlo, in ogni caso, Elena Rausa, in questo suo primo romanzo, ma l’impressione è che a guidare la penna non sia l’ambizione di aggiungere qualcosa a quel capitolo della nostra Storia, quanto il desiderio di parlare di sopravvissuti, e del prezzo che si debba pagare per la sopravvivenza a un evento così drammatico come la morte di
una persona amata, quando sopravvivere ha il sapore di un tradimento.
Tradire la memoria, l’assenza e il dolore, perché la vita, parafrasando De Andrè, ha la vita come solo argomento. Così una psicologa con i capelli
bianchi, con i suoi non detti e i suoi numeri tatuati – e poi cancellati – sul braccio, si perde e si ritrova negli occhi e nei silenzi, altrettanto ostinati, di una bambina rimasta orfana; mentre un uomo convinto di essersi già giocato – male – tutte le carte, si vede offerta un’inattesa, feroce possibilità di riparare a errori e peccati di omissione, e di riafferrare, in coda, un senso. (Gio Sandri)

 

MARTA NELLA CORRENTE
Elena Rausa, Neri Pozza, 272 pagg., 16,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Dezio ha attraversato la letteratura con Nicola Rubino è entrato in fabbrica (Feltrinelli, 2004): la storia dell’operaio licenziato dopo il contratto di formazione ripropose i temi volponiani de Le Mosche del Capitale con una sensibilità post-novecentesca, estranea all’utopia della solidarietà di classe. Mentre nei talk show il dibattito sul lavoro si faceva salottiero, molti lessero chi in fabbrica c’era stato davvero: il romanzo vendeva diecimila copie ed è tuttora nei manuali di letteratura, ma la Feltrinelli lo metteva fuori catalogo ed è ormai introvabile. Dezio ora torna con la leggerezza di chi non ha cercato un continuo presenzialismo in libreria: in Qualcuno è uscito vivo dagli anni Ottanta supera l’autobiografismo dell’esordio e traccia la storia della ricezione delle controculture internazionali in una provincia pugliese periferica e gretta. Sono citati 70 gruppi rock, punk e new wave, cui si appassionano i tossicodipendenti degli anni ’80, come i laureati degli anni 2000. Nella flagrante comicità conferita ai racconti dalla prima persona, affiora spietata e retrospettiva l’analisi microstorica che individua in quei decenni i mali di oggi, tra maschilismo berlusconoide, deculturazione televisiva, licenziamenti e delocalizzazioni. (C. Mazzilli)

 

QUALCUNO È USCITO VIVO DAGLI ANNI OTTANTA
Francesco Dezio, Stilo, 120 pagg., 12,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

È una scrittura coraggiosa nella sostanza e al contempo vorticosa e aforismatica nella forma quella della scrittrice, giornalista e autrice televisiva Susanna Schimperna. Verrebbe da affiancare questo suo libercolo lucido e feroce al grande Cioran, se non fosse che gli esiti ricercati sono totalmente opposti. Laddove lo scrittore rumeno si muoveva nell’orizzonte della negazione di ogni speranza, per la Schimperna si tratta di “studiare la felicità”, una condizione questa che, verrebbe da dire leggendo i suoi pensieri, può esser raggiungibile solo attraverso la difesa della libertà del proprio essere, del proprio spirito critico.
In poche pagine infatti non c’è luogo comune di cui non ci si faccia beffe, sempre, però, mostrando una volontà fattiva, costruttiva. Apprezzabile soprattutto il libertarismo vero, non flatus vocis, che emerge da queste pagine e che si traduce in un netto e fermo grido contro qualsiasi forma di censura o di tabù. Cattivi pensieri è il classico libro che esalterà o irriterà il lettore, senza mezzi termini, e la sua autrice verrà alternativamente considerata una guru sui generis oppure una furba mentitrice. Noi apprezziamo sinceramente il coraggio e lo sforzo! (A. Cresti)

CATTIVI PENSIERI
Susanna Schimperna, Castelvecchi, 128 pagg., 14,50 euro

Acquista il libro su

 

Torna all'inizio

 

Non inganni il titolo del nuovo saggio dello studioso di filosofia Domenico Losurdo, già autore di volumi di notevole pregio (citiamo su tutti lo splendido Nietzsche, il ribelle aristocratico): non ci troviamo qui di fronte a un banale j’accuse diretto alla pseudosinistra italiana. Tale meritoria istanza infatti scaturisce direttamente dalle pagine di questo lavoro che è prima di tutto un’opera di disvelamento sui legami che sussistono tra l’odierno attacco a tutto campo nei confronti dello Stato sociale e le numerose operazioni militari guidate dagli Usa, che l’autore non esita a definire “imperialistiche” e “neocolonialiste”.
Il tragicomico paradosso è quello di una società che da un lato promuove con ogni mezzo una visione individualistica della vita, dall’altra, per i suoi biechi scopi di volontà di potenza, titilla gli istinti di unione comunitaria solo in occasione delle sue politiche di aggressione.
E la sinistra? Essa, se dal 1989 non avesse deciso di riconvertirsi ai dogmi del neoliberismo, avrebbe delle praterie operative se non fosse che ovunque non si può che registrarne la pavida assenza. Una assenza anche filosofica, tanto è vero che l’autore attacca come agenti di tale pavidità anche intellettuali celebrati come Latouche, Žižek, Foucault, Agamben. (A. Cresti)

 

LA SINISTRA ASSENTE
Domenico Losurdo, Carocci Editore, 304 pagg., 23,00 euro

Acquista il libro su

 

Torna all'inizio

 

Mentre il Capitale “celebra ovunque le sue orge” si moltiplicano iniziative editoriali che tentano di tracciare un percorso alternativo a quello imposto univocamente dal pensiero unico neoliberale. Una di queste alternative è certamente quella incarnata dal pensiero della Decrescita, sia nella sua variante più ‘morbida’ e prettamente ecologista, incarnata da Serge Latouche, sia in quella più radicale, dell’antimodernismo alla Massimo Fini. È su questa linea che si attesta l’interessante lavoro di Dal Monte, chirurgo e conferenziere, che si propone l’ardito compito di rileggere criticamente gran parte dei caposaldi economici e filosofici del sistema Occidente. Ecco dunque che l’autore decostruisce con efficacia non solo i modelli produttivi imperanti, ma anche il mito della scienza e della tecnica, presi nel loro complesso. Quello di Dal Monte non è dunque un, pur brillante, pamphlet, al pari di molti lavori immaginati nello stesso solco (compreso proprio La Ragione aveva torto? di Fini), ma un affresco denso, coerente e coraggioso che si fa apprezzare proprio per la sua capacità di mantenere una visione d’assieme sulle problematiche del presente e per l’azzardo di proporre “una nuova immaginazione” che proprio da queste nostre miserie possa farci risorgere. (A. Cresti)

 

L’ALLUCINAZIONE DELLA MODERNITÀ
Pier Paolo Dal Monte, Editori Riuniti, 432 pagg., 22,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Per William McIlvanney, non è affatto esagerato dire, come si può leggere nelle prime pagine del libro dedicate ai giudizi della stampa internazionale, che “è il più grande scrittore scozzese contemporaneo” e che il personaggio da lui creato, il poliziotto Jack Laidlaw, è “l’erede malinconico di Philip Marlowe”. Come cerchi nell’acqua, riedizione con nuova traduzione di Laidlaw. Indagine a Glasgow, già pubblicato nel 2000 dall’editore Giovanni Tranchida, è un’indagine incentrata su un difficile caso
di stupro e omicidio di una ragazza, in una Glasgow degradata e violenta. Ma la storia raccontata è una questione secondaria, nella narrativa di McIlvanney: il reato commesso è solo un pretesto per analizzare il criminale, chi il crimine combatte, e la società che tutto comprende e tutto determina. Nei romanzi che vedono protagonista Jack Laidlaw si rimane affascinati dagli ingranaggi mentali del detective, dalla sua umanità, dall’assenza in lui di granitiche certezze: Laidlaw è un essere lacerato, un uomo colto che sente su di sé il peso del degrado morale inarrestabile che devasta la vita della città e della gente che ama. William McIlvanney, dunque, l’autore contemporaneo che più si avvicina alla lezione dei grandi maestri dell’hard-boiled Hammett e Chandler. (G. Ciarallo)

 

COME CERCHI NELL’ACQUA
William McIlvanney, Feltrinelli, 272 pagg., 12,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Chi è La Pastora? Uomo Florencio o donna Teresa? Essere sanguinario o pacifico? È ancora in vita? Quanta importanza ha avuto nella lotta armata contro il regime di Franco? Questi gli enigmi del romanzo, le domande a cui il giornalista Carlos e Lucien, psichiatra francese, vogliono a tutti i costi dare risposte. Siamo in Spagna, l’anno è il 1956. Nel giro di un mese i due mollano baracca e burattini e mettono in piedi una spedizione sulle tracce della Pastora tra i paesi sperduti delle montagne. Perché corre voce che lì abbia trovato rifugio. La storia ufficiale non ha dubbi e senza andare per il sottile emette la sentenza: ermafrodito pericoloso per la collettività, con un carico di delitti e crudeltà di ogni genere sul groppone, da sopprimere. Ma le cose stanno davvero così? Qui l’originalità. Il viaggio di Carlos e Lucien è lotta contro le dicerie, contro la storia come ce la vogliono dare a bere, contro un’informazione superficiale e marchettara. Al punto che l’indagine scappa di mano e i due protagonisti mettono in discussione le loro stesse esistenze. Di fronte al dolore e all’ingiustizia si può continuare a portare l’abito di sempre? Carlos e Lucien prendono la palla al balzo.
A volte basta darsi una possibilità. (R. Brioschi)

 

DOVE NESSUNO TI TROVERÀ
Alicia Giménez-Bartlett, Sellerio, 460 pagg., 16,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

“C’è l’ho fatta infine a beccarla! […] Non le basta avere un marito, tanti soldi e tutto il resto, deve anche soffiare il moroso a una povera ragazza…” È l’inizio del viaggio negli inferi di Irene Wagner, bella donna della borghesia aristocratica viennese, maritata con un noto penalista e madre di due figli, per buona parte della giornata affidati alle cure di una cameriera. Una vita priva di emozioni che un giorno la conduce nell’appartamento di un giovane pianista. Ma quando la fidanzata del suo amante la ferma sulle scale e comincia a ricattarla, inizia per lei una vita di menzogna e di terrore. Irene paga finché si accorge che le sue riserve economiche sono destinate a finire. E allora? Cosa accadrà? Da queste domande, la vicenda inforca un percorso inatteso superando l’usurata trama del ricatto, per entrare a piedi uniti nei meandri dell’ideale borghese di stabilità e sicurezza. La vita tanto detestata, comincia così ad assumere agli occhi di Irene i contorni di un Paradiso perduto. E quando la donna si accorge di non averlo nemmeno vissuto, tanto le appaiono estranei il marito e i figli, ecco farsi strada un’idea tragica. Da rileggere una seconda volta per godere di una diversa prospettiva sulla vicenda. (Milton Rogas)

 

PAURA
Stefan Zweig, Adelphi, 113 pagg., 10,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

È una tesi capace di far sobbalzare il lettore politically correct (molto meno quello smaliziato…) quella che anima il nuovo saggio dello studioso di filosofia Azzarà, ovverosia che dietro alla inarrestabile deriva neoliberista e alle tentazioni autoritarie (“bonapartiste”, nelle parole dell’autore) che oramai permeano ogni aspetto della realtà sociale di questo Paese non stia Berlusconi coi suoi venti anni di ‘tenebre’, come amerebbero farci credere Scalfari & Co., bensì proprio quella sinistra che a partire dal 1989 ha rinnegato ogni sua ragion d’essere finendo per superare a destra le formazioni e le idee che per decenni aveva avversato. Il discorso è semplice: il conflitto è necessario oggi come non mai e in questo conflitto socioculturale l’attuale sinistra è avversaria, non alleata. Il rottamatore postmoderno Renzi è dunque il punto di arrivo di una vicenda dai tratti tragicomici. Azzarà convince non soltanto nell’analisi politologica della realtà attuale, ma soprattutto nella volontà di uscire dalla dimensione del pamphlet affrontando le problematiche messe in campo su un piano filosofico e dimostrando quanto il nostro Paese avrebbe bisogno di una filosofia e non di ideologi, megafoni del pensiero unico, come oramai accade a tutte le latitudini del pensiero. (A. Cresti)

DEMOCRAZIA CERCASI
Stefano G. Azzarà, Imprimatur Editore, 336 pagg., 16,00 euro

Acquista il libro su

 

Torna all'inizio

 

Ci sono due città: una legittima e un’altra illegittima, che offre servizi alla prima, nonostante ufficialmente venga denigrata. Gli operatori di quest’ultima sono per la maggior parte migranti, almeno per quanto riguarda il livello più basso della gerarchia criminale. Si tratta di spacciatori e ladri di origine africana, asiatica, sudamericana. Per loro seguire la strada dell’illegalità è la scelta più razionale. Dopo un viaggio durato mesi, a volte anni, tra il deserto, il mare e le montagne, si trovano davanti alla prospettiva di lavorare per due euro l’ora in qualche cantiere o in un campo di pomodori, col rischio di essere comunque arrestati in quanto clandestini; oppure iniziare a vivere volontariamente ai margini della società, sperando un giorno di guadagnare abbastanza soldi per riuscire a tornare a casa (tratte clandestine al contrario non esistono e non si può viaggiare, prendere un aereo, senza documenti). Andrea Staid offre un’analisi etnografica, priva di autocompiacimento accademico, in cui le voci dei protagonisti sono raccolte in diversi anni di lavoro sul campo, dove l’osservatore, pur rimanendo intrinsecamente al di fuori della comunità, è riuscito a stringere rapporti di reciproco rispetto e fiducia. (I. Adami)

 

I DANNATI DELLA METROPOLI
Andrea Staid, Milieu Edizioni, 192 pagg., 13,90 euro

Acquista il libro su

 

Torna all'inizio

 

Sul petrolchimico e le centrali a carbone di Brindisi pesa il silenzio. Un tempo regno della Montedison, oggi vi operano l’Enel, l’Eni e la A2A. L’inquinamento di fumi, polveri e ceneri ha reso il territorio tossico, e tra il 2000 e il 2005 è esplosa la percentuale di tumori. Ma le istituzioni sanitarie
locali hanno svolto per anni un ruolo passivo; la magistratura supplisce alla mancanza di responsabilità politica ma produce anche tante archiviazioni e assoluzioni, rinchiusa in paradigmi mono-causali. Eppure quando la Montedison ha avviato al sud la lavorazione della plastica era consapevole della nocività del cloruro vinile monomero; quando l’Enel e l’Eni subappaltano la manutenzione, istituendola ‘a chiamata’ (a rottura), non possono non essere consapevoli dei rischi sull’ambiente e sulla salute.
Quando esistono precise catene di comando, esistono altrettanto precise responsabilità. Perché nel frattempo i lavoratori di ieri e di oggi sono sottoposti al ricatto salute/lavoro, muoiono, migrano al nord in ‘viaggi della
speranza’, lottano per farsi riconoscere dall’Inps la malattia professionale.
Il libro è il risultato di un cantiere sociale, dove a raccontare la realtà di Brindisi sono state le stesse persone che la vivono; perché nessuno può conoscerla meglio di loro. (G. Cracco)

 

IL PANE E LA MORTE
Renato Curcio (a cura di), Sensibili alle foglie, 175 pagg., 16,00 euro


Torna all'inizio

 

Quando Nicolas si trova di fronte alla maestra e ai compagni, si accorge di aver dimenticato lo zaino. È nella macchina del padre che ora è lontano. Se la caverà senza? Il padre glielo riporterà? Perché la vacanza sulla neve durerà una settimana. Ed è proprio l’enigma di un ritorno, quello del padre, a farsi trama e al tempo stesso porta d’accesso del significato, varco per l’altra storia, la parallela, quella vissuta nell’inconscio, sede del vero conflitto. Ciò che viene narrato nel romanzo diventa allora quel processo interiore di ricerca della figura paterna, in tutte le sue fasi, distruzione in pezzi e ricomposizione – non a caso il mito di Iside e Osiride è il preferito dal bambino – dove momenti sereni per la sublimazione in un nuovo ideale
si alternano a stati depressivi per la frustrazione di aver creduto a una chimera o per la colpa di un crimine solo desiderato. Dinamiche nascoste che vengono a galla attraverso simboli e parole chiave: il racconto ne è ricco tanto da mandare in tilt il sistema di controllo delle nostre paure – grazie anche alla rivelazione raccapricciante nei capitoli finali – trascinando la scrittura di Carrère in un horror a tutti gli effetti. Crescita uguale dolore e solitudine: la lezione di Nicolas. (R. Brioschi)

 

LA SETTIMANA BIANCA
Emmanuel Carrère, Adelphi, 139 pagg., 16,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Jack Henry Abbott inizia la sua corrispondenza dal carcere con Norman Mailer, nel momento in cui viene a sapere che questi sta lavorando a un libro sulla vita di Gary Mark Gilmore (Il canto del boia, premio Pulitzer 1980), criminale americano passato alla storia per aver chiesto la sua condanna a morte, in seguito a due omicidi commessi nello Utah. Abbott, che ha passato quasi tutta la vita in prigione, si propone di descrivere a Mailer i meccanismi sociali che regolano i rapporti tra le guardie e i detenuti, nonché le sue impressioni sulla politica e il mondo esterno. Il risultato è straordinario. Durante gli anni passati in cella, ha avuto modo di studiare Marx, Hegel, Kant, tutti i classici della filosofia, oltre che della letteratura. La sua consapevolezza si è scolpita nell’esperienza di un uomo naturalmente libero, che non ha mai accettato di “aver buttato via la chiave”, nonostante le durissime punizioni disciplinari a cui viene sottoposto, a causa del suo atteggiamento ribelle.
In seguito alla pubblicazione di Nel ventre della bestia, viene rilasciato in libertà condizionata. Sei settimane dopo, uccide a coltellate un cameriere di ventidue anni. Tornato in carcere, nel 2002 si impicca alle sbarre della sua cella. (I. Adami)

 

NEL VENTRE DELLA BESTIA
Jack Henry Abbott, DeriveApprodi, 192 pagg., 15,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Ho ucciso un principio non è un saggio ma un romanzo che prende l’avvio nel momento in cui Gaetano Bresci approda a Milano, una settimana
prima di attuare il suo proposito di vendicare, uccidendo il ‘Re Buono’ nel parco di Monza, le vittime della repressione dei moti del ‘98. Con frequenti flash-back l’autore ripercorre la vita del tessitore anarchico: la breve infanzia per la precoce entrata in fabbrica, i primi scioperi, l’emigrazione in America, le riunioni nei circoli anarchici, la decisione di uccidere il re, il ritorno in Italia.
L’epilogo della storia è noto, pur se costellato di punti oscuri: attuato il suo proposito, Bresci viene spedito nel terribile penitenziario borbonico sull’isola di Santo Stefano e sottoposto a torture e a un regime di totale isolamento. Qui l’anarchico trova la morte in circostanze misteriose, impiccato a una branda – lui, privato di ogni oggetto e controllato da uno spioncino notte e giorno da guardie che si danno il cambio. Ma più delle torture fisiche e psicologiche, del ricordo di Sophie e della piccola Madeline, del vuoto lasciato dai compagni di Paterson, ad angustiare le ultime ore di Bresci è il rammarico per l’inutilità del suo gesto, mancata scintilla dell’agognata rivolta popolare. (G. Ciarallo)

 

HO UCCISO UN PRINCIPIO
Paolo Pasi, Elèuthera, 176 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Tronchetti Provera ha sempre affermato di essere stato all’oscuro del
dossieraggio messo in piedi in Telecom dal gruppo della security gestito da Tavaroli. Tutto può essere, ma è certo che le intelligence delle multinazionali non hanno nulla da invidiare a quelle statali né la competizione economica alle tensioni politiche fra Paesi. D’altronde i servizi
hanno collaborato con le industrie fin dal dopoguerra (anche in funzione anticomunista), e il vuoto prodotto dal crollo del Muro ha portato molti agenti a migrare nelle security aziendali. Lì il lavoro è lo stesso, mutano solo – ma nemmeno poi tanto – gli obiettivi: proteggere le tecnologie, la produzione e gli stabilimenti nei Paesi critici e muoversi con destrezza negli scenari esteri. Gli aneddoti di Tavaroli risentono di una visione un po’ troppo epica, ma sono esemplificativi del campo di azione di una security aziendale, e le contestualizzazioni di Boatti tracciano il quadro generale. Scritto quando il processo Telecom era agli inizi, il libro è (anche) una autodifesa di Tavaroli, ma non è questo ciò che conta, ancor più se lo si legge oggi: perché nelle
storie di spie non esiste il confine tra lecito e illecito né quello tra buoni e cattivi; checché ne dica Tronchetti Provera. (G. Cracco)

SPIE
Giorgio Boatti e Giuliano Tavaroli, Mondadori, 241 pagg., 18,50 euro

Acquista il libro su

 

Torna all'inizio

 

Un’inchiesta rigorosa, che de-costruisce la struttura economica italiana per ri-costruire l’unità di classe. L’analisi poggia su dati e statistiche ed entra nel dettaglio dei diversi settori economici e della relativa quantità e qualità dell’occupazione, non tralasciando il lavoro ‘indipendente’, i disoccupati, i Neet. L’intento, dichiarato, è quello di riportare la classe in sé a essere classe per sé, perché non esiste organizzazione senza coscienza, e il primo passo è smontare l’etica ufficiale che afferma che la classe operaia è divenuta marginale, come se il commesso di una catena di distribuzione, l’impiegata di uno studio legale, il precario di una software house o la falsa partita iva di una società di marketing non fossero working class e il loro lavoro non fosse il perno del processo di sfruttamento che genera il profitto del Capitale. Una poderosa mole di dati sotto la lente di ingrandimento della chiave di lettura marxiana, un’indagine che coniuga teoria e prassi: a ogni settore produttivo è legata un’analisi del possibile intervento politico e soprattutto l’esperienza diretta del collettivo, che negli ultimi anni ha partecipato a diverse lotte sul campo a fianco dei lavoratori.
Assolutamente, da leggere. (G. Cracco)

 

DOVE SONO I NOSTRI
Clash City Workers, La casa Usher, 202 pagg., 10,00 euro

 

Torna all'inizio

 

La globalizzazione ha creato una nuova forma di imperialismo: l’imperialismo globale. Diversamente dalle fasi precedenti, è innanzitutto mondiale, quindi mira ad abbattere ogni barriera nazionale per poter attuare il processo di accumulazione su scala planetaria; non ha un unico ‘sovrano’ – si confonde il potere militare degli Usa con il potere politico – ma una governance planetaria, caratterizzata da una potenza nel ruolo di sceriffo armato, un banchiere mondiale e un Paese che funge da mercato principale di assorbimento delle merci prodotte; ed è qui che si scatena il conflitto tra Stati per assumerne il ruolo. Il rapporto tra struttura e sovrastruttura, tra Capitale (sovranazionale) e politica (nazionale), resta dunque di complicità, ma diviene anche conflittuale. È in pratica la globalizzazione del modo di produzione capitalistico, che di contro globalizza anche il conflitto Capitale/lavoro. Un sistema che produce crisi cicliche, finanziarie ed economiche, in cui esplodono le contraddizioni del capitalismo, e mutamenti dei rapporti di forza.
L’analisi di Screpanti è puntuale e approfondita, e non può certo essere riassunta in poche righe. Occorre leggerla. Perché è necessario aggiornare il pensiero marxiano alla complessità di oggi. (G. Cracco)

L’IMPERIALISMO GLOBALE E LA GRANDE CRISI
Ernesto Screpanti, DEPS Siena, 271 pagg.


Torna all'inizio

 

Alto Adige, anni Sessanta. Pioggia di attentati a monumenti, caserme, binari contro lo Stato italiano, ladro padrone nelle terre di confine. È lì che vivono Paul e Johanna, i protagonisti delle storie del romanzo: due fabule diverse portate avanti di pari passo con la tecnica della narrazione interrotta e ripresa. Paul ha dodici anni e un padre in carcere per ragioni politiche: non sa darsi pace del dolore della madre. Johanna è una giovane infermiera con una spina nel cuore: la balbuzie del fratello. Eppure si ha l’impressione di leggere un unico racconto. L’unitarietà e l’equilibrio sono nei ruoli assegnati ai personaggi, che creano richiami e corrispondenze, e nella risoluzione alle loro mancanze: la parabola di Paul figlio trova la sanatura nel farsi madre di Johanna con i piccoli pazienti. E ancora, di fronte alla morte tragica di un proprio caro, entrambi assumono il compito, con un gesto semplice, è il fazzoletto raccolto o un nome detto, di custodi della memoria, di coloro che conservano quella sofferenza di cui conoscono il peso. Una scrittura ricca che convince e commuove, lontana da ogni astrazione, dove l’oggetto della quotidianità non si riduce a soprammobile, ma è portatore di significato tematico e di sentimento. (R. Brioschi)

 

AI MARGINI DELLA FERITA
Sepp Mall, Keller Editore, 192 pagg., 14,50 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Un detective privato dall’oscuro passato nelle formazioni combattenti degli anni Settanta. Una serie di politicanti egocentrici e intrallazzoni, sempre presenti laddove c’è una torta da spartire. Ripetuti atti di vandalismo contro targhe commemorative di martiri della Resistenza. Un omicidio apparentemente inspiegabile per attuazione e movente. Sullo sfondo una Milano sempre più da bere (e da spremere) e sempre più sospesa tra l’orribile e il magnifico della sua grande Storia.
Matteo Lunardini, scrittore, saggista e collaboratore di varie testate giornalistiche (tra cui Il manifesto e Il fatto quotidiano) con questo suo noir sembra abbia voluto creare un pretesto per raccontare la storia, strettamente legata a quella della città, di quel gioiellino architettonico – voluto da Napoleone e progettato da Luigi Canonica – quale è l’Arena Civica, teatro di grandi spettacoli (dalle americanate di Buffalo Bill alle gare sportive e record nell’atletica, fino ai più recenti concerti rock) e di vicende drammatiche come l’eccidio del 1943, le torture della Legione Muti e della banda Koch.
Ah, dimenticavo. Il detective è un omaccione in baffo e mosca, al pari di un noto musicista americano. Non a caso tutti lo chiamano Zappa. (G. Ciarallo)

I FANTASMI NELL’ARENA
Matteo Lunardini, Le Milieu, 168 pagg., 12,90 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Ne Il grande imbroglio, Gaston Criel racconta le avventure sentimentali di Robert Reynaud, un poeta fuorilegge, incapace di adeguarsi ai meccanismi e ai codici di un sistema sociale cappio, che gli brucia ossigeno. Nella Parigi del secondo dopoguerra, il protagonista vive, sono parole sue, un tale quarantotto di donne, da non ritrovare più se stesso. Come se non bastasse, sperimenta fisicamente la condizione del prigioniero, prima in un soggiorno nelle patrie galere e in seguito a New York, nel ruolo di mantenuto dell’ereditiera Nancy. Scritto con una lingua viva che non teme tabù di sorta, apprezzabile l’intensità della prima persona e l’originalità dei paragoni che non si esauriscono nella frase ma tengono in piedi episodi interi, il percorso di Robert è inno che spalanca gli occhi: ciò che conta è il denaro. L’amore? Nient’altro che vitto e alloggio. Il lavoro? È la facciata rispettabile dove si nasconde il borghese, una prostituzione, visto che il fine è arricchirsi. Un ethos dissacrante, urlato a gran voce per tutte le pagine, che, pur attraendo, non riesce però a sopperire il conflitto narrativo, linfa vitale di una trama che qui non c’è. E quella storia, manca. È un romanzo in fin dei conti, la filippica non basta. (R. Brioschi)

 

IL GRANDE IMBROGLIO
Gaston Criel, Elliot, 192 pagg., 17,50 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Scontato oggi denunciare l’intreccio mafia e politica; lo era molto meno nel 1986, quando Michele Pantaleone, politico, scrittore, giornalista, da più di quarant’anni impegnato in una strenua lotta contro Cosa nostra, inizia la sua collaborazione con il quindicinale l’Obiettivo di Castelbuono (Palermo), che “rappresentò e supplì lo spazio che altri ben più diffusi organi di stampa avrebbero dovuto assicurargli”. Sono qui racchiusi i suoi articoli fino al 1997, ed è solo leggendo le puntuali accuse e le cronache senza sconti che ci si rende conto di quanto la battaglia fosse quotidiana e faticosa. La distrazione dello Stato, il terzo livello che appariva inattaccabile, le correnti di partito che favorivano il rapporto criminale di scambio voto-appalti, le schede di 164 politici mafiosi coperte da “segreto funzionale” dalla Commissione Antimafia della Quinta legislatura (1972), le querele, le diffamazioni, fino all’accusa di essere lui stesso mafioso. Ma Pantaleone era tenace, e le 164 schede – vicenda oggi finita nell’oblio – furono pubblicate diciassette anni dopo; ma, “purgate dalle accuse”, e perse in quattro poderosi volumi di “ciarpame e paccottiglia” priva di attendibilità. Perché “quando tutto e mafia, nulla è mafia”, e “la mafia è sempre stata governativa”, scriveva Pantaleone. (G. Cracco)

ORA LA SACCIU, ORA LA DICU
Michele Pantaleone (a cura di Ignazio Maiorana), ISSPE, 266 pagg.

 

Torna all'inizio

 

La facoltà dei mercati di autoregolarsi è una menzogna. Lo dimostra bene la crisi attuale, determinata dalla frode dei subprime. Alla luce di un neoliberismo sempre più radicale, è lecito chiedersi quale sia la linea di confine che separa il crimine organizzato dai funzionari del Capitale. Il grande stratagemma della modernità consiste, infatti, “nel legalizzare la truffa, nel liberare cioè il crimine dalla morsa delle leggi”. L’analisi tiene conto di numerose realtà, da quelle esplicitamente delinquenziali (Cosa nostra, mafia, ‘ndangreta, Mileu ecc.), a quelle che, pur mantenendo rapporti stretti con le prime, godono di una sostanziale immunità all’interno del sistema economico e penale. È il caso dei Pfb (Paradisi fiscali bancari), la “punta di diamante” della finanza dell’ombra (shadow banking). Indicativa, da un punto di vista antropologico, è la collusione dello show-business con i vari livelli delle organizzazioni. In questo senso, si crea una vera e propria cultura romantica del crimine, ben testimoniata dalla quantità di film e videogiochi presenti sul mercato.
Un saggio importante per comprendere la natura predatoria del capitalismo e la sua incapacità a svilupparsi in maniera etica. (I. Adami)

 

COLLETTI CRIMINALI
Jean-François Gayraud e Carlo Ruta, Castelvecchi editore, 220 pagg., 17,50 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch gestiscono il 95% del mercato del rating: di fatto, orientano investimenti e speculazioni finanziarie e fanno pressione sulle politiche economiche dei Paesi, tramite la valutazione dei debiti sovrani. Sono controllate da banche d’affari e fondi di investimento, in un primo conflitto di interesse; sono pagate dall’impresa, Stato, ente su cui emettono il giudizio, in un secondo conflitto di interesse; tengono riservati i criteri usati per il calcolo del rating; non rispondono giuridicamente degli errori (Enron, Argentina, Parmalat, Cirio, Lehman Brothers) appellandosi al Primo Emendamento della Costituzione americana: il rating è una opinione, non una raccomandazione all’acquisto o vendita, non una certificazione contabile, non una garanzia sulla solvibilità del titolo, affermano. La politica ha dato loro potere, ruolo e oligopolio, con la definizione su misura di Nrsro (Nationally recognized statistical rating organization); ogni tentativo di regolamentarle è stato una farsa, ultimo in ordine di tempo il Dodd-Frank Act.
Un saggio utile per le informazioni, a patto di essere vaccinati contro il richiamo al capitalismo etico che pervade gli autori – nonostante la realtà che descrivono: dovrebbero porsi qualche domanda su struttura e sovrastruttura. (G. Cracco)

I SIGNORI DEL RATING
Paolo Gila e Mario Miscali, Bollati Boringhieri, 183 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Un lungo monologo, che nell’iter narrativo si fa filippica e lamento funebre. Come gli aedi greci, nel romanzo di Gabriele Kögl, il narratore è cantore di storie, è principio di vita – fiato e respiro – dal quale si genera l’esistenza dei personaggi che popolano il paese austriaco dove sono ambientate le vicende. Perché è in tale scelta, cioè nel tipo di narratore, l’originalità della scrittura: lì si gioca l’efficacia e la credibilità del libro. Chi racconta in prima persona è la madre che vede andar lontano la figlia con il sogno balordo del teatro e che ha il cuore spezzato per il suicidio del primogenito; al tempo stesso è la vecchia a un passo dalla tomba e la nonna che sogna la felicità per la nipotina o la vicina di casa che vanta i fiori e l’insalata davanti alle finestre dirimpettaie. La narrazione riproduce il modo di raccontare che hanno i vegliardi: il ripetere più volte gli stessi pensieri, passando da un ricordo a un altro. Una cantilena dove il tema della vita è saldato a quello della morte, la partenza al ritorno, mentre l’intreccio degli avvenimenti, continuamente spezzato e ripreso, la tecnica dell’Orlando Furioso, crea aspettativa e sorpresa. L’epilogo è un triste lieto fine sull’eredità lasciata ai posteri. (R. Brioschi)

 

ANIMA DI MADRE
Gabriele Kögl, Keller editore, 160 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Due giovani dal vissuto diverso, un treno diretto a Berlino e una storia: quella di una profonda amicizia e di un grande amore raccontata tutto d’un fiato, attraverso uno stile semplice e una scrittura libera da qualsiasi tecnicismo, che fa della mimesi del parlato la sua maggiore caratteristica. Perché Paul e Henry, i protagonisti, si muovono e agiscono sulla pagina proprio come farebbero nella realtà, raccontando, tra una sigaretta e l’altra, dei propri sentimenti, delle proprie esperienze e della vita in generale. Un viaggio in treno e una sola notte in cui dirsi tutto, o meglio, in cui Henry dirà tutto di sé, raccontando dei suoi amici che non torneranno più, di un amore unilaterale e del tempo che passa troppo in fretta, il tutto attraverso una narrazione essenziale, che, pur procedendo a rilento per metà libro, cattura il lettore fino al colpo di scena finale.
Un breve romanzo generazionale che non ha alcuna pretesa, ma che nasconde, tra le righe delle riflessioni dei due protagonisti, disseminate qua e là come lampi di luce nel buio cupo della notte, un intenso affresco delle conseguenze del destino e delle ansie della post adolescenza. (E. Russo)

L’ULTIMO TRENO DELLA NOTTE
Benjamin Lebert, Marco Tropea Editore, 120 pagg., 8,50 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

C’è una costante che attraversa i personaggi dei testi teatrali qui raccolti. È qualcosa di poco definibile, che va oltre la quotidiana difficoltà di rispettare il patto di buon proseguimento con gli altri. In ognuna delle quattordici opere presenti nel volume – che si tratti di un rapporto affettivo giunto al termine, dell’amore sconfinato per l’arte o di una solitudine conquistata a fatica – il confronto inevitabile e definitivo è sempre con la vita e con quel capestro che spesso in modo troppo sbrigativo definiamo il mondo di oggi. Si potrebbe parlare di una sorta di trascendenza mai espressa per intero, eppure profondamente intuibile da chiunque abbia provato almeno una volta nella vita il disagio di essere fuori posto pur sentendosi nel giusto, di vedere nel prossimo un nemico a sua volta incolpevole. Sulle storie raccontate aleggia il ghigno di una forza superiore che assomiglia molto all’aria che respiriamo. Malgrado ciò, nessuno di questi personaggi cede mai alla debolezza di vivere da vinto. Al contrario, ognuno di questi viene colto nel momento di una scelta estrema che rappresenta un’affermazione di identità, la rivolta contro la dittatura del buon senso, anche quando il prezzo da pagare è la perdita della felicità a ogni costo. (Gio Sandri)

 

OSTAGGI A TEATRO
Angelo Gaccione, Ferrari Editore, 202 pagg., 15,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Nel 1900, in una conferenza a Milano, sull’onda del processo Notarbartolo, il palermitano Gaetano Mosca racconta la mafia: è rurale e satellitare, formata da tante piccole cosche spesso in conflitto fra loro. È in pratica l’eredità diretta dei gabellotti, sganciatisi dall’aristocrazia dopo l’Unità d’Italia e divenuti piccoli proprietari di terre. Non è certo la mafia di oggi. Eppure la lettura di questo breve pamphlet non ha solo ragioni storiche. Ciò che supera il tempo, infatti, e che prevale sull’evidente diversità economica, politica e culturale di una realtà distante più di un secolo, è la collusione della mafia con le istituzioni: polizia, prefetti, questori e via a salire, sindaci, assessori e deputati. Mosca parla di “mafia in guanti gialli”, quelli che oggi definiamo ‘colletti bianchi’, e di una protezione che ha tradizioni antiche: “Protezione che individui delle classi superiori, qualche volta investiti del mandato politico, e che le stesse autorità governative accordano alle cosche di mafia”. Dunque, conclude Mosca, non fu la mafia – non ne aveva la forza – a impedire che i responsabili del delitto Notarbartolo fossero scoperti, a garantire loro una lunga impunità, ma “buona parte del nostro mondo politico”. Allora come oggi, la forza dell’organizzazione è la sua relazione con lo Stato. (Gio Sandri)

CHE COSA È LA MAFIA
Gaetano Mosca (a cura di Marcello Saija), Edizioni di storia e studi sociali,
72 pagg., 8,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Il sapere operaio, si sa, non è mai diventato potere operaio. Questa raccolta di testimonianze ripercorre la storia del gruppo fondato da Toni Negri e Franco Piperno, che dal 1969 al 1973 fu attivo su tutto il territorio nazionale, da Porto Marghera a Torino, da Milano a Roma. Pagina dopo pagina si alternano voci contrastanti, ognuna con una visione propria dei fatti che portarono alla formazione e allo scioglimento dell’organizzazione, avvenuto in seguito al rogo di Primavalle e al convegno di Rosolina. La nicchia armata Lavoro Illegale, a stretto contatto con i Gap di Giangiacomo Feltrinelli, viene raccontata da Cecco Bellosi, Valerio Morucci, Mario Dalmaviva, Oreste Scalzone. La difficile convivenza in seguito alla svolta leninista tra chi conservava posizioni spontaneiste e coloro i quali puntavano alla formazione di un partito; il merito di essere stati tra i primi a identificare la figura sociale dell’operaio-massa; i punti in comune e le differenze con Lotta continua e le altre realtà della sinistra extraparlamentare… tutto è lasciato
alla narrazione dei protagonisti, in un volume che, oltre alla documentazione storica e politica, porta dietro sé il profumo antico e del tutto umano di quegli anni di lotte. (I. Adami)

 

INSURREZIONE ARMATA
Aldo Grandi, Rizzoli, 437 pagg., 9,50 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Questa ricerca antropologica vuole smantellare le falsità del bombardamento mediatico anti-migranti. Le élite dominanti creano sempre più numerosi richiami alle origini e alla purezza, per perseguire determinati obiettivi politici. Manipolando il passato e utilizzando a loro consumo concetti come tradizione, etnicità e cultura. A questo modello l’autore contrappone il pensiero meticcio. Un mondo in grado di accogliere, ascoltare e capire le differenze. Il meticciamento non è mai soltanto biologico, è il rifiuto dei valori egemonici dominanti di identità e stabilità. Non è una fusione è confronto fra tanti, è dialogo. Il modello meticcio è consapevole che ogni cultura è tesa alla trasformazione continua. È un pensiero di un mondo dove si riconosce eguale dignità alle diverse culture che auspica un mescolamento, un’ibridazione continua che porti le culture nelle condizioni di cambiare più rapidamente e felicemente possibile. Una ricerca antropologica costruita anche attraverso le conversazioni con i migranti in varie città del nord Italia. Interviste che raccontano in prima persona la complessità del quotidiano. Tra lavoro precario, sfruttamento e le forme di socialità che i migranti sperimentano nelle nostre città. (C. Vaineri)

LE NOSTRE BRACCIA
Andrea Staid, Editore Agenzia X, 192 pagg., 13,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Al primo approccio la struttura, la trama e le tematiche sono quelle del romanzo di formazione con tanto di cambio di ambiente, due secondo il canone gli scenari: l’Angola, terra nativa e punto di partenza, e il Portogallo, approdo e campo da gioco minato ad hoc di prove che il personaggio principale affronterà da solo. Perché sull’ultimo aereo che lascia il Paese africano prima dell’indipendenza, Rui, il quindicenne protagonista, ci sale con la madre e la sorella, più spaesate di lui, ma senza il padre, suo riferimento, rimasto nelle mani dei ribelli. Il ragazzo rivedrà mai l’amato genitore? È in questa lunga attesa il valore del romanzo. Telemaco che aspetta sulla spiaggia di Itaca il ritorno di Ulisse.
La narrazione cioè non si chiude nel circoscritto cortile del conflitto madrepatria/Stato suddito, ma nell’archetipo del figlio alla ricerca del padre prende la via dell’universalità, liberandosi anche dai confini stretti di un genere letterario. E allora la storia di Rui, raccontata in prima persona, al tempo verbale del presente, in un continuum narrativo, in cui il discorso diretto entra nella pagina senza segni di interpunzione, corre diretta al cuore. Chi non ha sperato almeno una volta di vedere il padre giungere all’orizzonte? (R. Brioschi)

 

IL RITORNO
Dulce Maria Cardoso, Voland Feltrinelli, 224 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

“Ninna nanna, dorma fiöö / El tö pà el g’ha un sàcc in spala / Che l’è piee de tanti ròp” canta Davide Van De Sfroos. Ninna nanna, dormi figliolo / tuo padre ha un sacco in spalla / che è pieno di tante cose. Bellosi descrive l’epoca del contrabbando che caratterizzò il comasco, raccontando le storie di personaggi divenuti vere e proprie leggende, come il Ment, il Barogia, il Cinto e il Vanel. L’economia di paesi come Colonno, Lezzeno, la zona della Tremezzina e la Val D’Intelvi si è retta fino agli anni Sessanta su questo tipo di attività, tessendo una maglia sociale caratterizzata da un’omertà sana in quanto popolare, non suddita della paura o del potere, ma espressione di un forte senso di comunità.
Al loro fianco, fiorivano i cuochi di Argegno e Tremezzo, veri e propri fondamentalisti della tradizione, artisti della pietanza, anche se non mancavano gli outsider, come il Nino e il Bruno. Inoltre: becchini poeti, anarchici decoratori di chiese, partigiani, rivoluzionari del Risorgimento, il tutto condito dalla giusta dose di ironia e tenerezza. Bellosi traccia un affresco corale della sua terra, ponendo l’accento sugli irregolari che l’hanno vissuta, “in attesa di una nuova storia con i piedi nell’acqua e la testa fra le nuvole”. (I. Adami)

CON I PIEDI NELL’ACQUA
Cecco Bellosi, Milieu edizioni, 240 pagg., 14,90 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Dancing after hours, il titolo originale di questa raccolta di racconti sospesi sul filo del dolore, rende più espressamente il tema che lega le tredici istantanee che compongono l’opera. I suoi personaggi, sono attratti dal peccato come falene dalla luce di una candela che inevitabilmente brucerà loro le ali. Eppure a ognuno è concessa un’altra possibilità, un ballo fuori orario, simbolo di speranza. Gli sbagli che li porteranno al fallimento, alla perdita della felicità, o le disgrazie che li hanno travolti, sono già avvenuti e il racconto li coglie intanto che cercano di rimettere insieme i pezzi. Oppure sono nel pieno della tentazione, stanno guardando in faccia il desiderio dietro cui si nasconde l’ennesimo vuoto, prima di scegliere ugualmente di seguirlo, fedeli alla propria natura umana.
Le vite dei protagonisti sono colte di sorpresa, in un intreccio in cui i personaggi tornano da un racconto all’altro, ripresi ogni volta da un’angolazione nuova, attraverso la descrizione di gesti quotidiani in apparenza privi di significato, ma minuziosi come mappe dell’essere che conducono il lettore nelle profondità esistenziali dei suoi personaggi. (V. Sartorio)

 

BALLANDO A NOTTE FONDA
Andre Dubus, Mattioli 1885, 233 pagg., 17,90 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

“La gioventù recita incurante la sua ricerca d’identità nel teatro delle strade cercando non di ottenere obiettivi ma ruoli, protesi verso un’identità che sfugge loro”. Questi e altri i temi presenti in questa intervista del 1969 al “gran sacerdote del culto Pop e metafisico del media”, Marshall McLuhan, all’epoca già famoso per Gli strumenti del comunicare. L’intervista è un utile strumento per fare una summa dei principali argomenti che il professore ha affrontato nel corso della sua prolifica attività. Ma è bene evidenziare che, a parte gli utili spunti di riflessione teorica circa l’impatto dei media sulla società, la rimozione della coscienza individuale e la risultante atrofia dell’inconscio, le sue teorie sulla detribalizzazione e le conseguenti previsioni appariscenti su una nuova comunità tribale e postmoderna, fondata su una coscienza collettiva, hanno bisogno di essere bilanciate criticamente e messe sempre in discussione. Ma lui stesso alla prima domanda: “Marshall McLuhan cosa sta facendo?”, ammette di essere un esploratore che agisce come uno “scassinatore” più che come un profeta. C’è da chiedersi forse se queste profezie non convenissero ai fautori di un nuovo spazio politico cui McLuhan prestava il proprio lavoro. (C. Pezzuto)

INTERVISTA A PLAYBOY
Marshall McLuhan, Franco Angeli, 96 pagg., 15,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Il rapporto magistratura/politica è argomento che va al di là dell’affaire Berlusconi, ed è un aspetto che riguarda tutte le democrazie e investe ontologicamente la questione della legittimità del Terzo potere. Mettendo a confronto i Paesi di common law con quelli di civil law, i due autori ripercorrono le differenze tra le strutture giudiziarie, dal reclutamento alla carriera, dal legame con la politica al livello di indipendenza al sistema dei contrappesi tra poteri, in un’analisi che ruota intorno a quel punto focale che in Italia è diventato tabù affrontare: la magistratura fa politica. Ancor più in Paesi dalle maggioranze parlamentari deboli, che producono leggi caratterizzate da clausole generali incerte e contraddittorie, che per essere applicate necessitano di una forte interpretazione del magistrato. Ed è allora che il nodo della legittimità diventa cruciale, perché in una democrazia il potere politico è legittimato dalla volontà popolare. Come si concilia, dunque, una magistratura burocratica, come quella italiana, sottratta al controllo dei cittadini, con la sua funzione politica?
Questo saggio è del 1997, e non si trova più in libreria. Ma per affrontare la questione, lontani da tifoserie, occorre spesso risalire ad analisi pre-ventennio berlusconiano. Biblioteche e bancarelle di libri possono essere buoni posti dove cercare. (G. Cracco)

 

LA DEMOCRAZIA GIUDIZIARIA
Carlo Guarnieri e Patrizia Pederzoli, Il Mulino, 186 pagg.

 

Torna all'inizio

 

Il futuro sarà uno schermo totale che ingloba la società: iPhone, iPad, computer, internet e immagini, come ci stanno trasformando? Il capitalismo ha fatto sua la rete, passando dall’industrialismo all’informazionalismo: “Noi non siamo i clienti di Google, siamo il suo prodotto”. Il feticismo delle merci individuato da Marx alla sua massima espressione. Una trasformazione che poggia sulla cultura del consumo, nella quale non solo gli individui tendono sempre più a diventare testimonial di loro stessi, utilizzando la stessa logica promozionale della pubblicità, in un modello esistenziale che è quello dei reality show, ma l’utente protagonista attivo collabora alla costruzione della notorietà e dell’immagine dei prodotti e dei brand. L’autoproduzione ha sostituito l’immaginazione, l’autoespressione la creatività artistica, e ne è nata una ‘dittatura della mediocrità’, divenuta ‘egemonia sottoculturale’ proprio perché perfetta sovrastruttura dell’attuale capitalismo neoliberista. Anche il controllo ha fatto sua la rete, in un effetto omologante che da una parte influenza il modo di pensare e dall’altra rende internet, grazie ai social network, ai cookie e alle informazioni rubate, il Panopticon del XXI secolo. Come diceva Foucault, il potere circola: “Il potere transita attraverso, non si applica agli individui”. (G. Cracco)

L’ERA DELLO SCHERMO
Vanni Codeluppi, Franco Angeli, 96 pagg., 15,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

A Nordìa la democrazia è interattiva, la sicurezza è partecipata, il Parlamento è la General Management Ministerial Area, l’homo è oeconomicus; pass, telecamere, ordine e vigilanza regolano la vita sociale, l’informazione è un circo mediatico di reality-fiction e sondocrazia, gli individui si distinguono tra Inluogo, i nativi, e Fuoriluogo, gli stranieri in temporaneo soggiorno lavorativo, separati tra loro da un rigoroso regime di apartheid. Rita, ripiegata sul privato, si è adeguata distrattamente ai progressivi cambiamenti, finché un’eredità inattesa la porta a vivere in un appartamento nel prestigioso condominio Sicurezza e civiltà: lì, il macrocosmo diviene microcosmo e si capovolge. Noi e lei i pronomi usati dai vicini di casa: noi, da sempre qua, e prima di noi i genitori, i nonni; lei, l’ultima arrivata. La coscienza di Rita si risveglia. La sorveglianza dei condomini si fa stringente, le regole paralizzanti, le dilazioni al Security Center pericolose, e Rita comprende che a Nordìa nessuno è al sicuro; perché, cambiando prospettiva, ognuno all’improvviso può essere considerato un Fuoriluogo, o un sovversivo.
Un romanzo distopico, con omaggi a Orwell e Huxley, che incastra perfettamente in un orrifico futuro tutti quei tasselli che già compongono il presente. (G. Cracco)

 

IL CONDOMINIO DI VIA DELLA NOTTE
Maria Attanasio, Sellerio, 196 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Cittadina di Višegrad, Bosnia orientale. Lì il 14 giugno 1992 avviene un omicidio di massa: quarantadue persone, tra cui donne e bambini, vengono chiusi in una casa e arsi vivi. Una sola superstite. Quando Robert, studente berlinese di origine croate, anni dopo ritorna sul luogo della tragedia, vede ancora i muri bruciati. Ma cosa c’entra lui con quella strage? E la sua fidanzata serba Ana? Perché quel fatto è un ostacolo alla loro storia d’amore? Quella notte il fuoco pare aver distrutto molte più vite di quanto ne dicano i dati ufficiali. È l’enigma del romanzo. Insieme al dramma
del male. Nessuno sembra esserne immune, nessuno può ritenersi fuori dal gioco o senza colpa, e perciò assolto. L’idea che vede gli innocenti da un lato e i carnefici dall’altro viene scardinata da un racconto che si giostra sull’alternanza dei tempi verbali, passato-presente, e sui cambi di narratore: intermezzi in prima persona, è Robert stesso che parla, sostituiscono la scrittura in terza. E in quei monologhi si affaccia anche l’interrogativo sulla giustizia. Le prove e le testimonianze di un tribunale sono sufficienti per comprendere e giudicare le azioni di un uomo? Il verdetto, assoluzione o condanna che sia, basta a quietare le coscienze? (R. Brioschi)

MARE CALMO
Nicol Ljubic, Keller Editore, 192 pagg., 14,50 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

“Fino alla pubertà Curzio visse più nei vicoli che a casa. Lì aveva fatto il puledro, la pecora , il leone e il coniglio, a seconda dei rapporti di forza. Le aveva date e prese di santa ragione”. Tre frasi che indicano il destino di un ragazzo nato in Calabria da una famiglia povera, la cui ‘unica’ risorsa sono i valori e la dignità. Con questo bagaglio, Curzio percorre la propria vita cercando di non diventare uno schiavo. Si fa una cultura, conosce l’arte e cerca di seguire il proprio desiderio, e lo fa fino al giorno in cui, testimone di un omicidio, decide di denunciarne i responsabili. Il lettore però si accorge presto che questo fatto, utile a lanciare la trama, non è che il tratto narrativo scelto dall’autore per raccontare l’Italia. Il risultato è una storia di ricchezze edificate sul sudore e il sangue degli ultimi che, per non morire di fame, sono costretti a migrare (come accade a Curzio). Un intreccio che coinvolge mafiosi, fascisti, democristiani, fino agli spietati colonnelli di Videla, nell’Argentina degli anni Settanta, a mostrare che il potere, pur nelle sue sfaccettature, è sempre violento.
In quest’ultimo romanzo, Russo raccoglie l’eredità di Saverio Strati e riconsegna la Calabria alla letteratura di serie A. (Gio Sandri)

 

ALL’INFERNO CON RITORNO
Cataldo Russo, Guida, 232 pagg., 13,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Il titolo originale dell’opera è: “Come la rete sta cambiando il nostro cervello”. È questo il tema del libro. Partendo da una breve e sintetica storia della scrittura, della stampa e della lettura, Nicholas Carr, dati scientifici alla mano, spiega come il cervello umano sia predisposto al cambiamento e a un’evoluzione, in conformità con i mezzi tecnologici a disposizione. La rete e la diffusione dei pc non fanno eccezione. Tuttavia, in quest’ultimo stadio tecnologico, più che di cambiamento si può parlare di totale riprogrammazione del cervello. Una mutazione radicale del meccanismo di approccio cerebrale ai testi, dovuta alle caratteristiche delle dinamiche tipiche della rete e dei suoi sacerdoti. Velocità, sovraccarico di informazioni, distrazione, sono gli impulsi che internet consegna impacchettati insieme alla merce più diffusa del XXI secolo: l’informazione.
Un meccanismo automatico, legato alla sopravvivenza economica del sistema creato dai guru di Google e dai loro soci ormai miliardari. Più pagine viste, più click sulla pubblicità, più servizi. Il prezzo da pagare è l’incapacità di concentrarsi, di leggere e di memorizzare. L’antidoto? La diffusione di una cultura della consapevolezza. (Gio Sandri)

 

INTERNET CI RENDE STUPIDI?
Nicholas Carr, Raffaello Cortina Editore, 317 pagg., 24,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

La criminalità organizzata non è appannaggio del popolo, anzi: le classi dirigenti sono altrettanto in grado di legarsi in modo strutturato per compiere reati. Si va dalla borghesia mafiosa, endogena alle organizzazioni, alla massoneria, luogo di incontro per antonomasia del piano legale (politico, imprenditoriale, giudiziario, militare ecc.) con il piano criminale, alla ‘zona grigia’, calpestata da soggetti legali che stabiliscono solide e continuative relazioni di complicità con le organizzazioni. Due mondi, quello legale e quello criminale, strettamente collegati perché rappresentano ‘capitale sociale’ l’uno per l’altro. C’è poi la criminalità delle élite finanziarie, frodi sistemiche come quella dei mutui subprime statunitensi, non concepite come tali solo perché divenute lecite, per cultura economica – il neoliberismo della scuola di Chicago – e per leggi politiche conseguenti. E ci sono i paradisi fiscali e bancari, realtà strutturate per nascondere i profitti criminali, anch’essi del tutto legali.
Il white collar crime è un argomento complesso e articolato che tocca l’ambito sociologico, politico, economico e culturale, e non può certo esaurirsi in un breve saggio; ma i due Autori tracciano un percorso che, per quanto rapido, offre buoni spunti per chi voglia poi autonomamente approfondire. (G. Cracco)

 

I NUOVI ORIZZONTI DEL CRIMINE ORGANIZZATO
Jean-François Gayraud e Jacques de Saint Victor
Edizioni di storia e studi sociali, 151 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

“Qualcosa è cominciato ad andare storto nella rivoluzione digitale intorno al passaggio del millennio. Il Word Wide Web è stato inondato da una fiumana di tecnologie di pessimo livello talvolta etichettate come Web 2.0”. Inizia così il saggio di Lanier – pioniere della realtà virtuale – e prosegue sul medesimo tono per l’intero libro. Diverse le denunce rivolte ai tecnologi vincenti della Silicon Valley. Una tra tutte, la convinzione che i computer siano in grado di rappresentare il pensiero umano, di comportarsi come un cervello. Sotto la lente dell’analisi cadono “la mente alveare” (e il sogno di vederla tramutare in un megacervellone similumano)
e la “dittatura cibernetica” che pretende di cogliere la realtà dei rapporti umani con rappresentazioni digitali. A quasi vent’anni dall’ingresso della rete nelle nostre vite, i conti con l’umano sono in passivo. Il ‘tutto gratis e subito’ sta facendo scomparire i giornali e minaccia di fare altrettanto con musica e cinema. E nemmeno la letteratura si sente molto bene, visto il progetto dei cervelloni di Google di costruire una libreria virtuale universale. Intanto, lo sfruttamento del lavoro gratuito degli utenti arricchisce i furboni della Googleplex. E non si vede la fine. (Gio Sandri)

 

TU NON SEI UN GADGET
Jaron Lanier, Mondadori Strade Blu, 267 pagg., 17,50 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Mai ascoltata questa campana. Di solito la voce divulgata è un’altra. Parlano per lo più coloro che la propaganda immola a vittime, e i loro figli, tanti. Invece nel romanzo in prima persona di Pozzo chi racconta sta dall’altra parte della barricata, è sì figlio, ma di uno dei capi dei gruppi armati degli anni Settanta. E le vicende, viste attraverso gli occhi di Pietro, il protagonista, scorrono sul doppio binario della storia, quella con la S maiuscola e quella individuale. Accanto ai litigi con il fratello minore e ai bisogni d’affetto di Pietro bambino, ai primi battiti del cuore, quando ormai è un ragazzo, ci sono i fatti, patrimonio, rimosso e camuffato, di un’intera nazione: come quelli accaduti a Chiavari allo Stella Maris o a Roma per il rapimento Moro o a Parigi con la scuola di lingue Hyperion. La narrazione, resa viva per l’uso del simbolo, del discorso indiretto libero e per il dosaggio opportuno degli enigmi, sa incuriosire il lettore.
Un pensiero percorre il racconto: cosa resta dei padri ai figli? Qual è l’eredità di Pietro? La condizione di esule, che lui si trova addosso. Un’eredità che ha origini lontane, oltre i padri rivoluzionari. Per capire bisogna correre agli antenati partigiani, i primi a fare la scelta. (R. Brioschi)

 

L’ESILIO DEI FIGLI
Claudia Pozzo, Gremese, 252 pagg., 15,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

A un anno esatto dalla morte dell’Autore, viene ristampato il romanzo di Stefano Tassinari che conclude la “trilogia della memoria” iniziata con L’ora del ritorno (2001) e I segni sulla pelle (2003). Dopo aver affrontato, nei primi due libri, una vicenda di lotta partigiana e i cupi giorni del G8 di Genova, lo scrittore si cala con un misto di pudore e passione in quella ferita mai rimarginata che gli anni Settanta, marchiati a fuoco come ‘gli anni
di piombo’, ancora rappresentano per la nazione. L’autore sa bene di cosa parla (un mondo già narrato nella raccolta di racconti D’altri tempi) avendo partecipato attivamente ai movimenti e alle lotte di quegli anni, rivendicando fino alla morte, senza mai nascondere ingenuità ed errori, la ricchezza di quell’esperienza. Il protagonista della storia, a trent’anni di distanza viene risucchiato in un passato che credeva oramai alle sue spalle: qualcuno conosce i suoi trascorsi e li usa come arma di ricatto cercando di distruggere l’equilibrio di un presente normalizzato.
L’amore degli insorti, scritto da Tassinari senza alcun tremore ai polsi, è un romanzo che racconta una generazione di ribelli che, seppur in modi diversi, ha provato utopisticamente a dare l’assalto al cielo. (G. Ciarallo)

L’AMORE DEGLI INSORTI
Stefano Tassinari, Edizioni Alegre, 192 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Pare che il papa appena eletto abbia affermato che le donne sono naturalmente inadatte per compiti politici. Opinione evidentemente non condivisa dallo scrittore siciliano il quale, per contro, narra la breve esperienza di Eleonora di Mora nel ruolo di Viceré di Sicilia, sotto il Regno di Carlo III di Spagna. La rivoluzione della luna è la storia di una donna straordinaria che seppe guadagnarsi rispetto legiferando in favore del popolo, del mondo del lavoro, ma soprattutto delle donne, con la creazione di istituti per orfane e per anziane prostitute, nonché con l’elargizione di una dote per le ragazze bisognose, in età da marito. Il tutto senza gravare i cittadini di nuove tasse ma utilizzando la dotazione spettante al Viceré e il frutto degli espropri di beni ai facoltosi nobili arricchitisi illecitamente. Insomma una patrimoniale ante litteram e un fulgido esempio di lotta al malaffare. Ma Eleonora verrà prontamente rimossa per aver contrastato l’influente vescovo di Palermo Don Rutilio Turro Mendoza, personaggio corrotto, il quale ha dalla sua parte la potenza politica ed economica della Chiesa.
Sarà per questo che il discendente di Don Rutilio Turro Mendoza ce l’ha così tanto con ogni potenziale Donna Eleonora di Mora? (G. Ciarallo)

 

LA RIVOLUZIONE DELLA LUNA
Andrea Camilleri, Sellerio, 288 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Oggetto di contesa politica per tutto il Novecento, oggi lo Stato è considerato qualcosa di scontato. Semplicemente c’è. Ben venga quindi la traduzione italiana delle lezioni tenute da Bourdieu al College de France nell’anno accademico 1989/90, in cui questo oggetto misterioso che è lo Stato, viene messo a fuoco a partire dalla sua genesi. La domanda cardine è la più elementare: che cos’è lo Stato? Il sociologo francese pone alcuni punti fermi, e sin dalle prime battute destruttura l’antitesi Stato hegeliano e Stato marxista, mettendo in primo piano una serie di pratiche con cui l’elemento umano, attraverso il fare, nel corso della storia costruisce e modifica le istituzioni, rimodellando di continuo la struttura statale. Lo Stato è un nome che identifica principi nascosti che legittimano un dominio; è il detentore della violenza simbolica con cui si legittima; è un’illusione radicata nelle teste dei cittadini; è una serie di atti istituzionali che lo legittimano, ma, soprattutto, è un mistero che Bourdieu, fornendo di continuo spunti stimolanti nel procedere del suo discorso, contribuisce a districare, consegnando
al lettore un prezioso metodo di analisi per comprendere in profondità le dinamiche tipiche dei giochi di potere. (Gio Sandri)

 

SULLO STATO
Pierre Bourdieu, Feltrinelli, 208 pagg., 22,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Nonostante ne abbiano dichiarato il progressivo spegnimento, con l’avvento della rete, la televisione è più accesa che mai ed è ancora il medium dominante. La tv commerciale ha compiuto il passaggio dal politico al privato, dalla cultura (pedagogica) al consumo, dalla notizia all’infotainment, e ci ha consegnato una televisione che crea la “dittatura della maggioranza” (audience); oltre a essere autoreferenziale fino al parossismo, e strumento perfetto dell’industria culturale, con l’occultamento delle dinamiche del sistema produttivo attraverso l’omologazione interclassista dei consumi e la creazione dell’elettore massa. McLuhan, Scuola di Francoforte, Postman... ci sono tutti nell’acuta analisi di Freccero, che attraversa gli ultimi trent’anni di vita televisiva e politica del Paese, e va oltre. Perché la domanda fondamentale è: un medium modifica la cultura della sua epoca o ne è specchio?
Di sicuro, apocalittici non ce ne sono più. Da tempo ormai la televisione non è più criticata come medium ma solo sul piano dei contenuti, a dimostrazione di quanto il pensiero unico neoliberista sia divenuto egemone, e ogni cosa – non solo la televisione – sia oggi “naturalmente di destra”. Forse le rete sarà il medium di un’altra epoca, spostando il piano dalla massa alla moltitudine. Forse. (G. Cracco)

 

TELEVISIONE
Carlo Freccero, Bollati Boringhieri, 172 pagg., 9,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

La questione giustizia in Italia è da anni al centro di infinite polemiche. Niente di strano. Qui, i dibattimenti durano più che negli altri Stati occidentali; si aprono più processi di ogni altro Paese europeo; e oltre un terzo delle sentenze impugnate dalla Cassazione vengono riformate. Le magagne sono tante e gravi, quindi, e l’obiettivo di questo saggio consiste nel metterle in luce. L’autore apre il cahier de doléance sin da subito e attacca con i giuristi. Esempi alla mano, mostra quanto malamente vengano scritte le leggi e ne sottolinea la malafede di fondo che vi sta dietro. È da questo argomento, centrale, che comincia il viaggio attraverso i vari gironi del malfunzionamento giuridico-giudiziario. Si transita dalle complicazioni processuali – vera ragione della dilagante impunità – ai meandri linguistici dei codici, talmente pregni d’ambiguità da consentire un’eccessiva libertà creativa ai giudici; s’incontra una magistratura figlia di una formazione difettosa mirata a sfornare tecnici più che giuristi. Per, infine, arrivare agli avvocati, che molto spesso, tra questi flutti, nuotano a meraviglia.
Per chi non si accontenta di guardare la giustizia con le lenti della falsa retorica del giudice, baluardo del sistema democratico. (Gio Sandri)

 

IL DIRITTO E LA MENZOGNA
Umberto Vincenti, Donzelli Editore, 148 pagg., 16,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Il libro, a metà strada tra tagliente reportage sulle fabbriche della morte nel nostro Paese e diario intimo, nel raccontare le vicende di Renato (padre dell’Autore e operaio saldatore tubista) traccia una mappa dei luoghi ove per decenni i lavoratori hanno operato senza la minima tutela per la loro salute. Renato lavora presso l’Ilva di Taranto, la Iplom di Busalla, le acciaierie di Piombino e Terni, il polo chimico di Siracusa, in una raffineria vicino Casale Monferrato, paese della Eternit tristemente noto per la concentrazione di morti per amianto, e lì assorbe le sostanze tossiche che lo porteranno, tra atroci sofferenze, a morte prematura. Il racconto di Prunetti è grido di dolore e vendetta, per suo padre e per ogni operaio sfruttato la cui dignità è calpestata in nome delle leggi del ‘mercato’, maschera che cela un capitalismo sempre più aggressivo, che costruisce ricchezze sulle sofferenze altrui, sul vile ricatto “lavoro senza diritti contro libertà assoluta di sfruttare e seminare malattia e morte”. Amianto è L’urlo di Munch in forma letteraria, è la Guernika di Picasso per il modo in cui mostra i corpi destrutturati dalla malattia. E nelle sue pagine gli operai sono operai e non forza lavoro, gli imprenditori sono ‘i padroni’ e le morti bianche, omicidi premeditati. (G. Ciarallo)

 

AMIANTO. UNA STORIA OPERAIA
Alberto Prunetti, Agenzia X, 160 pagg., 13,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Ascanio Celestini, com’è nel suo stile, gira e rigira su un argomento centrale come un’ape sorvola un fiore, per poi tuffarsi a capofi tto sulla problematica che ha deciso di affrontare e sviscerare in ogni suo minimo particolare. Questa volta, oggetto delle attenzioni dell’attore e scrittore romano è il complesso mondo delle carceri. Nel denunciare la disumanità di tale istituzione Celestini crea un universo fatto di personaggi archetipici dei ruoli che vi gravitano attorno, o meglio, che lo abitano. Ci sono il Secondino Merda e il Negro Matto Africano, la voce narrante con velleità rivoluzionarie e tutto il Pantheon del nostro Risorgimento, Mazzini e Pisacane in testa, a dimostrare che con i termini dell’oggi è molto sottile la linea di demarcazione tra l’essere considerato eroe e padre della Patria o terrorista. Quasi sempre dipende da chi esce vincitore dalla contesa e può scrivere (o riscrivere) la Storia. Tra i tanti momenti agrodolci del monologo, risulta geniale l’episodio del Negro Matto Africano che chiede di restare chiuso nella stessa cella per più di vent’anni in modo da diventarne proprietario, per usucapione, e poter lasciare in eredità alla famiglia un appartamento di due metri per due in pieno centro a Roma. Il solito, ipnotico affabulatore, imperdibile Celestini. (G. Ciarallo)

PRO PATRIA
Ascanio Celestini, Einaudi, 136 pagg., 17,50 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Chi pensa che all’inferno faccia caldo, beh si sbaglia, e di grosso. C’è un freddo cane. Matteo Furst ci abita e lo conosce bene. A Roma gira sui pullman della solidarietà. Aiuta i dannati a campare. Nemmeno lui arriva a fine mese, non ha un soldo, ma una famiglia sfasciata. La scrittura è asciutta e corre veloce. Il registro realistico si imbatte nel fantastico. Perché in quel mondo di piscio, puzzo e merda c’è spazio per l’immaginazione. E allora nella cloaca personificazioni di colpe o di pensieri convivono con i barboni delle nostre stazioni. Così come la vita di Matteo si apre a quella degli altri. Non cancelli chiusi, ma strade da percorrere. Narrazione di storie: la sua e di chi incontra. Per il protagonista niente è più odioso che conformarsi al modello che la società capitalistica impone: scuola, lavoro, denaro, matrimonio, figli a cui dare il bacio della buonanotte
prima di metterli a letto. Una gabbia stretta, come la stanza piccola e claustrofobica, dove vive con quattro immigrati, poveri cristi come lui. L’unico senso lo trova nel conoscere, nella certezza che ci sarà sempre un successivo incontro, idea che nel romanzo non viene mai meno. Contro il gelo che uccide, che gira le spalle, l’insegnamento è l’ascolto. (R. Brioschi)

UN MALEDETTO FREDDO CANE
Luca Palumbo, Luigi Lorusso editore, pagg. 276, 12,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

“Il patriarca Kirill ha più volte evangelizzato i fedeli in nome del politicante Putin, di certo non un santo, e insiste a esortarli a non partecipare alle manifestazioni di protesta. L’azione politica congiunta delle autorità governative ed ecclesiastiche alla vigilia delle elezioni della Duma mirava a dipingere dei cittadini ortodossi non interessati alla politica.
Questo ci indigna quanto i brogli nelle elezioni della Duma”. Parole che riassumono il senso del gesto compiuto dal collettivo femminista Pussy Riot, che ha portato al carcere duro tre donne, colpevoli di aver cantato in una chiesa vuota la loro “preghiera punk” affinché la madre di Dio liberasse la Russia da Putin. La raccolta di scritti, poesie, lettere e dichiarazioni ne spiega le ragioni, non certo per ispirare tenerezza, ma per chiedere giustizia e rispetto per la loro storia e le loro azioni. Le trascrizioni degli atti di un processo kafkiano rendono l’idea di cosa sia la Russia oggi, meglio di un trattato di geopolitica, mentre le lucidissime dichiarazioni conclusive delle imputate aiutano a riflettere sul bisogno di appoggio religioso di ogni dittatura, così come sull’esigenza del potere di additare come pilotata dall’esterno ogni rivolta interna. (S. Campolongo)

UNA PREGHIERA PUNK PER LA LIBERTÀ
Pussy Riot, Il Saggiatore, 144 pagg., 12,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Partendo dalla riforma pensionistica firmata dalla ministro Fornero, Franco Capelli muove una lucida riflessione sull’evoluzione dell’ethos lavorativo attuale. Cardine del saggio è la generazione nata nel 1952, quella che a seguito della riforma entra nella dimensione del ‘fine lavoro mai’.
Costruito come un cantiere sociale in cui vengono raccolte testimonianze dirette di un ampio spettro di lavoratori, il libro allarga a macchia d’olio la propria denuncia all’intero complesso sociale che, come un flusso gassoso in costante crescita, domina, struttura e determina il mondo occidentale. Un’oppressione esistenziale che dal mondo del lavoro s’insinua fin dentro le famiglie, negli spazi di tempo libero, nei panni di sensazioni sempre più pervasive come ansia e angoscia. Così, operai, impiegati, disoccupati, manager di multinazionali e imprenditori di aziende familiari, spiegano come mai fattori che un tempo rappresentavano un valore indissolubile – come l’esperienza lavorativa – oggi siano bistrattati. Raccontano come oggi chiunque sia solamente una pedina utile e utilizzabile finché porta profitto, in una dimensione in cui il lavoro non è più ‘solamente’ una merce, ma, più propriamente, un oggetto di consumo da buttare non appena si logora fisicamente e psicologicamente. (Gio Sandri)

 

(PENSIO)NATI NEL 1952
Franco Capelli, Infinito edizioni, 110 pagg. 12,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

La storiografia ufficiale vuole l’Italia un Paese scevro da un razzismo di matrice istituzionale, e rappresenta le leggi razziali del 1938 come un evento isolato nato sotto influenza dell’alleato nazista; eppure basta scorrere lo sviluppo dell’impianto giuridico coloniale dall’Unità al ’45, per rendersi conto di quanto le politiche razziste traccino una linea di continuità tra l’Italia liberale e il regime fascista, che attua semplicemente l’estremizzazione di provvedimenti razziali già esistenti. Lungo l’intero percorso, è l’apparato scientifi co a fornire un supporto indispensabile. Se nella fase post-unitaria il ‘razzismo scientifico’ ha prima servito la causa della creazione di un’identità nazionale e poi ha legittimato il colonialismo di stampo paternalistico e civilizzatore, in epoca fascista un’accademia divenuta organica al regime ha contribuito alla nascita del mito ariano e della politica di ‘difesa della razza’, supportando ferocia, sterminio e segregazione nelle colonie africane e i provvedimenti razziali in Italia.
Linearità, rigore e una ricca documentazione caratterizzano il percorso tracciato da Bonmassar, lungo quella che è stata “una vera e propria costruzione giuridica della razza”. Una lettura indispensabile per iniziare a fare i conti con la propria Storia, politica e culturale. (G. Cracco)

RAZZA E DIRITTO NELL’ESPERIENZA COLONIALE ITALIANA
Michele Bonmassar, Sensibili alle foglie, 223 pagg., 18,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Racconti brevi per narrare la vita: cosa ce ne facciamo, come la occupiamo, che relazioni instauriamo con gli altri, familiari, amanti, amici che siano. Sfruttiamo i nostri talenti o chi ci sta vicino? Quim Monzó usa lo stile grottesco a guisa di maieutica, così da portare alla luce il nascosto che si cela in noi. E il non detto, che le castranti convenzioni sociali hanno tenuto finora a freno, è tra quelle righe. Allora c’è il figlio che guarda il padre, ricoverato in una casa di riposo, vestirsi da donna, o il marito che non vede l’ora che la moglie muoia, in fondo l’ha sposata perché braccata da una malattia, o la donna senza più il compagno che svuota in un giorno la casa; o ancora il clan di parenti che trascorre il rito dell’incontro estivo con i Ciaaao e le foto: individuali, di bambini da soli, di bambini con i grandi, di coppie sposate, tutte le donne, poi gli uomini… Il faro di scena segue il protagonista nei suoi movimenti con i personaggi comprimari e smonta la mascherata: i desideri di felicità sono pretesti, i sensi di colpa nient’altro che intonaco di facciata, e le buone azioni paraventi di pulsioni opportuniste. A fine lettura, sorpresa all’arsenico: il nostro clone è lì, tra quei cretini. Anzi, ce n’è più d’uno. (R. Brioschi)

MILLE CRETINI
Quim Monzó, Marcos y Marcos, 160 pagg., 14,50 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Atene è un focolaio di protesta contro le misure economiche imposte dall’Unione Europea: scioperi, disoccupazione, iperinflazione e indebita-mento sono lo scenario all’interno del quale il commissario Charitos condurrà le sue indagini. Un ex direttore della Banca centrale viene trovato decapitato nella sua villa, segue a pochi giorni un’altra decapitazione, questa volta di un giovane banchiere inglese conosciuto ai più per la passione e la scaltrezza in materia di hedge fund. In entrambi i casi il killer lascia un unico e identico indizio: una lettera D stampata su un foglio appuntato sul petto della vittima. Il ministro degli Interni e Scotland Yard si
muoveranno in più direzioni, avallando la matrice terroristica degli omicidi.
Ma è indagando dal credito al consumo fino al complicato meccanismo dei fondi speculativi, per arrivare alle società di rating e ai suprime, che Charitos troverà gli elementi per la risoluzione del caso.
Markaris traccia un giallo finanziario che addentrandosi nell’indagine sociale porta fin nel profondo della crisi greca, raccontando il vivere quotidiano di una nazione sull’orlo del fallimento.
(C. Vainieri)

PRESTITI SCADUTI
Petros Markaris, Bompiani, 336 pagg., 18,90 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Sarah e Emily sono due sorelle che attraversano la vita dall’infanzia alla maturità. Bella, prosperosa, perfettamente integrata, secondo i dettami della società americana, la prima si sposa, va a vivere in un bel villino e dà alla luce tre figli. Irrequieta, perennemente a disagio in un mondo di cui fatica a sopportare la superficialità e l’omologazione, è la seconda. Per entrambe l’esistenza è un continuo scontro, in cerca di una correlazione possibile tra le loro illusioni e le risposte della realtà. Al termine del percorso, lungo il quale l’autore racconta dell’America, il risultato sarà l’infelicità. In questo romanzo, Yates ripropone la tematica cara a Flaubert tradotta nel linguaggio della società complessa del Novecento. E per farlo, a suo avviso, non c’è modo migliore se non entrando nel cuore del focolare domestico; in quel ricettacolo di traumi e paure su cui si forma la personalità di ogni individuo. Se per Tolstoj tutte le famiglie felici si assomigliano, per lo scrittore americano le famiglie felici non esistono affatto. E in questa saga familiare, Yates dimostra di conoscere talmente bene la realtà che rappresenta in ogni suo romanzo, da permetterci di dire che Emily – la sorella più piccola – c’est lui. (Gio Sandri)

EASTER PARADE
Richard Yates, Minimum fax, 283 pagg., 11,50 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Berlino, anni Venti: nella complessità sociale, economica e politica della Repubblica di Weimar, Joseph Roth collabora con il Frankfurter Zeitung e altri quotidiani, scrivendo reportage. Con stile caustico e ironico lo scrittore austriaco passeggia nelle vie borghesi, nei bassifondi e nei quartieri ghetto dei profughi ebrei, russi, turchi, va per bettole e taverne e per grandi magazzini, attraversa la Berlino delle avanguardie e quella dei mendicanti, non risparmiando critiche al modello di modernità che caratterizza la città in quegli anni: il movimento di architettura e design del Bauhaus, la crescita dell’economia finanziaria, l’esplosione della grande distribuzione e dell’industria del divertimento, che offrono merci e piaceri omologati a persone divenute esse stesse beni di consumo a buon mercato. Borghesia o lumpenproletariat non fa differenza, denuncia Roth: i ‘tempi nuovi’ producono in tutte le classi sociali un conformismo che lascia sul terreno un individuo privo di individualità e una politica democratica che, ai primi passi in Germania, già si presenta in forma di farsa.
La raccolta di Passigli ci restituisce, a distanza di ottant’anni, lo sguardo lucido del Roth giornalista: profondo conoscitore e osservatore della realtà, i suoi reportage anticipano i tempi e li travalicano. (G. Cracco)

A PASSEGGIO PER BERLINO
Joseph Roth, Passigli editori, 121 pagg., 10,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

Per quanto si sia sforzata e si sforzi tuttora la cultura dominante, Marx non è morto. Al contrario, l’ennesima crisi economica mostra la centralità e l’importanza della sua analisi, l’unica ancora oggi in grado di decifrare i meccanismi e le contraddizioni del sistema capitalistico e delle sue crisi. Fusaro ripercorre i cardini del ‘cantiere aperto’ di Marx, la cui architrave è la critica del reale (“La critica non è una passione del cervello, è il cervello della passione”, scriveva il pensatore di Treviri), sviluppatasi nel tempo alla religione, alla filosofia, allo Stato di diritto, per culminare nell’analisi che comprende tutte le precedenti: la critica all’economia politica e al sistema produttivo capitalistico. Struttura/sovrastruttura, materialismo storico, pluslavoro e plusvalore, alienazione, feticismo delle merci, libertà apparente e asservimento economico: tutti i punti chiave del pensiero marxiano vengono affrontati e approfonditi con rigore e chiarezza, con l’intento, esplicitato dall’autore, di ripartire da Marx, perché “non si può capire l’epoca moderna senza passare attraverso Marx”. Una lettura indispensabile per smontare pezzo a pezzo la propaganda economica e politica che oggi pervade la società. (G. Cracco)

BENTORNATO MARX!
Diego Fusaro, Bompiani, 374 pagg., 11,50 euro

Acquista il libro su

 

Torna all'inizio

 

Tra i diversi aspetti del M5s oggi oggetto di attenzione, l’Istituto Cattaneo sceglie di approfondire il percorso politico di Grillo e dei suoi blog-lettori, divenuti elettori militanti, nell’intento di comprendere il fenomeno del grillismo. L’analisi si sofferma sulle tematiche via via divenute cavallo di battaglia – dal neoambientalismo all’attacco alla Casta – sulle scelte politiche – dalle prime liste civiche alle regionali siciliane alle elezioni nazionali – sul rapporto tra la base e il leader carismatico e sull’uso (unidirezionale e autoritario) delle tecnologie informatiche e della cosiddetta web democracy. Il quadro che ne esce non entusiasma: ai messaggi post ideologici, dal facile consenso, lanciati dall’alto, rispondono cittadini che si collocano a destra come a sinistra, reagendo positivamente a una politica che ha tutte le caratteristiche di un web populismo: l’appello al popolo ‘sano’, contrapposto all’istituzione ‘corrotta’, la conseguente creazione di un ‘nemico’, individuato nei partiti, il legame diretto e personale tra il leader e il suo popolo, il linguaggio provocatorio e l’iper-semplificazione dei concetti. Pare proprio che gli italiani non sappiano resistere al fascino del condottiero. (G. Cracco)

IL PARTITO DI GRILLO
Piergiorgio Corbetta e Elisabetta Gualmini (a cura di), Il Mulino, 239 pagg., 16,00 euro

Acquista il libro su


Torna all'inizio

 

 

Torna su