È uscito il numero 54
ottobre - novembre 2017

 


seguici sulla ns pagina

La rivista
tutti i numeri
ordina numero
abbonamenti
Contenuti
analisi politica
inchieste
dura lex...
percorsi storici
interviste
critica letteraria
recensioni libri
segnalazioni libri
spunti letterari
racconti
musica
cinema
arte
autori
Contenuti per tema
Europa
economia
lavoro e conflitto sociale
nuove tecnologie
la sinistra in Italia
la nuova destra in Europa
NO Expo
privatizzazioni
politica dell'immigrazione
rapporto cultura, informazione e potere
scontro politica e magistratura
osservatorio sulla mafia
rapporto Stato e Chiesa
politica medioriente
Il progetto Paginauno

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura
creativa e FilmMaking

Comunicazione
newsletter
la stampa
link
contatti
area riservata

 

Pagine contro la tortura

 

 

E se il mostro fosse innocente?
Controcronaca del processo
al chirurgo Brega Massone
e alla clinica Santa Rita

 

 

 

Christine Dwyer Hickey
Tatty
narrativa

 

Carmine Mangone
Il corpo esplicito
saggistica

 

Suzanne Dracius
Rue Monte au Ciel
narrativa

 

Davide Steccanella
Le indomabili
saggistica

 

Liam O'Flaherty
Il cecchino
Il Bosco di Latte

 

Frank O'Connor
Ospiti della nazione
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Ciò che non siamo
narrativa

 

Paul Dietschy
Storia del calcio
saggistica

 

Giuseppe Ciarallo
Le spade
non bastano mai
narrativa

 

Carmine Mezzacappa
Cinema e
terrorismo
saggistica

 

Massimo Vaggi
Gli apostoli
del ciabattino
narrativa

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

William McIlvanney
Il regalo
di Nessus
narrativa

 

William McIlvanney
Docherty
narrativa

 

Fulvio Capezzuoli
Nel nome
della donna
narrativa

 

Matteo Luca Andriola
La Nuova destra
in Europa
libro inchiesta

 

Davide Corbetta
La mela marcia
narrativa

 

Honoré de Balzac
Un tenebroso affare
narrativa

 

Anna Teresa Iaccheo
Alla cerca della Verità
filosofia

 

Massimo Battisaldo
Paolo Margini

Decennio rosso
narrativa

 

Massimo Vaggi
Sarajevo
novantadue
narrativa

 

Elvia Grazi
Antonio Prade
Senza ragione
narrativa

 

Giovanna Baer
Giovanna Cracco
E se il mostro
fosse innocente?
libro inchiesta

 

John Wainwright
Stato di fermo
narrativa

 

Giuseppe Ciarallo
DanteSka
satira politica

 

Walter G. Pozzi
Altri destini
narrativa

 

 

 

 

Creative Commons License
Il contenuto di questo sito

coperto da
Licenza Creative Commons

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

Segnalazioni narrativa e saggistica (numeri 1/2007 - 15/2009)

Leggi le segnalazioni di Narrativa e Saggistica pubblicate su
Paginauno dal n. 16/2010 al n. 30/2012
Paginauno dal n. 31/2013 al n. 45/2015
Paginauno dal n. 46/2016 in poi

 

Paginauno n. 15

Narrativa
Acasadidio, Giorgio Morale, Manni
Il traditore, Liam O'Flaherty, Tranchida
Un bell'avvenire, Marco Videtta, e/o edizioni

Saggistica
La pulizia etnica della Palestina, Ilan Pappe, Fazi editore
Vaticano s.p.a., Gianluigi Nuzzi, Chiarelettere
Il Gotha di Cosa nostra, Piergiorgio Morosini, Rubbettino

 

Paginauno n. 14

Narrativa
Rabet, Martin Jankovski
Storie di storie, Paola Taboga
Cronache di una società annunciata, collettivo Chi fa la Francia?

Saggistica
Piombo Rosso, Giorgio Galli
Social Killer, Mark Ames
Per non morire di mafia, Pietro Grasso e Alberto La Volpe

 

Paginauno n. 13

Narrativa
La morte moderna, Carl-Henning Wijkmark
Gli anni del sole stanco, Fulvio Capezzuoli
Quelli dalle labbra bianche - Il parroco di Arasolè, Francesco Masala

Saggistica
Una vita operaia, Giorgio Manzini
Profondo nero, Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza
Seppellitemi in piedi, Isabel Fonseca

 

Paginauno n. 12

Narrativa
E adesso, pover'uomo?, Hans Fallada
Maginot, Alessandro Angeli
Le resistenze di un bibliomaratoneta, Sergio Giuntini

Saggistica
Contro l'etica della verità, Gustavo Zagrebelsky
Aboliamo le prigioni?, Angela Davis
Dossier delitto Calvi, Kaos edizioni

 

Paginauno n. 11

Narrativa
Senzaterra, Evelina Santangelo
Oltre Babilonia, Igiaba Scego
Uno per tutti, Gaetano Savatteri

Saggistica
Ebraismo virtuale, Ariel Toaff
Polo Nord, Fabio Abati, Igor Greganti
Dossier P2, La relazione finale della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla Loggia massonica segreta di Licio Gelli

 

Paginauno n. 10

Narrativa
Revolutionary Road, Richard Yates
Generazione McDonald's, Francesca Mazzucato
La città perfetta, Angelo Petrella
Vietato giocare con la palla, Antonio Steffenoni
La fornace, William McIlvanney

Saggistica
La democrazia, Luciano Canfora
Tre suicidi eccellenti, Mario Almerighi
Sarkozy, Alain Badiou

 

Paginauno n. 9

Narrativa
Centro permanenza temporanea vista stadio, Daniele Scaglione
L'estate delle magliette a strisce, Diego Colombo
Alma Mater, Alessandro Dal Lago
Un canto clandestino saliva dall'abisso, Mimmo Sammartino
L'epidemia (I peccatori di Borgo Torre), Claudio Nizzi
La nebbia del passato, Leonardo Padura Fuentes

Saggistica
Gaetano Marini Verificatore di pesi e misure, Pasquale Marchesi
Storia criminale, Enzo Ciconte
Non chiamarmi zingaro, Pino Petruzzelli

 

Paginauno n. 8

Narrativa
Nel bozzolo dorato, Laurana Berra
Il vento contro, Stefano Tassinari
Emigranti Esprèss, Mario Perrotta

 

Paginauno n. 7

Narrativa
Dieci, Andrej Longo
La moglie che ha sbagliato cugino, Umberto Domina
Se consideri le colpe, Andrea Bajani

 

Paginauno n. 6

Narrativa
Ragazze, Antonio Steffenoni
Alluminio, Luigi Cojazzi
La sovversiva, Eugenia Almeida

 

Paginauno n. 5

Narrativa
Il pittore di battaglie, Arturo Pérez-Reverte
La femmina della specie, Joyce Carol Oates
Verderame, Michele Mari

 

Paginauno n. 4

Narrativa
A immaginare una vita ce ne vuole un'altra, Elena Stancanelli
Il falsario di Caltagirone, Maria Attanasio
A casa non ci torno, Ines Arciuolo

 

Continua...
Leggi le segnalazioni di Narrativa e Saggistica pubblicate su
Paginauno dal n. 16/2010 al n. 30/2012
Paginauno dal n. 31/2013 in poi

:::

 

Epicentro di storie e relazioni – al punto da essere quasi il protagonista del romanzo e non il semplice contesto – il Centro è un’associazione di volontariato per l’inserimento socio-lavorativo degli immigrati. Doppiamente a casa di Dio – sperduto nella lontana e degradata periferia milanese e gestito dalla famigerata Compagnia – contempla “dappertutto crocifissi ai muri, madonne, frasi del vangelo”; ma l’etica cristiana non vi trova alcuna dimora.
Con una scrittura precisa e affilata, Morale ne racconta la quotidianità – dai piccoli abusi di potere degli operatori ai grandi maneggi finanziari del Presidente – lasciando a una disarmante narrazione dei fatti il compito di svelare ciò che si muove dietro le quinte del caritatevole proscenio: false fatture per ottenere finanziamenti pubblici, soldi che finiscono in tasche private, scambi di favori con l’amministrazione comunale. Un odor di turibolo mescolato al fetore di un legalizzato ladrocinio, al quale Teresa non può resistere a lungo. Le sue scelte di vita – raccontate in prima persona con un doppio registro narrativo – abitano più un laico senso di giustizia che non l’ipocrisia di una simile sagrestia. Un luogo che non è l’eccezione malata di un sistema sano, e in cui non si muovono spietati cattivi, ma solo piccoli uomini per i quali l’arrivismo e l’individualismo sono l’unica legge e l’unico vangelo. (G. Cracco)

ACASADIDIO
Giorgio Morale, Manni, 135 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

‘I demoni’ a Dublino. Gypo Nolan è un uomo in fuga, braccato dagli uomini dell’organizzazione rivoluzionaria. Dan Gallagher, il capo dell’esecutivo, lo ha condannato a morte per avere denunciato alla polizia Francis McPhillip, appartenente all’organizzazione, costretto a vivere in clandestinità per sfuggire alle forze dell’ordine. Nel breve svolgersi di poche ore di un notturno irlandese, ogni personaggio tradisce chi il proprio ideale, chi i propri amici e chi se stesso, per riuscire a sopravvivere.
O’Flaherty comprime il tempo in un piovoso fluire di fatti, per trasformare una semplice trama d’inseguimento in un’epica del tradimento dai profondi significati umani. La stessa ottusità che guida Gypo – ubriacone, ignorante poverocristo preso in un gioco troppo grande – nel goffo fuggire di strada in strada, di tugurio in tugurio, di puttana in puttana, diventa a sua volta simbolo, non solo di una realtà umana debole, disperata, incapace di vedere oltre le proprie convenienze più immediate, ma anche della stessa logica rivoluzionaria di un Gallagher, che per sopravvivere e salvare l’organizzazione, è costretto a condannare a morte una ‘nullità’ d’uomo di straziante ingenuità come Gypo. (Milton Rogas)

IL TRADITORE
Liam O’Flaherty, Giovanni Tranchida editore, 268 pagg., 18,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

A tre anni dalla fine della guerra, Flavio torna in Piemonte per risolvere il mistero della morte del fratello Lucio, scomparso durante gli ultimi giorni di vita della Repubblica di Salò. Il fascismo è vinto, e Flavio appartiene alla schiera degli sconfitti. L’unica differenza rispetto al fratello consiste nell’essere uscito vivo dalla mattanza degli ultimi giorni.
La trama del ritorno si svolge durante i giorni infuocati del 1948, nel mezzo della prima campagna elettorale della Repubblica. Pieno di tristezza e di rabbia, Flavio inizia a indagare – secondo la questura di Milano, Lucio è stato ucciso dai partigiani, quattro giorni dopo la Liberazione. Ben presto, però, si accorge che la verità sulla morte del fratello va di pari passo con una verità storica inconfessabile. Il risultato è un romanzo ricco di personaggi archetipici del gattopardismo all’italiana – in cui la violenza la fa da padrona – ognuno dei quali, escluso il protagonista, riuscirà a riciclare se stesso, transitando indenne da Mussolini alla Repubblica, e a guadagnare un posto all’interno del nuovo potere democristiano. Nell’era fascista restano solo quelli come Lucio, fedeli fino all’ultimo all’ideologia del Ventennio, e la loro morte sarà il mezzo con cui coloro che li hanno traditi traghetteranno la propria anima sulla sponda pulita della democrazia. (Milton Rogas)

UN BELL’AVVENIRE
Marco Videtta, Edizioni e/o, 187 pagg., 16,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Lo Stato d’Israele nasce nel 1948, ma il progetto sionista data 1896. L’organizzazione militare clandestina incaricata di attuarlo, l’Haganà di Ben Gurion, nasce nel 1920. Inizia con una schedatura dei villaggi palestinesi e conclude con l’attuazione del Piano Dalet: la dearabizzazione del futuro Stato ebraico, iniziata nel dicembre ’47. In meno di sei mesi 800mila palestinesi vengono cacciati, 531 villaggi rasi al suolo, 11 quartieri urbani svuotati. Contro la potenza militare israeliana e un Occidente silenziato dalla ‘colpa’ dell’Olocausto, a nulla possono i civili palestinesi e i rattoppati eserciti arabi, stremati dalle lotte per l’indipendenza.
Disarma la lucidità della realizzazione del progetto, il numero delle violenze, degli eccidi, delle distruzioni, scritti nero su bianco negli archivi di Stato israeliani e portati alla luce da Pappe; disarma accanto alla propaganda politica che ancora oggi parla di “trasferimento volontario”, di un popolo ebreo che si “difendeva”; disarma la determinazione nel voler cancellare il “carattere arabo”, una Storia e una cultura millenarie, per poter negare che lì, in Palestina, sia mai esistito; disarma la violenza predatoria – nel ’47 solo il 5,8% della terra era di proprietà ebraica, dopo la “confisca” del ’48, il 70%. Eretz Israel “aveva bisogno di terra, non di schiavi”. (G. Cracco)

LA PULIZIA ETNICA DELLA PALESTINA
Ilan Pappe, Fazi editore, 364 pagg., 19,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Che il talare della Madre Chiesa stesse prendendo una brutta piega se n’era già accorto San Francesco secoli fa. Senza l’archetipo francescano, ma con la lente dell’archivio Dardozzi (4.000 documenti riservati della Santa Sede resi pubblici dopo la morte del monsignore), Vaticano S.p.A. attraversa i recenti scandali della nostra Storia e prova a spiegarci perché l’Italia è diventato il Paese dei santi e dei misteri irrisolti. Snodo finanziario è lo Ior, “premiata Lavanderia” di prestanomi e fondazioni fittizie in cui passano enormi quantità di denaro; a proteggere il sacro lavaggio, le mura leonine e l’articolo 11 dei Patti lateranensi, che dal ’29 garantiscono l’impunità alla Santa Sede.
È con saggezza, toni smussati e avvertimenti mafiosi che tra le due sponde del Tevere si gioca la partita, e mentre si continua a “predicare giustizia e carità come inscindibile binomio cristiano”, sotto lavora una ragnatela attenta a fare affari con mafiosi e politici, faccendieri e piduisti, sacerdoti e cardinali. Una distinzione che si assottiglia a ogni pagina fino a confondere i colori: dal grigioscuro in doppiopetto di onorevoli e venerabili, al rosso dei porporati, alla luce dell’abito più bianco. Il sogno di “ricomporre l’uso del denaro e l’utopia francescana”, là sotto, è già andato in frantumi da tempo. (F. Gallo)

VATICANO S.P.A.
Gianluigi Nuzzi, Chiarelettere, 280 pagg., 15,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Gli anni successivi all’arresto di Riina sono stati quelli della sommersione. Gli anni, ovvero, in cui Cosa nostra si è inabissata nel tessuto sociale per mescolarsi al mondo dell’impresa cosiddetta legale, accantonando la strategia stragista e dell’omicidio eccellente. Un periodo durante il quale, mentre gli affari riprendevano a girare e lo Stato allentava la presa dopo gli eclatanti arresti dei ‘corleonesi’, Cosa nostra ha cominciato a risolvere alla propria maniera le questioni interne, derivanti dai lunghi strascichi lasciati dal violento ‘colpo di Stato’ di Riina e compagni nel 1982. Un lungo decennio che, tra propositi di vendetta, lotte per la successione e tentativi di riprendere il controllo del narcotraffico – nel frattempo finito nelle mani della ’ndrangheta – culminerà con l’arresto e la condanna dei vertici della nuova direzione strategica di Cosa nostra. Vicende descritte dettagliatamente dal giudice Morosini nella motivazione di sentenza dell’operazione Gotha, dalla quale emerge la caratura del capo Provenzano, capace di tessere relazioni con politici e imprenditori, di mediare tra vecchi e nuovi uomini di comando e di gestire il rientro in Sicilia degli ‘esiliati americani’. Un’immagine assai diversa dalla caricatura dell’uomo coppola, fucile e cicoria, fornita dai media il giorno della sua cattura. (Milton Rogas)

IL GOTHA DI COSA NOSTRA
Piergiorgio Morosini, Rubbettino, 203 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Un romanzo sulla lotta organizzata di un gruppo di giovani dissidenti a Lipsia, che sembrano arrivare per caso, senza eroi ma ineluttabilmente, alla rivoluzione. Come il Ben del suo libro – dal quale tuttavia sottolinea il distacco – Jankowski è in uno dei brutti elenchi della Stasi e rischia la pelle. Come Ben, l’autore è tra coloro che vorrebbero una riforma dall’interno e che dopo, finalmente liberi da bavagli e catene, si ritrovano neonati in un mondo tutto da capire, dove viene da parlare inglese ad Amburgo, come gli stranieri. Nella Nikolaikirche, ogni lunedì, c’era chi pregava per la distruzione della gabbia e chi come Ben preferiva il sogno di poterla restaurare.
Jankowski scrive Rabet – da poco tradotto in Italia – proprio in quegli anni ’90. Conosce bene la storia perché l’ha vissuta, tra i promotori delle ‘manifestazioni del lunedì’ che porteranno alla rivoluzione pacifica del 1989. È Ostalgie, quello che si sente. Ostalgie, neologismo anni Novanta nato sulle ceneri della DDR e davanti ai frammenti del muro abbattuto. Un mescolamento di nostalgia (Nostalgie) ed Est (Osten) a indicare la ricerca – attraverso spettacoli, oggetti, cibi – di una quotidianità che molti tedeschi orientali avrebbero voluto conservare, soppiantata da verdura strana e aria condizionata. (A. Giordano)

RABET. LA SCOMPARSA DI UN PUNTO CARDINALE
Martin Jankowski, Cabila edizione, 384 pagg., 16,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Una raccolta di sei racconti, cinque dei quali ispirati a notizie di cronaca apparse sui giornali, e l’ultimo che riunisce, in una definitiva trama di senso (quasi un virtuosismo metatestuale), alcuni dei protagonisti precedenti nello spazio ristretto di una libreria, dove l’autrice stessa è invitata a presentare un’opera che parla di loro. L’interrogativo principale che attraversa Storie di storie sembra essere rivolto alla narrativa stessa, al suo valore. La risposta è dentro ogni racconto; nel fatto di sottrarre alla freddezza della cronaca tutto ciò che essa, per sua natura, omette. In ogni riga del libro ne va del rispetto per l’essere umano, colto nella drammaticità del semplice vivere quotidiano che solamente la finzione narrativa è in grado di restituire alla sua essenza più profonda. Ecco allora che le paure, le debolezze, le gioie e le profonde dinamiche psicologiche, vengono, parola dopo parola, riconsegnate ai fatti della vita vissuta; agli individui/personaggi finalmente restituiti alle umane conflittualità quotidiane. E così, un omicidio richiama un commissario nei luoghi del proprio passato, una festa tra condomini finisce in tragedia, un’anziana vedova viene sottratta alla solitudine il giorno prima di morire… e la cronaca si riconverte finalmente in verità. (Milton Rogas)

STORIE DI STORIE,
Paola Taboga, MobyDick, 110 pagg., 11,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Le cronache delle rivolte parigine hanno consegnato all’immaginario collettivo italiano una sola, stereotipata, verità: banlieue uguale degrado, ignoranza, violenza. Le banlieue sono di più e altro, come narrano questi dodici racconti di un collettivo. Scrittori che vogliono “abbattere le porte” con una letteratura “engagée, combattente e feroce”, mostrano quanto la questione dell’identità sia il fulcro dell’intero disagio; quanto la percezione di prigionia sia forte e figlia dell’esclusione, del razzismo, della repressione e del tempo che non ha futuro; quanto nelle banlieue la mente soffochi perché l’unico colore è il grigio del cemento dei palazzoni-dormitorio. Ma raccontano anche di una ‘seconda generazione’ appassionata, ironica, informata, che sa di arte e letteratura e rivendica il diritto d’incidere nella cultura e nella politica del proprio Paese; non essere solo la manodopera sfruttata buona a far crescere nell’ombra il pil nazionale. Chi fa la Francia?, appunto.
Ed è la pluralità il plus del progetto: voci, linguaggi, stili, tematiche che nella loro diversità consegnano quella realtà complessa che proprio gli stereotipi vogliono negare con facili equazioni. Qualche racconto è meno incisivo di altri, ma la potenza del collettivo è lì, fuso nelle parole finali del suo Manifesto: “Insieme, noi esistiamo”. (G. Cracco)

CRONACHE DI UNA SOCIETÀ ANNUNCIATA,
Collettivo Chi fa la Francia?, Stampa Alternativa, 158 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Il passaggio dalla prima alla seconda Repubblica fu segnato dalla vicenda dei ‘fondi neri’ del Sisde e da un patto di sangue tra Stato e mafia. L’affaire Moro, la morte di Marco Biagi, l’arresto di Mario Moretti sono solo alcuni dei numerosi nodi, stretti nell’intreccio tra due forme di governo: quello visibile dei partiti ‘costretti’ all’interno dei vincoli di una democrazia rappresentativa (la cosiddetta ‘casa di vetro’), e quello invisibile dei servizi segreti.
Piombo Rosso è il documento resoconto del volto altro della lotta armata in Italia, che vide una enclave del potere occulto usare le formazioni extraparlamentari e i gruppi armati per sanare le contraddizioni che lo Stato non poteva risolvere in maniera ‘democratica’. Un’èlite in grado di sfruttare, ieri come oggi, l’acronimo Br, modulando accortamente repressione e laissez faire, e di allearsi, all’occorrenza, con i capi della malavita organizzata. Apparati che non sono un ‘doppio Stato’, tantomeno servizi ‘deviati’, ma “uno Stato nello Stato”.
È così che, dalle tensioni degli anni Settanta, impunità, malversazioni e delitti, nascosti sotto l’egida della ragione di Stato, sono divenuti attrezzi del mestiere di “uomini non lottizzabili”, per ‘preservare’ lo Stato nei vari, tanti, momenti di crisi dei partiti, da ogni sostanziale cambiamento di potere. (D. Corbetta)

PIOMBO ROSSO. LA STORIA COMPLETA DELLA LOTTA ARMATA IN ITALIA DAL 1970 A OGGI, Giorgio Galli, Baldini Castoldi Dalai, 525 pagg., 9,90 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

I massacri hanno inizio con Reagan e il neoliberismo; prendono avvio negli uffici postali – il primo ente a essere semi-privatizzato – si estendono ad altri luoghi di lavoro e infine approdano nelle scuole. I media li presentano come opere di pazzi, eppure nessun apparato riesce a tracciarne un profilo: diversissimi tra loro, la sola conclusione è che il ‘pazzo’ potrebbe essere qualunque americano medio. Sempre più spesso, uomini e ragazzini imbracciano un fucile entrano in ufficio o a scuola e fanno una strage. Ames li chiama “omicidi per rabbia”, ne racconta i protagonisti, contestualizza i massacri e propone una tesi difficilmente confutabile: gli impiegati sono i nuovi schiavi, gli studenti vivono un ambiente scolastico simile a quello lavorativo: vessazioni, competizione, repressiva omologazione. E quando è la struttura sociale a generare il crimine, anche un omicidio è un atto politico di ribellione. Una rivolta che come ai tempi della schiavitù non può che assumere la forma di ‘follia’ individuale: sfruttati, terrorizzati di perdere il lavoro, privati di un sindacato e di strumenti legali per far valere i propri diritti, isolati da una cultura dominante che vuole tutto questo ‘normale’ – come era considerata normale la schiavitù – il ceto medio è ‘impazzito’ e si è messo a sparare. Non nel mucchio, non per strada: contro le imprese e la scuola. (G. Cracco)

SOCIAL KILLER. LA RIVOLTA DEI NUOVI SCHIAVI,
Mark Ames, Isbn edizioni, 347 pagg., 29,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Ogni cittadino ha il dovere di concorrere al progresso della società. Ogni cittadino, borghese, aderisce a questa norma costituzionale tramite lo strumento lavorativo imprenditoriale. Su queste basi la “Mafia S.p.A.” – l’organizzazione, in accezione moderna, del ‘terzo livello’, quello politico e finanziario – plasma la propria fisionomia. “La mafia è come il cemento, è capace di assumere forme diverse a seconda di dove si infiltra”. Come una qualsiasi azienda, oggi la criminalità è un ‘sistema di potere’ globalizzato, pronto a cambiare pelle a ogni muta del mercato, celere a far ricadere i costi sui cittadini: quelli della paura, dell’insicurezza, del silenzio.
La percezione è quella di uno Stato distante, quasi defezionato, nella lotta alla malvivenza sovversiva, affrancata egualmente da sud a nord. La società civile, nazionale e internazionale, è il soggetto più colpito. Affondato, infamato, azzittito non dall’omertà indotta dal sistema stragista criminale, ma da una carenza culturale, informativa, che ha fatto del nostro Paese l’esportatore primario di questo prodotto.
“L’indifferenza è il peso morto della storia”, diceva Antonio Gramsci; a questo peso è doveroso aggiungere due misure chiamate Falcone e Borsellino, il segno negativo, nel bilancio positivo, del volto contemporaneo degli Affari. (D. Corbetta)

PER NON MORIRE DI MAFIA,
Pietro Grasso e Alberto La Volpe, Sperling&Kupfer, 312 pagg., 18,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

“Avremo presto bisogno di più morti, per dirla in modo brutale. Ma come fare?” La questione è posta in un simposio a porte chiuse da un funzionario del ministero degli Affari sociali: relatori un esperto di bioetica, un dottore in teologia e un intellettuale. La crisi economica incombe e le spese sanitarie e pensionistiche dilapidano le risorse pubbliche. Nella socialdemocratica Svezia la risposta al problema è un’eutanasia collettiva, che alleggerisca lo Stato dei costi relativi alle persone non più produttive; occorre dunque manipolare sapientemente l’opinione pubblica affinché i cittadini stessi accettino un “obbligo volontario” alla morte al compimento dei 70 anni. Solo l’intellettuale si oppone, difendendo il diritto di ogni uomo a nascere e a rimanere libero. Anche se… quale libertà? Nella società capitalistica “la vita è diventata la morte vivente, la morte a credito, pagabile a rate”; nulla di barbaro dunque nel “Progetto B”, portato come soluzione transitoria, perché “quando i corpi non possono più essere utilizzati come mezzi di produzione diventano prodotti”.
In quest’opera teatrale del 1978, Wijkmark parla di eutanasia ma mostra ben altro: che si voglia imporre la morte o che si pretenda di negarla, in nome dell’economia o dell’etica, la violenza è la medesima: quella dello Stato sull’individuo. (G. Cracco)

LA MORTE MODERNA,
Carl-Henning Wijkmark, Iperborea, 119 pagg., 11,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Studiato a scuola come l’impresa di Garibaldi che ha liberato il Sud dal giogo dei Borbone, il Risorgimento si è trasformato nella testa degli italiani in un immaginario grondante eroismo e grandi valori. Alcuni romanzi hanno tentato di sottrarsi alle rigide logiche della Storia di regime, nel tentativo di riclassificare tali valori sotto una luce diversa, più vera. A questi, il romanzo di Capezzuoli aggiunge una nota mancante: il punto di vista degli ultimi, degli sconfitti. E racconta, attraverso la vicenda romanzata della brigantessa Michelina De Cesare, la rivolta contadina e la sanguinosa repressione con cui i conquistatori piemontesi – dal 1860 al 1870 – hanno completato l’opera di Garibaldi. Storia vera, quindi, narrata con lo spirito di verità che compete alla migliore narrativa. Il merito dell’autore, tuttavia, non consiste solo nell’avere restituito vita alla morte dei vinti, ma di aver mostrato, con l’ausilio stilistico di un’originale scansione temporale (la cui cifra è l’ellissi), i giochi di potere tra Cavour e i primi capitani d’industria, il cinico attendismo interessato di Pio IX e la gaudente stupidità di Vittorio Emanuele II, in una verticalizzazione della Storia che rende questo romanzo un prezioso strumento di conoscenza. (W. Pozzi)

GLI ANNI DEL SOLE STANCO,
Fulvio Capezzuoli, Edimond, 187 pagg., 22,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Suonano le campane a morto, per il ventesimo anniversario dei nove uomini di Arasolè mai tornati dalla campagna di Russia. Daniele Mele, il campanaro, è l’unico sopravissuto e batte i tocchi, tre per due caprai, tre soli “perché erano poveri”. Batte i tocchi e ricorda. “Ad Arasolè si mangiava pane”; “i poveri non potevano arrossare le loro labbra sulla carne saporita dei cinghiali”. Da bambini, toccava loro fare le cavalline, curvi, mentre i ricchi saltavano sempre e non si curvavano mai; da grandi, tocca loro buttare l’anima prima nei solchi dell’aratro poi nella trincea e nei campi della Siberia, tra pidocchi, topi, deliri, fame, magiche litanie contadine di “parole proibite”.
Anche Don Adamo ha dovuto lasciare Arasolè. Trasferito nella nuova chiesa costruita con i soldi del complesso petrolchimico, incapace di divenire “prete industriale” al servizio del Dio Petrolio, nel suo folle diario tra sogni, incubi, frustrazioni, narra la realtà spettrale a ciclo continuo della fiaccola che non si spegne mai; dei suoi contadini “che non sono diventati operai, non sono più contadini, sono diventati solo emigranti”.
La Sardegna di Masala in due romanzi brevi: un micro-macrocosmo di tutti i popoli vinti, “eroi buoni, in tempo di guerra, ma cattivi banditi, in tempo di pace: in guerra, nelle patrie trincee, in pace, nelle patrie galere”. (G. Cracco)

QUELLI DALLE LABBRA BIANCHE – IL PARROCO DI ARASOLÈ,
Francesco Masala, Il Maestrale, 215 pagg., 15,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Se è vero che “nel presente si ritrova sempre qualcosa del passato”, questo romanzo-inchiesta non parla dell’Italia di ieri, ma di oggi. A raccontarcela è Giuseppe Granelli, una vita intera passata tra i reparti delle acciaierie e il Rondò, la schiena spezzata dal lavoro, le partecipazioni a marce solidali, con tamburi e campanacci, manifesti del dissenso comune contro un capitalismo violento “che vive di violenza”.
È della Stalingrado d’Italia, che parla il Giusep, la Milano operaia della Falck, della Breda, del governo fascista, di De Gasperi e della Dc. Sono gli anni delle repressioni, degli sbarramenti forzati, cose già viste quando, “alla folla che pan domandava”, Bava Beccarsi “gli affamati col piombo sfamò”.
È anche la fotografia delle famiglie che al Villaggio sono cresciute e morte dipendendo, sempre, dai padroni. Famiglie diverse da quelle di adesso, più ospitali, più “compagne”, che a tavola si riunivano per discutere e confrontarsi, parlare di Togliatti e delle rivolte di Bucarest nel ’56, la prima ferita al comunismo. Un’abitudine, il dialogo, perduta come i moti del coraggio operaio, e non c’è da stupirsi, oggi, se quella di Granelli è una generazione dimenticata, sparita, a causa della propaganda di Stato che ha trasformato, nel sentire comune, “i contrasti d’interesse in lotta, se non addirittura in odio di classe”. (D. Corbetta)

UNA VITA OPERAIA,
Giorgio Manzini, Archivio del Lavoro (Sesto San Giovanni, Milano), 175 pagg.

Torna all'inizio

 

La caduta dell’aereo di Mattei non fu un incidente, De Mauro scomparve perché stava indagando sulla morte del presidente dell’Eni, a massacrare di botte Pasolini furono più persone; verità storiche, che al di là delle verità processuali gli anni ci hanno consegnato. Se il legame tra i primi due eventi è ormai unanimemente riconosciuto, l’uccisione di Pasolini è ancora avvolta nel mistero. Lo Bianco e Rizza, appoggiandosi anche all’inchiesta – archiviata per mancanza di prove – del pm Calia, collegano i tre delitti con “un filo nero come il petrolio”. Un’ipotesi. Tuttavia, la fosca figura di Eugenio Cefis aleggia sulle tre morti; altri personaggi legati alla P2 sono inquietanti co-protagonisti delle tre vicende; il braccio armato della politica della tensione – mafia e delinquenza neofascista – fa capolino nelle tre storie; e approssimazioni e depistaggi accomunano le tre indagini. Pasolini stava scrivendo Petrolio, un romanzo a chiave nel quale proprio Mattei, Cefis e l’Eni erano i soggetti di una trama che ricostruiva la natura sanguinaria ed eversiva del potere politico-economico italiano; dalle pagine del Corsera svelava in tempo reale le dinamiche della strategia della tensione: je accuse. Io so.
Noi, chi l’ha ucciso, non lo sapremo mai. Di certo sappiamo solo che l’Italia è paese di misteri, in cui spesso la verità è un’ipotesi senza prove. (G. Cracco)

PROFONDO NERO,
Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza, Chiarelettere, 295 pagg., 14,60 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Seppellitemi in piedi non ha la pretesa di essere un saggio, né l’apologia di un popolo che, forse, meriterebbe ben più difensori. Si tratta, in realtà, di un diario, un viaggio nella “tundra d’intolleranza umana” dell’Europa dell’ovest. Il tentativo è quello di destrutturare un paradigma, un appellativo, rom, divenuto sinonimo di contaminazione, sudiciume, e pensare che la pulizia, per i gitani, è sacra.
“Gli zingari, come gli ebrei, sono sempre stati il nemico interno”; gli zigeuner, come gli ebrei, hanno vissuto la diaspora e la deportazione, benché nessuno lo ricordi. Non esiste un giorno della memoria zingaro, nessuna commemorazione, nessuna industria del ricordo. Forse perché, in una società capitalistica, “lo zingaro nomade non ha ragione di esistere”.
Eppure esiste a Ponticelli, a Bucarest, e nelle città europee dove (1989) si è scatenata l’idiosincrasia delle masse, la democrazia a colpi di molotov. La loro uccisione, per molti, “è stata un atto filantropico”. Prenderne le impronte digitali, oggi, una giusta necessità contro la fobia generale.
La storia che l’autrice vuole raccontarci, dunque, non è più la ballata nostalgica dei poeti romeni, ma la cronaca della “miseria anonima di un intero mondo di povertà, un mondo che è sempre e soprattutto popolato dai bambini”. (D. Corbetta)

SEPPELLITEMI IN PIEDI,
Isabel Fonseca, Oscar Mondadori, 369 pagg., 9,40 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

“Questi banditi, ma li sfiora mai, anche lontanamente, l’idea di com’è che ce la si possa fare?!” 1932, Repubblica di Weimar: il capitale si risana e il commesso Pinneberg - con moglie e un figlio appena nato - deve vendere ogni giorno “venti volte l’ammontare del suo stipendio mensile”, pena il licenziamento. La disoccupazione incombe su migliaia d’impiegati, dopo aver ridotto alla miseria milioni di operai, che almeno “si chiamano compagni e si aiutano l’uno con l’altro. […] Quelli come noi, gli impiegati, s’immaginano di rappresentare qualcosa di superiore”. Licenziato, la famiglia trasloca in una baracca, tra comunisti e nazisti. Ostinatamente (ex) ceto medio, il kleiner mann resta nel mezzo, anche quando la disperazione s’avvicina a quello “stato d’animo che spinge a rubare, ad ammazzare per rapina, a partecipare a una sommossa”. Per due anni i Pinneberg vivono con onestà, dignità, e un pizzico di viltà; esistenze che rotolano giù, dritte, fino all’umiliazione finale, perché la povertà non è solo miseria, “è anche un reato”, “è un marchio”, “è sospetta”. Già pubblicato nel ’33, il romanzo è un capolavoro del neorealismo e l’obiettivo di Fallada, puntato sulla la vita di una coppia, non è uno zoom bensì un grandangolo: perché il pubblico condiziona sempre il privato, anche quando quest’ultimo si ripiega su se stesso disinteressandosi della società. (G. Cracco)

E ADESSO, POVER'UOMO?,
Hans Fallada, Sellerio, 577 pagg., 15,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Si guarda verso l’alto, per immaginare una vita più bella. A maggior ragione se sei stato messo là in basso. Con gli occhi rivolti al cielo inizia il romanzo di Angeli, quando lo sguardo di Cesiro – figlio di una Roma di brutta periferia e con i “capelli fini come la pastina per il brodo” – prima di raggiungere l’infinito si ferma su un aereo, che fa volare chissà chi. Sono gli anni Ottanta del Briatore crescente e di Iorio all’attacco. Rossana, Sisto, lo Zan: vivono nella povertà di soldi e di parole; la violenza è l’unico linguaggio. Un po’ si salva Lorenzo, che sa e vuole scrivere. Lo chiamano Pellico per questo, ma anche il Vecchio. È sua la voce romanesca narrante, che racconta una lotta per la giustizia fatta con le armi, quelle dei giovani al concerto degli ADF e quelle dei poliziotti mandati lì dal vicequestore. Rossana finisce in una stanza d’ospedale e ne esce senza la milza e con la voglia di cambiare, ma per farlo tradirà i compagni. Le ‘azioni’ allora superano la linea Maginot, e si spara. C’è chi ha pagato con plurimi ergastoli (quante vite serviranno a rimediare?), chi con la pazzia. Così si chiude, con il colore del sangue, la penultima pagina delle prigioni di Lorenzo detto il Pellico. L’ultima è bianca: altri dovranno aiutare a scrivere una storia finalmente diversa. (A. Giordano)

MAGINOT,
Alessandro Angeli, Controluce, 96 pagg., 12,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Ogni resistenza è una lotta sulla lunga distanza. Lo sa bene Leo, bibliotecario appassionato di corsa e di libri che si prefigge di “conquistare Quarto Oggiaro alla lettura”; far della biblioteca una sorta di “Comune rossa”. Ad assediarla dall’esterno, centri commerciali, la tv dei reality, internet; a resistere all’interno, Leo, un manipolo di pensionati ‘biblio-resistenti’ - che la Resistenza l’avevano fatta davvero - e quei libri che se solo i ragazzi di Quarto li avessero letti “avrebbero potuto farsi una ragione di molte cose inesplicabili”. La Questione meridionale, per esempio, “non gli sarebbe più apparsa una tragica, ineluttabile sventura” dopo aver letto Il Gattopardo e I Vicerè.
Tenacemente Leo corre la propria “maratona d’emancipazione”, reale e simbolica, contro lo sport divenuto oppio dei popoli e contro la fine del libro “come strumento di resistenza, di cambiamento sociale”.
Un romanzo che risente della propensione alla saggistica dell’autore ma che grazie a essa si arricchisce: un invito, quello di Giuntini, a correre con Leo nella storia della narrativa e dello sport, a seguire le tappe di un allenamento attraverso i titoli dei ‘libri-resistenti’ e le vicende degli epici maratoneti della “collezione di fuggiaschi”, a cui non si può resistere. Proprio perché “maratona è l’autentico sinonimo di resistenza”. (G. Cracco)

LE RESISTENZE DI UN BIBLIOMARATONETA,
Sergio Giuntini, Sedizioni, 212 pagg., 13,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

“È incontestabile che solo chi crede nella verità può dubitare, anzi: dubitarne”.
L’incipit del libro di Zagrebelsky, rielaborazione di saggi pubblicati sul quotidiano la Repubblica, è la lente d’ingrandimento con cui il costituzionalista vuole affrontare l’etica afferrabile dell’insicurezza. Le tappe, reiterate nei suoi scritti, interpolano la coscienza di due stati sovrani: quello Politico e quello Clericale. La “carenza dei valori di identità”, il “tramonto dell’Occidente”, la Politica teologica e la Teologia politica, danno forma a quei soggetti, attivi e passivi, cittadini e credenti, che nei suoi articoli, l’autore, pone di fronte al dubbio. Relativismo o assolutismo, ragione soggettiva o nichilismo, salvezza dell’anima o della società.
Alla base c’è sempre la persona umana, l’uguaglianza, la libertà (laica) democratica e quella “misura di valori materiali divenuti valori per se stessi”. Non solo. Il catastrofismo, l’apatia sociale, la mancanza di solidarietà, il consumismo giustificato o “l’allarmismo per la tenuta dei vincoli sociali”. Questi problemi acuiscono quel senso di disagio, il dubbio, che da Tocqueville a Norberto Bobbio, alcuni coraggiosi cercano di sfidare.
Conclusione? “Non limitiamoci a confrontarci su ciò che siamo stati, ma ragioniamo soprattutto di quel che vogliamo essere”. (D. Corbetta)

CONTRO L'ETICA DELLA VERITÀ,
Gustavo Zagrebelky, Laterza, 182 pagg., 15,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Oggi nessuno mette più in dubbio l’istituzione del carcere; si parla al limite di riforma mai di abolizione, evitando accuratamente di ripercorrerne l’evoluzione storica. Introdotta come misura più clemente rispetto alle punizioni corporali, la carcerazione come pena in realtà consente, una volta abolita la schiavitù, di perpetuare lo sfruttamento: leggi ancora fortemente razziste riempiono le carceri di afro-americani trasformandoli da schiavi appena liberati in ‘detenuti in affitto’, manodopera a basso costo per le imprese private. Nel secolo successivo le corporation entrano nel complesso industriale-carcerario: nascono le prigioni private e la detenzione diventa un lucroso affare. Mentre la crisi industriale e la delocalizzazione producono disoccupati – condannati dall’assenza di uno stato sociale al ruolo di ‘criminali’ – ogni carcerato in più diventa fonte di profitto.
Abolire le prigioni, sostiene la Davis, non significa demolirne a picconate le mura, bensì la società che le ha prodotte; riflettere “sulle insidie di quella particolare versione di democrazia rappresentata dal capitalismo statunitense”. Non così lontana dalla democrazia italiana, che ha imboccato la stessa strada: privatizza, smantella lo stato sociale e traccia per legge il profilo del ‘criminale’: l’immigrato. L’America è dietro l’angolo. (G. Cracco)

ABOLIAMO LE PRIGIONI? Contro il carcere, la discriminazione, la violenza del capitale,
Angela Davis, minimumfax, 265 pagg., 14,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

La trama è quella di un libro giallo: un banchiere corrotto dalla mafia, con legami economici in Vaticano, viene trovato cadavere sotto il Blackfriars Bridge, sul Tamigi. Moventi? Il riciclaggio di denaro mafioso e il progetto, con questo, di impedire l’avanzata comunista nei paesi dell’America latina. Si tratta di un omicidio dei più classici, camuffato, malamente, da suicidio.
Campi di potere religioso, politico e criminale si alternano in molteplici figure tra le quali: Cosa Nostra, lo Ior e lo stesso Calvi, il vertice del Banco Ambrosiano. Eppure non si tratta di una spy story, ma del nostro passato recente. Sono gli anni di fango, della loggia P2 e dell’attentato a Giovanni Paolo II, di Riina e dell’on. Andreotti.
Il dossier non tralascia niente e nessuno, in modo sistematico, a partire dalle dichiarazioni della figlia Anna, procedendo con quelle del mandante, Pippo Calò, e le lunghe, mendaci, deposizioni “dell’amico-boia” Flavio Carboni. Calvi poteva “raccontare tanti segreti” che la Chiesa (per saldare il debito) “avrebbe dovuto vendersi piazza San Pietro”. Certo non c’è da stupirsi, se ci sono voluti vent’anni per ricostruire un puzzle intricato, dove bisognava far tacere l’uomo d’onore, divenuto inaffidabile. Un ‘confidente’ lo avrebbe definito Sciascia, un muto dopo il 18 Giugno del 1982. (D. Corbetta)

DOSSIER DELITTO CALVI,
Kaos Edizioni, 428 pagg., 20,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

La Sicilia come terra di mafia, da cui emigrare per salvarsi. “Solo ni la tò casa sei patrone qua… Per il resto, sei ospite… che deve stare al suo posto… o sensale… un intermediario”. La Sicilia come terra di approdo di clandestini. “Troppi ne stanno arrivando, di morti. Venire a mòriri ccà… Ci appìzzanu la vita, pì levàrisi di la mmerda”. Alí sbarca, fugge, viene caricato su un pick-up e finisce a lavorare in una serra; dorme in un capannone, dietro una porta di ferro chiusa a chiave dall’esterno; si lava in un catino. E poi fugge ancora, perché per lui, tornare, significa morire. Gaetano il suo paese non lo vuole lasciare, seguire il padre emigrato in Germania, perché la Sicilia è la sua terra anche se è “’stu paísi di morti”, perché “non sono un… emigrante, io”, perché è “meglio morire di fame a casa propria”. E allora “è questa bella terra che se ne deve andare!, ospite a casa mia non ci voglio essere!”. Non si può dover partire per restare, né si può accettare di campare di pazienza, come i vecchi, sgranando un rosario e confortandosi con i santi.
Contro la violenza dello sradicamento la Santangelo sceglie il dialetto, e il linguaggio diventa simbolo della rabbia, della cultura e dell’identità di una terra che non vuole morire. Di un Sud che rivendica giustizia. Pronto a lottare in prima persona per ottenerla. (G. Cracco)

SENZATERRA,
Evelina Santangelo, Einaudi, 174 pagg., 12,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Una babele di voci. Colori e urla, musica e strepiti dall’Argentina, dall’Italia, dalla Tunisia, dalla Somalia.
Una giovane donna che ha trovato ospitalità nel nostro Paese e nella nostra lingua racconta come si vive con le radici spezzate. Attorno alla sua voce gravitano frammenti di storie narrati in prima persona.
Un libro interessante per fare esperienza di un’Italia estesa oltre i suoi confini: in Argentina, terra di emigrazione, e in Somalia, terra di conquista. Per affrontare senza melodramma le possibili declinazioni della violenza sul corpo delle donne: stupro, tortura, infibulazione. Per conoscere una Somalia viva e legata con nodi complessi a un’Italia colpevole, come mai è stata rappresentata dai nostri mezzi di comunicazione. Con l’eccezione di Ilaria Alpi, qui ricordata con l’annuncio della sua morte per mano ignota.
Igiaba Scego, la giovane autrice italo-somala, narra drammi personali e collettivi con leggerezza, spaziando con disinvoltura dal tono colloquiale alla lingua letteraria. Si perde purtroppo, nel corso della lettura, un linguaggio intrigante: un miscuglio di somalo e italiano che viene abbozzato nelle prime pagine e poi stemperato in registri consueti fino a scomparire.
Una lettura per superare i confini angusti della propria pelle e indossare quella dell’altro. (F. Frediani)

OLTRE BABILONIA,
Igiaba Scego, Donzelli editore, 464 pagg., 17,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Il presente è una Milano notturna, periferica e piovigginosa, illuminata da luci fredde di insegne e lampioni, dove lampi stranianti fendono il buio, senza mai annientarlo davvero: ristoranti semideserti, fari in tangenziale, centri estetici notturni e motel tra Linate e l’Idroscalo. Una Milano liminale che si fa tropo. Il passato è un altro luogo ‘ai margini’, una città-dormitorio dell’hinterland, che l’autore battezza Satellite, appunto. È il luogo dei giorni chiari, dell’oratorio, del salto con la corda, della pedata al pallone, dello sforzo sul pedale della bici; è la via Pal da boom economico per i figli dei meridionali immigrati, è un concetto di ‘casa’ diverso da quello dei loro genitori. “Perché non rimane tutto così?” si chiede il protagonista folgorato da un pomeriggio come tanti, la cui perfezione gli chiude la gola, con “un sapore sfuggente che non si lascia chiamare per nome”. Ma la perfezione non è di questo mondo. Nella notte milanese, quattro di questi ragazzini si ritrovano uomini “consapevoli che non ci sono battaglie vinte o perdute, ma solo battaglie inutili”. Uno di loro, quello che ha pagato per tutti, li ha riuniti con una richiesta di aiuto: il passato rimosso ritorna prepotente, mina gli equilibri e rivela le fragilità di questa amicizia slabbrata dal tempo e da un rimorso diversamente vissuto. (L. Viarengo)

UNO PER TUTTI,
Gaetano Savatteri, Sellerio editore, 157 pagg., 12,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Un titolo bellissimo e significativo. Perché non definisce solo il contenuto del testo ma indica già l’identità del gruppo a cui non sarà gradito. L’autore, del resto — figlio del rabbino capo di Roma — ne sa qualcosa. Le violente proteste sollevate da ambienti del potere ebraico lo avevano, di fatto, costretto a ritirare il libro precedente, Pasque di sangue. Perché — si legge nella prefazione — “sei stato imprudente! Perché sei andato a impelagarti nella Shoah, […] che viene usata in dosi massicce come deodorante” e per celare, maschera tragica e ingombrante, la Storia del popolo ebraico, fatta di atti giusti e ingiusti, che nemmeno l’Olocausto dovrebbe cancellare; pena la miopia, peggio, la cecità. Il libro, breve, acuto, importante, nasce dal dolore e dallo sgomento dell’autore di fronte alla violenza delle reazioni ma esprime, allo stesso tempo, una grande positività quando indica con chiarezza la via da seguire: la smitizzazione della Shoah e l’abbandono di ogni eccesso di memoria vittimistica in favore della consapevolezza che solo evitando tardive rivalse contro le violenze subite è possibile non realizzarne a propria volta. Un ebraismo virtuale può diventare un’arma carica, che imbalsamando il passato nega alla Storia la possibilità di produrre, proprio dagli errori, un nuovo migliore. (A. Steffenoni)

EBRAISMO VIRTUALE,
Ariel Toaff, Rizzoli, 137 pagg., 12,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Mentre Formigoni canta il modello lombardo come esempio per tutta Italia, mentre la Lega sbraita contro clandestini e zingari, al Nord mafia e affari, criminalità organizzata e colletti bianchi, stringono patti sempre più ricchi nel silenzio tombale di politica e informazione. Il riciclaggio dà lavoro a molti e i soldi facili fanno gola anche alla cosiddetta industria legale. Ogni tanto un arresto, un morto dicono che qualcosa nel ricco settentrione non va, ma nessuno sembra interessarsene.
Dalla fine degli anni Settanta, ‘su’ al Nord, le mafie ripuliscono denaro, recuperano crediti per gli imprenditori, ‘aggiustano’ appalti, dirigono il mercato del lavoro, si radicano nel tessuto produttivo e vendono forza lavoro a prezzi stracciati. Hanno bisogno di aziende e di partite Iva per ripulire il denaro proveniente dai traffici illegali e risalgono lo stivale per aprire il mercato alle loro attività. Una strada di sangue che Abati e Greganti ripercorrono, tra pentiti e testimoni, per scrivere un’inchiesta dettagliata e coraggiosa, narrata con il linguaggio del racconto. Non un vero e proprio romanzo bensì una narrazione, con nomi e fatti veri, per trasformare la cronaca in vita vissuta, vivida, drammatica. Lungo un’Italia che non sembra avere più alcuna possibilità di redenzione. (W. Pozzi)

POLO NORD. LA NUOVA TERRA DEI 'PADRINI' DEL SUD
Fabio Abati, Igor Greganti, Selene edizioni, 181 pagg. 13,90 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

La giustizia ha il compito di accertare le responsabilità personali, una Commissione parlamentare va oltre: vi è lo spazio per giudizi di tipo etico e politico. È su tale premessa che la relazione finale sulla Loggia P2 sostiene che essa è “responsabile in termini non giudiziari ma storico-politici, quale essenziale retroterra economico, organizzativo e morale” della strage dell’Italicus; che è una “struttura plastica rispetto al potere” in grado di sostituire la fase eversiva dei primi anni ’70 con quella “in doppiopetto degli Ortolani e dei Calvi” successiva alle elezioni del ’76; che in merito al ruolo dei Servizi l’analisi che li vuole ‘inquinati’ sia altamente riduttiva e molto più veritiera quella che li vede ‘inquinanti’ del sistema democratico. Quanto fosse pericoloso quel nuovo fascismo alla P2 auspicato dalla loggia era quindi già stato ampiamente compreso nel 1984, quando Tina Anselmi presentò la relazione. Malgrado ciò, oggi il Piano Rinascita sta per realizzarsi. Occorre quindi andare a rileggere questa relazione, per comprendere quanto il percorso ora arrivato alla fase conclusiva – politica e costituzionale – sia in realtà iniziato con la Seconda repubblica; quanto vi abbiano contribuito tutti i governi da allora succedutisi, di desta o di centrosinistra che fossero, con la loro politica economica innanzitutto. (G. Cracco)

DOSSIER P2,
La relazione finale della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla Loggia massonica segreta di Licio Gelli, Kaos edizioni, 315 pagg., 17,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

La noia quotidiana prende forma e si fa opprimente non appena April e Frank Wheeler, giovane coppia borghese degli anni Cinquanta che vive nei sobborghi di New York, si scontrano con il loro falso anticonformismo e la vacuità delle rispettive scelte. L’unica soluzione sembra essere la fuga nella vecchia Europa, alla ricerca dei sogni e degli ideali di un tempo. Ma gli impedimenti o forse la paura del cambiamento, giocheranno un ruolo decisivo, rendendo impossibile il risveglio delle coscienze ormai standardizzate.
In un crescendo di emozioni, l’autore analizza minuziosamente il disagio dei protagonisti, e lo rende sentimento comune, fino al tragico finale che suona come un monito a non perdere il proprio spirito critico.
Attraverso la scrittura di Yates e i suoi dialoghi realistici ed estremamente attuali, una spietata analisi delle chimere offerte dalla società di allora, del tutto simili a quelle che ancora oggi inseguiamo. (D. Terraneo)

REVOLUTIONARY ROAD,
Richard Yates, minimum fax, 405 pagg., 11,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Un romanzo in cui non ci sono lucchetti, né notti prima degli esami e niente mare di Santorini davanti al quale chiedersi ‘che ne sarà di noi’. Marcello, a fine maturità, vive il quotidiano dell’estate bolognese, in fondo alla quale si acquatta l’inoffensivo babau dei test universitari. Giornate di caldo colloso, serate di birra con gli amici, e l’amore per l’ondivaga Cate che corrode ogni pensiero.
Un giro per il web, l’invio ozioso di un curriculum ovviamente spoglio ed ecco la grande svolta, il lavoro: cartellino e busta paga, in una famiglia in cui il lavoro ha da sempre contorni fluidi e irregolari – la madre funambola delle parole, il padre custode delle ‘cose’ e del teatro.
Il datore di lavoro è la discutibile Mc Donald’s e Cate inorridisce sciorinando horribilia sulla corporation, ma Marcello accetta, per sentirsi “adatto a un ruolo”. Esperienza in un familiare non-luogo dall’altra parte del bancone: le assurde regole, i rapporti gerarchici, l’assenza di coscienza sindacale, la miope prospettiva degli store manager. Ma anche una diversa scansione del tempo, la responsabilità dell’impegno sottoscritto, la fatica fisica. Marcello è conscio di far parte di un meccanismo di mercato “dilatabile come una gomma da masticare”, lo strappo è inevitabile ma la diversa consapevolezza di sé nata dal lavoro lo traghetterà verso scelte importanti.
Romanzo di (in)formazione nel quale, grazie a una scrittura puntuale, intensa e sensibile, entriamo con lo sguardo disarmante di un ventenne nella realtà locale della multinazionale. Un impero del profitto infiltratosi nel nostro paesaggio urbano ed emotivo, e diventato parte integrante del nostro vissuto. (L. Viarengo)

GENERAZIONE MCDONALD'S,
Francesca Mazzucato, Marlin editore, 190 pagg., 13,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Tre storie: l’ascesa di Sanguetta da spacciatore a capocamorra, l’inchiesta di America, poliziotto della Digos al soldo del boss Sarracino e l’ingresso nella lotta armata di Chimicone, liceale deluso dalla politica. Cinque anni: dal 1988 al 1993. E
una scrittura frenetica che modula l’uso dell’Io narrante su tre differenti registri linguistici. Con questi ingredienti, sul filo delle tre vicende intrecciate fino a diventare una, l’autore narra il sanguinoso cambio al vertice della Camorra e la disgregazione della vecchia classe politica corrotta, sepolta da avvisi di garanzia. Ma La città perfetta è una metafora per raccontare l’Italia di ieri e di oggi. Una Napoli elevata a corposa rappresentazione della morte e della cinica conservazione di un Sistema. E mentre il Pci cambia pelle e svende la sinistra allo Stato e alle privatizzazioni; mentre operai e studenti abbandonati dal partito si mobilitano contro la dismissione dell’Ilva e della scuola pubblica, nuovi poteri subentrano nell’ombra. Emblematica l’apertura del romanzo con il Milan che batte il Napoli (1988) in un match, simbolo di un potere che in apparenza passa la mano ma che, come avvisa uno striscione dagli spalti – “Berlusconi è come De Mita” – nella sostanza sta solo indossando una nuova maschera. (W. Pozzi)

LA CITTÀ PERFETTA,
Angelo Petrella, Garzanti, 507 pagg., 17,60 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Un’intera famiglia sterminata e l’unico sopravvissuto, introvabile; forse morto anch’egli, forse fuggito; vittima o colpevole. Tuttavia i fantasmi dei cinque morti di via Pasubio e via Castellini non sono gli unici ad aleggiare sopra un’afosa Milano agostana: anche il commissario Campos ha i propri, e la resa dei conti con loro è molto più difficoltosa di quella con il colpevole della strage. Perché a ben guardare, colpevoli di qualcosa crediamo di esserlo sempre, per amore, per odio, per senso di colpa o responsabilità: “Insieme, legati, allacciati. Tutti nella stessa gabbia, incatenati a un eterno presente”. E allora giudicare diventa difficile, condannare ancora di più. Un romanzo che indaga l’animo umano con lo stesso ritmo incalzante riservato all’inchiesta poliziesca, ma tanto consegna a quest’ultima, dopo i misteri e i colpi di scena, le risposte finali, tanto lascia al primo, intatta e irrisolta, la complessità dei rapporti personali. Un giallo solo apparentemente consolatorio: perché se è vero che il colpevole è consegnato al lettore, dove stia la colpa non è altrettanto chiaro. Forse perché risiede nelle relazioni umane, quando dietro l’affetto nascondono catene. E allora l’unica salvezza, per se stessi, è liberarsene. Morti o vivi che siano, i propri carcerieri. (G. Cracco)

VIETATO GIOCARE CON LA PALLA,
Antonio Steffenoni, Carte scoperte, 359 pagg., 18,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Tam Docherty, scrittore – e nipote dell’omonimo personaggio di McIlvanney che, in Docherty (1975), dal fondo di una miniera sognava un futuro nel quale trionfassero i valori della classe lavoratrice – seduto nel suo solitario appartamento a Edimburgo, ricorda un viaggio che da Grenoble lo riporta alla nativa Graithnock. Ma fin dalla prima pagina si comprende come si tratti di un viaggio metafisico che lo riconduce a una Graithnock cristallizzata nell’estate del ’55, “un ghetto nel tempo”, punto di partenza e di arrivo del frammentario bildungsroman che, in un’alternanza di piani temporali, si ricompone sotto gli occhi del lettore. L’anelito letterario del diciassettenne Tam (“un’età da cui pensi non verrai mai fuori”), le sue esilaranti quanto fallimentari iniziazioni sentimentali e sessuali, il valore delle relazioni familiari, il lavoro manuale e quello intellettuale come porte differenti attraverso le quali tentare di accedere alle ragioni dell’esistenza: scatole cinesi con le quali la scrittura ironica e penetrante di McIlvanney mostra lo snaturamento di un’intera classe sociale e la solitudine di chi ha compreso che cultura e conoscenza non costituiscono armi sufficientemente potenti per opporvisi, pur senza perdere la speranza. Come sempre, ironia, senso di appartenenza, impegno e sympatheia nelle pagine di questo grande scrittore contemporaneo. (L. Viarengo)

LA FORNACE,
William McIlvanney, Giovanni Tranchida Editore, 402 pagg., 19,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

“La democrazia è un prodotto instabile; è il prevalere (temporaneo) dei non possidenti nel corso di un inesauribile conflitto per l’eguaglianza”. La democrazia riaffiora come tematica, oggi spesso trascurata, in questo saggio esaustivo di Luciano Canfora. Dalla dittatura periclea alla più recente guerra fredda, dai delitti dei regimi reazionari alla “ferocia belluina del governo borghese contro il proletariato che si ribella”, Canfora non tralascia alcuno degli avvenimenti principali che hanno costruito lo Stato democratico moderno e che hanno fondato sul sangue, sui capovolgimenti di fronte e sulle rivolte, un’istituzione decantata dalla nostra Costituzione. Il reiterarsi di meccanismi sociali mai abbandonati, mai superati e forse mai voluti migliorare, fattori di comodo per le classi dominanti, è la chiave con cui l’autore vuole trasmettere un messaggio ben chiaro: “nel mondo ricco, ciò che ha vinto è la libertà, con tutte le terribili conseguenze che questo comporta. La democrazia è rinviata ad altre epoche, e sarà pensata daccapo, da altri uomini”.
Col mito della ricchezza l’uomo trova il modo di strumentalizzare l’opinione pubblica, e le scelte politiche risultano essere niente di più che il frutto del mito a cui il popolo è devoto. (D. Corbetta)

LA DEMOCRAZIA Storia di un’ideologia,
Luciano Canfora, Laterza, 452 pagg., 11,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

La verità giudiziaria archivia come suicidi le morti di Castellari, Cagliari e Gardini, consegnandole come tali anche alla Storia e al sentire comune: martiri di Tangentopoli, vittime dell’atmosfera di terrore e infamia creata dai giudici. Il magistrato Almerighi le indaga nel dettaglio, mostrando le macroscopiche incongruenze delle tre archiviazioni per suicidio: la pistola di Castellari e l’assenza di impronte, nel raggio di 100 metri dal corpo, degli animali che avrebbero dovuto scarnificarne il volto e le mani; l’ematoma cerebrale e le ecchimosi sul viso rilevate nell’autopsia di Cagliari; le contraddittorie testimonianze sull’ora del ritrovamento del cadavere di Gardini e il suo rapido ‘sequestro’ dalla camera da letto – lenzuola e cuscini compresi – inquinata nelle prove dal passaggio di fin troppe persone prima dell’arrivo della polizia scientifica. Incoerenze talmente evidenti che l’unica cosa che può essere affermata con certezza è che non si sia trattato, in nessuno dei tre casi, di suicidio. “Anche il Sistema uccide. Uccide chi diventa inaffidabile”. E Almerighi lo dimostra, oltre ogni ragionevole dubbio. A restare avvolte nel mistero, sono solo le responsabilità criminali di quel Sistema; lui sì, ancora oggi vivo e in buona salute. (G. Cracco)

TRE SUICIDI ECCELLENTI Castellari Cagliari Gardini,
Mario Almerighi, l’Unità, 219 pagg., 6,90 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Fuorviante il Sarkozy in copertina, privo del sottotitolo Di che cosa è il nome?: non dell’uomo politico in sé Badiou si occupa – sebbene nella prima parte analitica inquadri la figura di questo “Napoleone piccolo piccolo” che fa “delle trovate mediatiche, dell’amicizia dell’alta finanza e degli intrighi di corridoio il segreto della politica”, “servo degli indici di borsa e autore prolifico di leggi scellerate”, costringendo il lettore italiano a sincerarsi più volte che il personaggio non sia un altro, a lui ben più noto. In realtà, questo saggio breve e denso rappresenta l’analisi, la diagnosi, e la possibile cura al tragico presente di congiuntura ideologica nel quale viviamo e del quale la salita al potere di Sarkozy è un effetto, non una causa. Come nel caso di Berlusconi in Italia, dove tuttavia non sembra emergere un pensiero intellettuale limpido quanto quello di Badiou. Una riflessione – sul voto come “disorientamento organizzato che dà mani libere all’apparato di Stato”, sulla paura come forza propulsiva della politica, sull’astenia depressiva della sinistra – che porta alla stesura di otto punti in cui articolare la simbolica cura di un’azione collettiva nuova, al di fuori dello stato dominante delle cose, senza invocare la ricostruzione di una sinistra ormai definitivamente scomparsa: “elevare l’impotenza all’impossibile”. (L. Viarengo)

SARKOZY,
Alain Badiou, Cronopio, 2008, 139 pagg., 14,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Lampare, controvento, approdo, furfante. E poi merluzzi e sbirri, vascelli e respiri. Parole rubate da Sammartino a una rete di pescatori e divenute letteratura.
La tragedia è purtroppo vera, e risale alla notte di Natale del ’96, quando al largo di Portopalo, Canale di Sicilia, il peschereccio F174 si infila dentro il mare. Trasporta migranti partiti da India, Pakistan, Sri Lanka. Mentre i pezzi dei loro corpi si impigliano nelle reti, i superstiti, a riva, denunciano l’accaduto, ma non sono creduti e una sfilza di verbi al condizionale schiaccia ancora più in fondo il relitto nell’oceano. «Sarebbero annegati in un presunto naufragio…» Solo i quotidiani il Manifesto e la Repubblica, aiutati dalla testimonianza del pescatore Salvatore Lupo, si interessano al naufragio. Nessuno organizzerà mai il recupero dei cadaveri.
Sammartino affida la cronaca all’arte, e con lirica sapiente in cento pagine narra lo sfacelo. “Dodici su cento/Sono dodici su cento/i sogni migranti dei popoli erranti/Dodici su cento/le rotte viandanti condannate al naufragio/Dodici su cento/il prezzo dei sogni senza permesso di ingresso…”
Poesia per un gelido dato: 12%. Tante, si stima, le cosiddette ‘navi fantasma’ che non raggiungono la riva. Ma tra mille schiamazzi questo grido rimane inascoltato.
“Se ci fosse davvero silenzio si potrebbe udire, anche solo per un istante, il mormorio della terra. Forse echi d’oceano o memorie sotterranee di remote galassie o lamento di antenati tornati dal paese dei morti dopo aver consumato la polvere. Se ci fosse davvero silenzio si potrebbero ascoltare le storie”. Così avverte il testo, e ci artiglia la coscienza. (A. Giordano)

UN CANTO CLANDESTINO SALIVA DALL'ABISSO,
Mimmo Sammartino, Sellerio, 128 pagg., 9,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Matteo Colò non ce la fa più. Trascorre le notti all’osteria per sfuggire alla moglie che, a sessant’anni suonati, ha iniziato ad attenderlo nel letto, ben sveglia e trepidante. Le donne di Borgo Torre sembrano essere “vittime di attacchi di concupiscenza” per la gioia di (quasi) tutti i mariti e fidanzati; affollano il confessionale di don Giuseppe, recitano contrite i pateravegloria e tornano a peccare la notte seguente. Ma un simile uragano di sensi non può lasciare illesi i già precari equilibri di un paesino di poche anime, ancor meno nel 1950. Perché al desiderio non si comanda. E se il sindaco è l’ex podestà, oggi iscritto nelle fila della Dc, l’impenitente sciupafemmine un ex partigiano, ora ideologo del Pci locale, e il Ventennio ha lasciato conti in sospeso, anche ciò che accadde nelle camere da letto può avere risvolti politici. In un esilarante incalzare di colpi di scena Nizzi tratteggia con acuto umorismo e leggerezza l’immediato dopoguerra in un paese nel quale “a nord della strada vivevano le famiglie ricche o benestanti e a sud quelle povere o poverissime, raccolte in un gruppo di case chiamato Piccola Russia, ritenuto un covo di comunisti e sovversivi”. Le armi sono state sotterrate ma Borgo Torre, schietta collina emiliana, sotto l’apparente tran tran quotidiano è tutt’altro che pacificato e con ironico disincanto sa ben difendersi dai fascisti, picchiatori o incravattati, anche in tempo di pace. (G. Cracco)

L'EPIDEMIA (I peccatori di Borgo Torre),
Claudio Nizzi, Mobydick, 157 pagg., 13,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

L’Habana, oggi. Mario Conde, l’ex poliziotto che Leonardo Padura Fuentes ha reso celebre, alle prese – come la città in cui vive - con i problemi della sopravvivenza, ha scoperto una nuova professione, sua unica àncora di salvezza: commerciare in libri antichi. Ma proprio a partire da un libro, e da un ritaglio di giornale nascosto fra le pagine, l’ex poliziotto finisce per trovarsi immischiato in un intrigo che si snoda fra l’attualità del castrismo in difficoltà e il passato ai tempi – gli ultimi tempi – del dittatore Fulgencio Batista. Perché è proprio in quei giorni che sono maturati i presupposti del mistero che oggi Mario Conde vuole risolvere.
Con grande maestria Padura Fuentes intreccia la storia personale di Conde con la storia politica dell’isola di Cuba, nei suoi difficili passaggi dalla dittatura filoamericana al socialismo castrista, e porta il lettore fra i vicoli miseri e oscuri della città, popolati dei pochi coraggiosi che resistono e restano fedeli agli ideali e dei molti che scelgono le vie più violente per sopravvivere.
Scritto con la leggerezza tragica di un bolero e costellato di scelte stilistiche e trovate di intreccio di grande suggestione, il romanzo si congeda dicendo: “L’unica cosa sicura era che la vita, a volte, può assomigliare troppo a un bolero e l’unica via d’uscita elegante è affidarla, con tutte le sue pene e le sue gioie, a una voce capace di alleviarne la sostanziale fatalità: una voce calda”. Diremmo noi, come quella di Padura Fuentes. (A. Steffenoni)

LA NEBBIA DEL PASSATO,
Leonardo Padura Fuentes, Tropea, 350 pagg., 16,90 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Due iraniane, madre e figlia dirette a Lione, finiscono sprovviste di visto di ingresso in un centro di permanenza temporanea nei pressi di Torino. Inizia qui la loro avventura in un mondo dove una parte di umanità viene reclusa e privata a tempo indeterminato del diritto di esistere: sono gli irregolari nel nostro Paese, tutti indistintamente accatastati in uno spazio concentrazionario, nell’attesa di essere traghettati in un altrove ancora più drammatico, spesso dopo essere stati sfruttati come manovalanza clandestina. Il romanzo di Scaglione vuole essere testimonianza di una realtà della quale è difficile sapere. Infatti nei Cpt istituiti dalla legge Turco-Napolitano, poi modificata dalla Bossi-Fini, l’ingresso pare più volte interdetto ai rappresentanti di Ong, come ad avvocati, giornalisti, parlamentari, mentre ci arrivano, quasi inavvertitamente, notizie di morti sospette. Lo sguardo che viene reso nel libro è quello di una ragazzina, Sharmin, che proprio nel campo freddo di quel Cpt, tra una partita di pallone e l’altra, racconta l’Italia che ha sempre idealizzato.
Un’Italia sorridente, generosa, che punta i riflettori sull’abbraccio dei campioni di calcio. Ma qui le luci sono spente e l’ombra della disillusione si fa sempre più cupa e allarmante. (L. Ravera)

CENTRO PERMANENZA TEMPORANEA VISTA STADIO,
Daniele Scaglione, Edizioni e/o, 151 pagg., 12,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Nel 1960 i fascisti ci sono ancora, e forti dell’appoggio al governo Tambroni indicono a Genova il proprio congresso. La città insorge e ne ottiene l’annullamento. Le proteste non rientrano, la questione diventa un’altra: è ora che l’Msi sia dichiarato illegale, come sancisce la Costituzione. Insorgono Licata, Roma, Reggio Emilia, Palermo e Catania, i sindacati dichiarano lo sciopero generale. In piazza scesero gli ex partigiani, i loro figli, gli operai, i contadini, i ragazzi delle magliette a strisce. In vendita a 300 lire nei grandi magazzini di un’Italia in crisi economica, quelle magliette non erano di moda ma andarono a ruba, finendo per connotare socialmente una rivolta. “Ai cortei è meglio andarci con un fazzoletto di tela, perché se la polizia spara e resti ferita, lo puoi fare a pezzi e usarlo come legaccio per bloccare l’emorragia”.
Il ministero degli Interni autorizzò l’uso dei mitra e in quattro giorni furono uccisi dodici manifestanti. L’Msi non fu messo al bando. Un libro incalzante come un romanzo e più minuzioso di un saggio storico, nel quale Colombo mostra la piazza ma anche il parlamento, facendo luce sulle convenienze politiche che agirono sulla testa dei manifestanti. Nel 1960, i valori della società civile erano ancora i valori della Resistenza; quelli della classe politica erano già i medesimi di oggi. (G. Cracco)

L’ESTATE DELLE MAGLIETTE A STRISCE. Luglio 1960, la rivolta contro Tambroni, Diego Colombo, Sedizioni, 230 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

In concomitanza con l’ennesimo progetto di fregolismo mercantile – o di stupro sociale, a seconda di come lo si guardi – ovvero la morte annunciata degli atenei che non accetteranno di diventare enti di diritto privato, è uscita sugli scaffali questa raccolta di quattordici racconti legati dal filo rosso dell’ambientazione accademica. Sa bene di che parla Alessandro Dal Lago, preside della facoltà di Scienze della formazione all’università di Genova dal ricco curriculum accademico, quando, accomunandoli sotto il nome di Conti, ritrae vizi e virtù di personaggi ai quali è – almeno teoricamente – demandato il nutrimento culturale delle nuove generazioni. L’Alma Mater, ovvero la madre nutrice – locuzione che l‘Università ha mutuato dal De rerum natura – non sembra capace di fornire alcun nutrimento, ma solo di generare docenti snaturati da una costante “ricerca della propria esistenza di professore” che sarebbe troppo semplicistico bollare come mediocrità. Più preciso il Conti del bellissimo Non giudicate!, quando lo definisce “il nostro piacere onanistico”. Figure sgradevoli – qualcuna “pvopvio una mevda” come il Conti del Diamogli ventisette – e figure degne di rispetto, alcune delle quali davvero luminose nella loro miseria. Ma tutte, alla fine, intrappolate negli ingranaggi della discussa e discutibile azienda universitaria. (L. Viarengo)

ALMA MATER,
Alessandro Dal Lago, manifestolibri, 256 pagg., 18,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Nel 1862 l’unità d’Italia è un fatto. Rimangono sul tavolo i problemi culturali, ovvero: fare gli italiani. Con leggi fresche, il Governo d’Italia introduce l’obbligatorietà della Leva e della scuola, oltre a nuove norme per l’Amministrazione locale.
Anche il commercio ha le sue esigenze. A questa bisogna, Gaetano Marini, ex garibaldino ora passato all’amministrazione civile, parte da Torino con il compito di estendere le nuove unità di misura al sud appena ‘conquistato’. Il compito del ‘verificatore di pesi e misure’ consiste nell’introdurre in questo lontano circondario, la lira e il chilo, il metro e il litro, al posto dei vecchi rotoli, tarì, palmi e quartucci (per altro diversi da zona a zona). Sembra niente dirlo. Approdato a Bivona, piccolo paese nella provincia di Girgenti, il forestiero attira su di sé l’ostilità dei Signori e delle camarille. Inizia così una disavventura surreale che conduce il funzionario a scontrarsi tanto con il potere locale quanto con quello centrale di Torino. Questo libro è la raccolta di tre saggi dell’epoca che descrivono una vicenda italiana emblematica dei tanti vizi e delle poche virtù di un sistema di potere che nel tempo non è mai cambiato nella sostanza. (W. Pozzi)

GAETANO MARINI VERIFICATORE DI PESI E MISURE,
Pasquale Marchesi, Sellerio editore, 169 pagg., 10,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

‘Uno Stato nello Stato’: è tale l’impalcatura ideologica messa in atto a celare la struttura della mafia, fin dalle sue origini, che ancora oggi è difficile scardinare l’impostura di una simile affermazione nel sentire comune degli italiani. Al contrario, mafia, ’ndrangheta e camorra, oltre a essere un fenomeno unitario e nazionale, sono parte integrante della storia d’Italia e con quello Stato, fin dai suoi albori, hanno condiviso interessi, progetti e vedute politiche. Ciconte, appoggiandosi a una ricca e dettagliata documentazione che ha attraversato, pur in sordina, più di un secolo, traccia la loro l’evoluzione, le forme organizzative, mostra la creazione di rituali e leggende atte a elevarle moralmente ed evidenzia la costruzione di un’armatura ideologica mirata a celare le connivenze politiche; connivenze che fin dall’Unità hanno creato uno scontro acceso tra quella magistratura che della mafia riconosceva il peso criminale, l’organizzazione complessa e il potere e quella politica che per interesse negava la sua esistenza. “La maffia che esiste in Sicilia non è pericolosa, non è invincibile di per sé, ma perché è strumento di governo locale”. Lo affermava già Diego Tajani, procuratore generale di Palermo nel 1871. Dice bene Ciconte: l’ascesa di mafia, ’ndrangheta e camorra era resistibile. Se lo Stato avesse voluto resistergli. (G. Cracco)

STORIA CRIMINALE. La resistibile ascesa di mafia, ’ndrangheta e camorra dall’Ottocento ai giorni nostri,
Enzo Ciconte, Rubbettino, 432 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

"La parola zingaro è diventata offensiva, per cui essi stessi e i loro amici evitano di pronunciarla. Una volta non lo era... ". Non chiamarmi zingaro, racconta le difficoltà con le quali rom, sinti e kalè convivono giornalmente. Nel libro, eventi di cronaca drammatici tra cui l'incendio di Livorno e la vergogna di Opera si intrecciano a storie di sinti e rom inseriti nella società dei gagè: medici, preti, artisti, infermieri, fornai; realtà quotidiane che hanno dello straordinario. Inoltre, viene affrontata la condizione di rom e sinti in Italia, Romania, Bulgaria e Francia dove ogni anno a Saintes Maries de la Mer avviene il pellegrinaggio da Sara la nera, loro patrona. Nulla cade nell'oblio per Petruzzelli. In chiusura, viene narrata la vicenda di Mariella Mehr, scrittrice jenisch, vittima del programma della Pro Juventute "Bambini di strada" che in Svizzera, in collaborazione con le autorità cantonali e comunali, causò il sequestro di centinaia di bambini jenisch, sottratti alle loro famiglie. Un libro, questo, che ci insegna ad ascoltare anche l'altra verità, quella ingombrante, che qui trova la sua voce il suo mezzo di espressione e la sua risonanza. (F. Fossati)

NON CHIAMARMI ZINGARO,
Pino Petruzzelli, Chiarelettere 2008, 227 pagg., 12,60 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

“Non erano l’eventuale imbrogliata all’amico, le fatture false, l’evasione fiscale a preoccupare sua madre, ma le amicizie femminili, il sesso, il sesso!”
L’ipocrita perbenismo della provincia fa da sfondo alla saga dei Baragiola, industriosa famiglia lariana “presa dal lavoro come un apostolato, che non leggeva libri e poco anche i giornali, incapace di comprendere la necessità civile della cultura. Votavano tutti ‘turandosi il naso’, qualunque partito scegliessero, perché odiavano la politica considerandola un’inutile escrescenza sulla pelle della società”. Gli euforici anni ’80 sono appena alle spalle, Tangentopoli e la crisi economica un’amara sorpresa ancora non rivelatasi; la Baragiola e figli va a gonfie vele ed elargisce profitti e miliardari fondi neri, accumulati nelle banche svizzere, nel Liechtenstein, in Lussemburgo. Ascesa e declino di una famiglia nella quale il mito del denaro è congenito e trasmesso di padre in figlio, unito alla convinzione che “il successo economico, unico tipo di successo riconosciuto, fosse conseguenza delle qualità morali dell’individuo”. È l’Italia che saluterà con entusiasmo ‘la discesa in campo’ di Berlusconi due anni dopo; un arguto ritratto sociale, nonostante la raffinata penna della Berra non sempre abbia il coraggio – o la volontà – di graffiare. (G. Cracco)

NEL BOZZOLO DORATO,
Laurana Berra, Mobydick, 217 pagg., 15,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Pietro, Abraham, Jean e Maurice, “sono compagni che nessuno chiama compagni”: sono trotskisti, prigionieri, nell’autunno del ’43, nel campo partigiano di Raffy. Pietro è Pietro Tresso, detto Blasco, uno dei fondatori nel ’21 del Pcd’I. Mescolando realtà storica e finzione, Tassinari traccia la vicenda di Blasco e Debora Seidenfeld, detta Barbara, la sua compagna, divenuti trotskisti e quindi “traditori in combutta con il nemico” dopo l’ascesa di Stalin al potere; l’espulsione dal Pcd’I sotto la direzione di Togliatti, le calunnie, le umiliazioni, l’isolamento e, infine, il drammatico epilogo nel campo di Raffy, sono l’amara rappresentazione di ciò che accade quando gli ideali si trasformano in cieca fede ortodossa, quando “nell’azione politica di ogni giorno, un po’ di odore d’incenso e di sagrestia pare proprio di sentirlo”, quando l’egemonia dell’obbedienza prevale sulla libertà di pensiero e l’indottrinamento trasforma “l’istinto di un potenziale ribelle in quello di un cane da guardia”. Blasco e Barbara, che la Storia dei vincitori ha cancellato dalla memoria, ci ricordano che gli ideali comunisti non sono lo stalinismo. E oggi più che mai, davanti a partiti di ‘sinistra’ orgogliosi di aver abbandonato i principi comunisti a favore di una nuova fede – il neoliberismo – occorre ricordarlo. (G. Cracco)

IL VENTO CONTRO,
Stefano Tassinari, Marco Tropea Editore, 187 pagg., 13,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Le stazioni intermedie del tratto ferroviario Lecce-Stoccarda scandiscono i capitoli del libro, e il bambino Mario, dieci anni, racconta con la vivezza della calata leccese il viaggio-simbolo, uno dei tanti viaggi mensili nel quale lo imbarca la madre – aggregandolo a una famiglia emigrante scelta di volta in volta – mentre il padre, professore a Bergamo, lo attende non senza trepidazione a Milano.
Un’avventura nella quale Mario può dare la stura al proprio estro di affabulatore – “da grande” Mario Perrotta è attore e regista – assorbendo e rimandandoci storie, riflessioni e personaggi dell’epica migratoria italiana. Uno sguardo solo artatamente infantile, per permettere a Perrotta di affrontare con leggerezza e ironia un tema dai risvolti tragici. Il ritmo del parlato rivela, sulla pagina scritta, qualche reiterazione di troppo ma è una pena lieve in cambio di momenti quali la partita di calcio tra capitalisti e marxisti, la genesi della Lega attraverso Schwarzenbach, o la discesa dantesca in miniera. Si sorride amaro, perché dietro le osservazioni pragmatiche o ricche di pietas del bambino Mario, la voce adulta e accusatoria di Perrotta ci ricorda miserie e tragedie di un popolo dallo sguardo sospeso di viaggiatori perenni. Un bel promemoria per chi è pronto oggi a trasformarsi da vittima in carnefice. (L. Viarengo)

EMIGRANTI ESPRÈSS,
Mario Perrotta, Fandango Libri, 148 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Niente oro di marottiana memoria, nella Napoli di Andrej Longo. Quello che lo scrittore dipinge è il terreno di coltura della camorra: la realtà delle periferie, della disperazione, della solitudine e dell’assenza totale di sentimenti, nella quale l’espressione d’amore più forte è rappresentata dalla speranza di un padre che il figlio non finisca come lui, uomo con la pistola, o dalla decisione di una madre di liberare la figlia – già in abito nuziale – dai ceppi di un matrimonio con ‘o malamente del quartiere. Ma quella che Longo ci descrive è anche una realtà adolescenziale di ricchezza illecita, preclusione a qualunque futuro diverso.
Dieci, come i comandamenti. Un’interpretazione tutta napoletana delle leggi bibliche attraverso le voci di altrettanti personaggi . La narrazione in prima persona, tagliente e asciutta, regala scorci tragici – ma privi di melodrammaticità – conservando una naturale vis comica grazie all’espressività della parlata dialettale, efficacemente calibrata. Una visione disperante, sebbene traspaiano a volte, specie nei personaggi femminili, un’energia e un desiderio di riscatto molto simili alla speranza di un’alternativa. Quasi che sullo sfondo una voce nota chiosi: “Ha da passa’ ‘a nuttata…” (L. Viarengo)

DIECI,
Andrej Longo, Adelphi, 144 pagg., 15,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Liborio Cappa è geniale, anticonformista, dipoenge (dipinge poetando), non tollera “il neon, i laminati plastici, le auto di grossa cilindrata, i cibi surgelati e la civiltà di massa”; l’altro Liborio Cappa, il cugino omonimo, ha “la casa ultramoderna, la Giulia Super e le conoscenze altolocate” e 127 spine nell’appartamento, comprese quelle dello spazzolino elettrico e del nettascarpe. Siciliani immigrati nella Milano dei primi anni ‘60, i due cugini si scambiano ruoli e mogli in una girandola incalzante di equivoci, inganni e situazioni surreali, e mentre Liborio cerca strenuamente di difendere la propria personalità contro i rigori della tecnica e l’omologazione di massa, in “un tentativo donchisciottesco di andare all’assalto dei calcolatori elettronici armato del pennello e della colla”, la moglie Enula si ritrova “inconsciamente attratta dalle ‘e’ accentate”: “veste in lamé, beve frappé, balla yé yé, frequenta attaché, maison de beauté e cabaret, prende cachet, odia i grossier e sogna chalet”. ‘Libero perché scapolo’, si può affermare parafrasando un dipoento di Liborio; ma Liborio è sposato e la società dei consumi una ragnatela tessuta da più ragni. Esilarante l’ironia pacata, sottile e intelligente di Domina – classe 1922: umorismo d’altri tempi, vien da dire, con rimpianto. (G. Cracco)

LA MOGLIE CHE HA SBAGLIATO CUGINO,
Umberto Domina, Sellerio, 197 pagg., 10,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Un tempo, dalla luna, si vedeva solo il palazzo di Ceausescu; ora spiccano i capannoni di lamiera, tirati su uno accanto all’altro nella campagna, “ognuno col proprio nome in cima come una bandiera”. In Romania, ora l’oppressione si chiama industrializzazione, lo sfruttamento delocalizzazione, e hanno il volto del peggiore capitalismo nostrano: arroganti e mai sazi, “con la boria di chi è padrone due volte proprio perché in terra straniera”. “Ci sono passati accanto tutti uguali, prima il cofano del fuoristrada, poi il gomito dal finestrino, infine gli occhiali da sole sopra il naso. […] Siamo tutti pionieri”. Uno produce salotti, uno scarpe, uno assicurazioni, uno bare. Qui “si sono rifatti una vita. In Italia non valevano più nulla”. Lorenzo non è mai stato in Romania; ci va ora, chiamato da un telegramma che lo avvisa della morte della madre, pioniera, quindici anni prima, tra i pionieri. Il ricordo degli arrivi, delle partenze, dei giochi e delle mancate promesse, lo accompagna in un dialogo silenzioso verso la sua bara, quando per anni non ha fatto altro che aspettare che fosse lei a tornare. Una visita ai morti, che per trovare pace deve andare oltre le colpe; mancato rispetto dell’uomo e sfruttamento della miseria sono colpe dalle quali, al contrario, il capitalismo non può essere assolto. (G. Cracco)

SE CONSIDERI LE COLPE,
Andrea Bajani, Einaudi, 170 pagg., 14,00 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

«Se questa vacanza funziona rischia di diventare un esperimento pericoloso: forse, dopo, non torniamo più a casa». Arles nella follia delle Notti spagnole, per cinque amiche di vecchia data che, fresche cinquantenni, si concedono un lungo fine settimana tutto femminile. Si trovano per rinsaldare il loro legame, lasciandosi alle spalle – almeno negli intenti – problemi e fantasmi quotidiani. Impresa ardua perché il passato non è un concetto temporale: s’insinua nei discorsi, segna i rapporti e sfuma di ‘giallo’ gli assolati giorni di Arles. Ciascuna avrà modo – in un bagno di flamenco, rievocazioni, slanci libertari, toreadas, profonde intese, fiumi di Sancerre e sconforto – di guardare alla propria vita con maggiore lucidità. Ma solo una avrà il coraggio, alla fine, di voltare pagina. Vicenda narrata in presa diretta – dialoghi brillanti compresi – da una delle ‘ragazze’ al suo invisibile amante di origini spagnole che, con la sua assenza, consente alla protagonista narrazione e monologo interiore. Un vero hidalgo, questo muto interlocutore. Lo si intuisce affascinante ma , come spesso accade alla categoria, non regge il lungo termine. A dire il vero, nessun uomo esce granché bene dalle pagine di Ragazze.
Il femminino raccontato da un uomo, con sensibilità e ironia tutte femminili. (L. Viarengo)

RAGAZZE,
Antonio Steffenoni, Carte Scoperte, 206 pagg., 16,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Fuggire dal golpe cileno per ritrovarsi in Argentina, dittatura dalla forma più ambigua i cui delitti sono celati dalla propaganda. Il protagonista è gettato nella clandestinità di una periferia industriale senza alcun centro, dove la lotta politica è lotta per la sopravvivenza. “Ci si illude che da ciò lo spirito possa uscirne integro: ma sempre, al corpo, resta impigliata l’anima”. Attorno a lui, il popolo sommerso degli sconfitti ai quali l’autore restituisce voce e poesia. Nessun vincitore nella storia dei vinti, ma chi mette in gioco tutto può aiutare a schiudere l’orizzonte di un differente possibile. Capita, leggendo, di trattenere il fiato in attesa di un gesto che rovesci le sorti. Come il tiro di Rensenbrink al 90° minuto della finale dei mondiali di calcio del ’78 – partita con esito già deciso tra Argentina e Olanda – che “entrando in rete avrebbe dimostrato che nel tessuto monotonamente omogeneo delle storie già scritte si potevano aprire delle falle, delle discontinuità”.
Alluminio è un racconto popolato di storie, ma anche polifonia di temi intrecciati a una trama armonica ritmata dal loro ritorno. E’ sguardo e pensiero sul mondo, cura per l’umanità che lo abita e per la parola che ha il compito di narrarla. (F. Frediani)

ALLUMINIO,
Luigi Cojazzi, Halley editrice (Hacca), 206 pagg., 12 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

“Victoria ha imparato a notare tutto e a tenerlo per sé. La biblioteca è chiusa. […] Stanno inventariando i libri. E alcuni, come per magia, si perdono. Come alcune persone”.
1977, in uno sperduto paese dell’Argentina: da giorni la corriera non si ferma; la sbarra della ferrovia è abbassata. Nessuno conosce le ragioni di tale isolamento forzoso, eppure, nessuno se ne dà pensiero. La corriera che accelera anziché frenare davanti alla fermata, diviene solo un diversivo stravagante, un evento da non perdere per il quale vestirsi a festa e uscire. E se la causa di tutto è – come affermano le voci che iniziano a circolare – la caccia da parte delle autorità di una sovversiva nascosta nei paraggi, basta attendere che la catturino e tutto tornerà come prima, sotto la calda e rassicurante coltre delle piccole abitudini quotidiane, dei piccoli poteri, dei piccoli domini, pubblici e privati. Una dittatura ha vita facile, ci dice la Almeida: poggia le fondamenta su cittadini indifferenti che accettano ogni menzogna in cambio della propria quiete. In fondo, il regime si presenta bene: “Dovevi vedere che bei tipi! Com’erano vestiti bene gli agenti, con i capelli a spazzola, i baffi perfetti. [...] Tengono pulito il paese, ci proteggono. Fanno in modo che continuiamo a vivere tranquilli”. (G. Cracco)

LA SOVVERSIVA,
Eugenia Almeida, Guanda, 155 pagg., 13,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

La Nemesi ha occhi chiari e freddezza di un militare croato. Il pluripremiato (ex) fotoreporter di guerra Faulques, oggi eremita in una torre sull’isola di Ibiza, non intende sfuggirle. Mentre dipinge sulle pareti un immenso affresco circolare, nel quale si mescolano luci e ombre di un’umanità agonizzante – vuol catturare ciò che mai gli è riuscito con la fotografia, fredda arte e non documento dell’orrore umano – è costretto dal suo giustiziere, per il quale una foto di Faulques è stata la famosa farfalla di Lorenz, a ripercorrere esperienze ed eventi che lo hanno portato fin lì. Si delinea così, nell’attesa di una morte annunciata, la teoria del caos che governa il mondo, “i passi del Caso su una rigorosa scacchiera”. Simmetrie, linee rette, diagonali che hanno disciplinato le sue foto prima e la sua pittura adesso, Faulques le ascrive anche alla realtà: logica e guerra come uniche chiavi possibili di lettura delle umane vicende. Arturo Pérez-Reverte non lascia dubbi: fedele alla spaventosa simmetria della sua natura intelligente, l’uomo è il più crudele di tutti gli animali anche se “crea eufemismi e cortine di fumo per negare le leggi naturali. E l’infame condizione che gli è propria”. Romanzo denso, filosofico, dal finale ineluttabile. (L. Viarengo)

IL PITTORE DI BATTAGLIE,
Arturo Pérez-Reverte, Tropea, 284 pagg., 15 euro.

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

The female of the species is more deadly than the male, più letale del maschio, recita la famosa poesia di Kipling, e questi nove racconti, perfetti e rigorosamente in prima persona, ne sono la dimostrazione, come suggerisce il sottotitolo della versione originale, storie di mistero e suspence, scomparso nella traduzione in italiano. Angoscia degna del miglior Poe e scandaglio psicologico della migliore Woolf: Joyce Carol Oates svela le pulsioni nascoste dell’animo femminile, la violenza presente nelle femmine di ogni specie e che sembra invece sopita nell’uomo. Nessuna riesce a sfuggire al suo fascino arcano, bambina o vecchia, privilegiata o miserabile, madre o figlia, moglie o amante: non c’è differenza anagrafica, sociale, culturale che conti, quando la solitudine trasforma l’amore in una malattia mortale. Con una lenta metamorfosi in cui il bene e il male cambiano posto e i legami perdono ogni significato, le femmine della Oates non ravvisano l’incubo che le avvolge se non quando tutto è compiuto. Sezionate con chirurgica precisione, le nove vite ordinate vanno in pezzi, lasciando un’eco di morte che rimbalza, dannata, da pagina a pagina e ci sussurra: “Potrebbe succedere a te.” (LaBaer)

LA FEMMINA DELLA SPECIE,
Joyce Carol Oates, Bompiani, 310 pagg., 16,50 euro.

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Michele ha 13 anni, Felice ne ha 60; Michele è un borghese, Felice è un contadino; Michele sa di letteratura e di scienze, Felice è semianalfabeta. “Per ogni cosa una cosa”. Felice sta perdendo la memoria e Michele lo aiuta, con tecniche mnemoniche, a ricordare i nomi degli oggetti, e più Felice dimentica più la sua mente si espande, costretta a ragionare: le parole assumono la doppia valenza di significato e significante. “Però perd la memoria voeur minga dì dumà smentegass di coss, voeur anca dì smentegass di record” dice Felice. E inizia un’avventurosa caccia ai ricordi dell’uomo, tra le tessere di un puzzle, rimescolate e mancanti, memoria di quella casa in cui ha sempre vissuto e di quel paese, a cui il ventennio fascista ha cambiato nome, teatro di lotte partigiane. Michele inizia con lo scavare in quella mente e finirà con lo scavare in giardino, in cerca di una fossa comune, di una Storia e di una verità che tutti sembrano voler rimuovere, ipnotizzati dagli sceneggiati televisivi dell’estate del ‘69. Viaggio alla ricerca di un’identità perduta, simbolo di un’Italia che ne è divenuta priva, e viaggio psicologico all’interno di una mente che rivela il dolore, il rimosso e la costruzione arbitraria di una realtà che non è mai la medesima per tutti. (G. Cracco)

VERDERAME,
Michele Mari, Einaudi, 164 pagg., 16,50 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Idea davvero felice quella di Elena Stancanelli e della minimum fax di raccogliere e integrare alcuni pezzi di questa scrittrice e cronista di Repubblica, legati dal comune denominatore di un vagabondaggio romano fra luoghi, non-luoghi e ipo-luoghi che forniscono all'autrice lo spunto per un'immersione in uno spazio ben più profondo, una dimensione introvabile nel “solito mantra idiota, nella vulgata becera che gira di bocca in bocca nelle redazioni”, tanto per citare parole della stessa scrittrice, a proposito dei quotidiani. “Quando il racconto è la trasfusione di un sentimento, non c'è alcun dubbio che le parole siano non solo utili, ma necessarie”. E il sentimento c'è – fortemente condito di ironia, disincanto e provocazione – nel libro A immaginare una vita ce ne vuole un'altra, titolo mutuato da una poesia di Victor Cavallo. Come chiarisce l'autrice nelle pagine di apertura, è solo dalla vita “altra”, quella fatta di certezze, di paletti, di sicurezza che possiamo lanciarci verso il caos e il buio di una vita “immaginata”. Questa è l'operazione che Elena Stancanelli si propone, rileggendo con occhi diversi un itinerario già percorso. Frammenti di storia, personaggi famosi e non, realtà sociali e digressioni in questo mosaico critico di politica, costume, arte che fa di Roma (e non solo) un luogo metafisico (L. Viarengo)

A IMMAGINARE UNA VITA CE NE VUOLE UN'ALTRA,
Elena Stancanelli, minimum fax, 176 pagg., 11 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

Il falsario di Caltagirone è un romanzo che unisce Storia e storia. La Sicilia delle rivolte dei Fasci siciliani, delle elezioni del 1889 vinte dal partito dei circoli operai nei comuni dell’isola, la repressione militare nelle strade e i maneggi politici che portarono al commissariamento delle giunte; la Storia con tanto di nomi e cognomi, viva come mai sarebbe possibile in un saggio storico. La Parigi del j'accuse di Zola, di Picasso, degli anarchici. L’Argentina, dove “in ogni migrante italiano si sospettava un terrorista”, e con tale pretesto fu messa in piedi una campagna xenofoba che opponeva lavoratori emigrati a basso costo a quelli locali a più alto costo. La Storia si ripete… Il ritorno, infine, nella Sicilia di Don Sturzo e del nascente regime fascista. Su tutto, o meglio, attraverso tutto, la vita di Paolo Ciulla, l’artista e i suoi quadri, l’uomo e gli appassionati amori omosessuali, le lotte politiche e la decisione di divenire falsario in attesa di una rivoluzione “che tanto prossima non sembrava”, e spezzare con la sua arte il monopolio della lira che “liberamente moltiplicata poteva diventare cibo, vestito, gratuito medicamento”. Paolo Ciulla mise in circolazione, in due anni di solitario lavoro tra il 1920 e il 1922, quasi ventimila banconote da 500 lire. Una gratuita ricchezza. (G. Cracco)

IL FALSARIO DI CALTAGIRONE,
Maria Attanasio, Sellerio editore, 201 pagg., 10 euro

Acquista il libro su

Torna all'inizio

 

L’Italia delle sezioni del PCI, negli anni ‘50 e ‘60; le lotte operaie, le manifestazioni per i contratti di lavoro, la costituzione dei Consigli di Fabbrica e i picchetti alla Brionvega di Milano nei primi anni ‘70; il ‘77 a Torino, il movimento dell’Autonomia, le “Ronde proletarie”. La Fiat Mirafiori: i 61 operai licenziati nell’ottobre ‘79 con l’accusa di terrorismo, i trentasette giorni del 1980, i 23.000 cassaintegrati con la benedizione dei sindacati, la Marcia dei quarantamila. Pagine di Storia italiana. Ines Arciuolo quella Storia l’ha vissuta, per scelta. “Ho avuto la fortuna di avere un padre comunista”, scrive in A casa non ci torno. E nella sua autobiografia, i valori, le teorie, le lotte in fabbrica, diventano realtà quotidiana. Che cosa significa far parte di “una squadra” di operai alla catena? Resistere alla stanchezza in un picchetto notturno? Che cosa significa voler essere operaia fin da bambina, sognare la fabbrica e l’impegno politico attivo, al punto da partire per il Nicaragua sandinista e partecipare alla rivoluzione? E ritrovarsi infine nell’individualismo diffuso dell’Italia degli anni ‘90 ma ancora con la “ferma convinzione, rafforzata da cocenti delusioni e da una realtà scoraggiante, che non vi possa essere miglioramento della condizione umana se non nella forza collettiva”. (G. Cracco)

A CASA NON CI TORNO. Autobiografia di una comunista eretica
Ines Arciuolo, Stampa Alternativa, 254 pagg., 15 euro

Acquista il libro su


 

Torna su