È uscito il numero 58
giugno - settembre 2018

 


seguici sulla ns pagina

La rivista
tutti i numeri
ordina numero
abbonamenti
Contenuti
analisi politica
inchieste
dura lex...
percorsi storici
interviste
critica letteraria
recensioni libri
segnalazioni libri
spunti letterari
racconti
musica
cinema
arte
autori
Contenuti per tema
Europa
economia
lavoro e conflitto sociale
nuove tecnologie
la sinistra in Italia
la nuova destra in Europa
NO Expo
privatizzazioni
politica dell'immigrazione
rapporto cultura, informazione e potere
scontro politica e magistratura
osservatorio sulla mafia
rapporto Stato e Chiesa
politica medioriente
Il progetto Paginauno

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura
creativa e FilmMaking

Comunicazione
newsletter
la stampa
link
contatti
area riservata

 

Pagine contro la tortura

 

 

E se il mostro fosse innocente?
Controcronaca del processo
al chirurgo Brega Massone
e alla clinica Santa Rita

 

 

 

Felice Bonalumi
Storia del gusto
saggistica

 

Mario Bonanno
33 Giri
in utero

 

Raymond Williams
Terra di confine
narrativa

 

47 Autori
Poesie per un
compleanno
La Sposa del Deserto

 

Rudi Ghedini
Rivincite
Saggistica

 

Edith Wharton
Triangoli
imperfetti
Il Bosco di Latte

 

Joseph Conrad
Ford Madox Ford
La natura
di un crimine
Il Bosco di Latte

 

James Robertson
Solo la terra resiste
narrativa

 

Christine Dwyer Hickey
Tatty
narrativa

 

Carmine Mangone
Il corpo esplicito
saggistica

 

Suzanne Dracius
Rue Monte au Ciel
narrativa

 

Davide Steccanella
Le indomabili
saggistica

 

Liam O'Flaherty
Il cecchino
Il Bosco di Latte

 

Frank O'Connor
Ospiti della nazione
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Ciò che non siamo
narrativa

 

Paul Dietschy
Storia del calcio
saggistica

 

Giuseppe Ciarallo
Le spade
non bastano mai
narrativa

 

Carmine Mezzacappa
Cinema e
terrorismo
saggistica

 

Massimo Vaggi
Gli apostoli
del ciabattino
narrativa

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

William McIlvanney
Il regalo
di Nessus
narrativa

 

William McIlvanney
Docherty
narrativa

 

Fulvio Capezzuoli
Nel nome
della donna
narrativa

 

Matteo Luca Andriola
La Nuova destra
in Europa
libro inchiesta

 

Davide Corbetta
La mela marcia
narrativa

 

Honoré de Balzac
Un tenebroso affare
narrativa

 

Anna Teresa Iaccheo
Alla cerca della Verità
filosofia

 

Massimo Battisaldo
Paolo Margini

Decennio rosso
narrativa

 

Massimo Vaggi
Sarajevo
novantadue
narrativa

 

Elvia Grazi
Antonio Prade
Senza ragione
narrativa

 

Giovanna Baer
Giovanna Cracco
E se il mostro
fosse innocente?
libro inchiesta

 

John Wainwright
Stato di fermo
narrativa

 

Giuseppe Ciarallo
DanteSka
satira politica

 

Walter G. Pozzi
Altri destini
narrativa

 

 

 

 

Creative Commons License
Il contenuto di questo sito

coperto da
Licenza Creative Commons

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

 

anno II, numero 9
ottobre - novembre 2008

 

edizioni: paginauno
formato: 21 x 30 - pagg. 64
prezzo: 8,00 euro
ISSN: 1971343600009

 

 

 

Clicca sui titoli del sommario per leggere gli articoli caricati online, oppure puoi ordinare il numero 9 nel formato cartaceo

 

Editoriale

Lo Stato della corruzione
Approfittando dell’ampia maggioranza parlamentare, conquistata anche grazie alla particolare modalità di conteggio prevista dalla legge elettorale (Erika Gramaglia, pag. 16), il governo ha iniziato il tiro al piccione. Bersagli privilegiati: lavoratori e magistratura. Di fronte a un Paese in cui i redditi dell’economia sommersa si riversano nell’economia ufficiale – fino a diventarne la colonna portante – lo Stato italiano vive il paradosso di non avere più convenienza a combattere la criminalità, per evitare che crolli l’intera economia (Giovanna Baer, pag. 13). Non che abbia mai avuto intenzione di combatterla. Al contrario. Secondo studi di settore, la corruzione e la complicità tra politica, imprenditoria e mafia è cresciuta nel corso degli anni, fino a diventare, oggi, la logica di potere dominante. Un potere terrorizzato dall’ipotesi di una nuova Tangentopoli. Ecco perché governo e opposizione si dicono d’accordo e pronti per una ‘riforma della giustizia’. Di questa riforma, il Lodo Alfano ha rappresentato il primo mattone (Walter G. Pozzi, pag. 7) per una giustizia che sia smaccatamente di classe. Un primo passo verso uno Stato penale, in cui i grandi ladri continuino a uscire dopo pochi giorni di carcere – e dichiararsi “in piena forma” – mentre le prigioni traboccano di povericristi, delinquenti per questioni di sopravvivenza (Daniele Patelli, pag. 26).
Nel frattempo, un po’ per coprire la drammatica crisi del capitalismo italiano, un po’ per nascondere i propri affari sporchi, la politica ricorre alla propaganda più becera. L’inchiesta di Giovanna Cracco sullo sgombero di Ponticelli, svela i giochi politici e gli interessi economici, nascosti dietro alla campagna antirom (pag. 30), rivelando una coda di interessi che arriva fino in Lussemburgo.
Vecchia strategia, da parte del potere, quella di appellarsi alle paure recondite della società di massa (Felice Bonalumi, pag. 21), per coprire i peggiori maneggi. Una forma di propaganda in grado di colpire l’emotività dei cittadini attivando un uso calibrato di sofisticate forme linguistiche. Di queste, la più evocativa inventata dal governo Berlusconi è ‘Grandi opere’, tra le quali troneggia il ponte sullo stretto di Messina. Niente di nuovo: da sempre è la regola di una politica connivente con la mafia, aprire enormi cantieri nelle zone dove la criminalità organizzata è più forte (Nicola Loda, pag. 65).
Altrove, prosegue la ‘missione umanitaria’ del contingente italiano in Iraq e in Afghanistan. Altri interessi, altri affari di una potenza imperialista di cui al solito l’Italia si rende garante, anche se la guerra è ormai persa da tempo. Restano da stabilire le ragioni della sconfitta, e chi siano i veri vincitori (Fabio Damen, pag. 17).
È “la solita zuppa” avrebbe detto lo scrittore Bianciardi (Luciana Viarengo, pag. 56). Ma forse non è più nemmeno vero, caro Luciano. È persino peggio.

 

Sommario

Presenza clandestina
di Laura Defendi

EDITORIALE
Lo Stato della corruzione

RESTITUZIONE PROSPETTICA
Lodo Alfano, il primo atto
della governabilità
di Walter G. Pozzi

IL RACCONTO
Tentazione!

di Giovanni Verga

POLEMOS
Belpaese Connection

di Giovanna Baer

Iraq e Afghanistan: analisi di un fallimento
di Fabio Damen

Dacci oggi il nostro panico quotidiano
di Felice Bonalumi

INTERVISTA
Sandra Berardi. Stato penale
di Daniele Patelli

INCHIESTA
Il sacco di Ponticelli
di Giovanna Cracco

RACCONTI
Maternità

di Giancarlo Viola

Sotto terra
di Elisabetta Pirro

DURA LEX
Il circolo vizioso

di Erika Gramaglia

FILO-LOGICO
Anarchia metasemantica

La poesia caleidoscopica di Fosco Maraini in Gnòsi delle Fànfole
di Giuseppe Ciarallo

VERITÀ AL TEMPO DELLA MOVIOLA
Legittime falsità

di Davide Pinardi

SOTTO I RI(F)LETTORI
Nel segno della distopia

recensione de Il racconto dell'ancella, Margaret Atwood
di Luciana Viarengo

BUONE NUOVE
Aspettando la rivoluzione

recensione di Le cinque giornate, Luciano Bianciardi
di Luciana Viarengo

IN LIBRERIA narrativa
Centro permanenza temporanea
vista stadio, Daniele Scaglione (L. Ravera)
L'estate delle magliette a strisce, Diego Colombo (G. Cracco)
Alma Mater, Alessandro Dal Lago (L. Viarengo)

IN LIBRERIA saggistica
Gaetano Marini verificatore di pesi e misure,
Pasquale Marchesi (W. Pozzi)
Storia criminale, Enzo Ciconte (G. Cracco)
Non chiamarmi zingaro, Pino Petruzzelli (F. Fossati)

LE INSOLITE NOTE
Rogue's Gallery: pirate ballads, sea songs and chanteys

di Augusto Q. Bruni

PAROLE SULLA TELA
Sabina Sala. Microcosmi

di Chiara Carolei

CORIANDOLI
L'importanza del tempo

L'importanza delle parole
Fondamentalismi

di Antonio Steffenoni

VOCABOLARIO STORICO
Grandi opere

di Nicola Loda

 

Clicca sui titoli del sommario per leggere gli articoli caricati online, oppure puoi ordinare il numero 9 nel formato cartaceo

 

Torna su