È uscito il numero 62
aprile - maggio 2019

 


seguici sulla ns pagina

La rivista
tutti i numeri
ordina numero
abbonamenti
Contenuti
analisi politica
inchieste
dura lex...
percorsi storici
interviste
critica letteraria
recensioni libri
segnalazioni libri
spunti letterari
racconti
musica
cinema
arte
autori
Contenuti per tema
Europa
economia
lavoro e conflitto sociale
nuove tecnologie
la sinistra in Italia
la nuova destra in Europa
ecologia
Stati Uniti
NO Expo
privatizzazioni
politica dell'immigrazione
rapporto cultura, informazione e potere
scontro politica e magistratura
osservatorio sulla mafia
rapporto Stato e Chiesa
politica medioriente
Il progetto Paginauno

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura
creativa e FilmMaking

Comunicazione
newsletter
la stampa
link
contatti
area riservata

 

Pagine contro la tortura

 

 

E se il mostro fosse innocente?
Controcronaca del processo
al chirurgo Brega Massone
e alla clinica Santa Rita

 

 

 

Iacopo Adami
Capolinea
Narrativa

 

Vittorio Alfieri
La virtù
sconosciuta
La Sposa del Deserto

 

Jules Janin
Racconti
bizzarri
Il Bosco di Latte

 

Margaret Oliphant
La finestra
Il Bosco di Latte

 

John Wainwright
Anatomia di
una rivolta
Narrativa

 

Davide Steccanella
Across the Year
in utero

 

William McIlvanney
Chi si rivede!
Il Bosco di Latte

 

Honoré de Balzac
L'albergo rosso
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Emma B
Narrativa

 

Rinomata Offelleria Briantea
Ventinovecento
Narrativa

 

Silvia Albertazzi
Leonard Cohen
Manuale per vivere nella sconfitta
Saggistica

 

Thomas Wolfe
Un'oscura vitalità
Il Bosco di Latte

 

Francis Scott Fitzgerald
Basil Lee
Il Bosco di Latte

 

Felice Bonalumi
Storia del gusto
saggistica

 

Mario Bonanno
33 Giri
in utero

 

Raymond Williams
Terra di confine
narrativa

 

47 Autori
Poesie per un
compleanno
La Sposa del Deserto

 

Rudi Ghedini
Rivincite
Saggistica

 

Edith Wharton
Triangoli
imperfetti
Il Bosco di Latte

 

Joseph Conrad
Ford Madox Ford
La natura
di un crimine
Il Bosco di Latte

 

James Robertson
Solo la terra resiste
narrativa

 

Christine Dwyer Hickey
Tatty
narrativa

 

Carmine Mangone
Il corpo esplicito
saggistica

 

Suzanne Dracius
Rue Monte au Ciel
narrativa

 

Davide Steccanella
Le indomabili
saggistica

 

Liam O'Flaherty
Il cecchino
Il Bosco di Latte

 

Frank O'Connor
Ospiti della nazione
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Ciò che non siamo
narrativa

 

Paul Dietschy
Storia del calcio
saggistica

 

Giuseppe Ciarallo
Le spade
non bastano mai
narrativa

 

Carmine Mezzacappa
Cinema e
terrorismo
saggistica

 

Massimo Vaggi
Gli apostoli
del ciabattino
narrativa

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

William McIlvanney
Il regalo
di Nessus
narrativa

 

William McIlvanney
Docherty
narrativa

 

Fulvio Capezzuoli
Nel nome
della donna
narrativa

 

Matteo Luca Andriola
La Nuova destra
in Europa
libro inchiesta

 

Davide Corbetta
La mela marcia
narrativa

 

Honoré de Balzac
Un tenebroso affare
narrativa

 

Massimo Battisaldo
Paolo Margini

Decennio rosso
narrativa

 

Massimo Vaggi
Sarajevo
novantadue
narrativa

 

Giovanna Baer
Giovanna Cracco
E se il mostro
fosse innocente?
libro inchiesta

 

John Wainwright
Stato di fermo
narrativa

 

Giuseppe Ciarallo
DanteSka
satira politica

 

Walter G. Pozzi
Altri destini
narrativa

 

 

 

 

Creative Commons License
Il contenuto di questo sito

coperto da
Licenza Creative Commons

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

Polemos

 

Tecnologie, capitalismo e vie di fuga
di Giorgio Griziotti

Dispositivi mobili e biopolitica, messa a profitto del comune ma anche possibile autonomia: il problema è politico

Incontro-dibattito sul libro Neurocapitalismo. Mediazioni tecnologiche e linee di fuga, Giorgio Griziotti (Mimesis, 2016), presso il Circolo anarchico Ponte della Ghisolfa (Milano), 4 maggio 2016


Innanzitutto mi preme sottolineare che questo libro non è nato con l’intenzione di sviluppare un’elucubrazione teorica sulle tecnologie, o sul rapporto tra tecnologie e sociopolitica, ma quasi da un bisogno, scaturito da due inclinazioni personali: la passione per le tecnologie – ho studiato e lavorato tutta la vita in questo campo, soprattutto nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione – e quella politica. Facendo parte del lungo ‘68 italiano, termine che preferisco a quello degli ‘anni di piombo’ che viene propinato dai media mainstream, mi sono infatti trovato a riflettere e a cercare di capire qual è il nesso fra queste tecnologie e il contesto politico in cui viviamo.

Quando ho cominciato a interessarmi di politica erano gli anni in cui Berkeley, l’università e città californiana, era un doppio simbolo: da un lato la culla dei movimenti che negli Stati Uniti si battevano contro la guerra in Vietnam, dall’altro il luogo in cui nasceva quello che sarebbe poi divenuto il free software. È lì infatti che vengono create le prime versioni di Unix ‘open source’, precursore di Linux e del free software, ed è lì che sono state inventate le funzioni essenziali per connettere i computer a internet. Anche se la commessa veniva dal ministero della Difesa americano, che negli anni della guerra fredda era interessato a costruire una rete che potesse ricomporsi in caso di un evento atomico, la nascita di internet corrispondeva anche a un bisogno di quella generazione, che voleva comunicare e che lottava contro le forme d’imperialismo allora dominanti.

L’esperienza e il vissuto dei decenni che ho passato professionalmente nel campo di queste tecnologie mi hanno portato a riflettere sul ruolo della tecnica, che è da sempre una forma di mediazione con il mondo, con tutte le sue contraddizioni e biforcazioni. Una delle immagini che ho inserito all’inizio del libro è infatti ripresa dal film culto 2001: Odissea nello spazio, nel quale Kubrick mostra una scimmia antropomorfa che prende un osso e ne fa uno strumento di difesa e soprattutto di aggressione, una scena che simbolicamente rappresenta il nascere della tecnica.

Tuttavia oggi sta avvenendo un importante cambiamento: queste tecnologie, che prima erano separate dalla nostra soggettività, ora entrano a farne parte. È una trasformazione che già altri studiosi prima di me hanno definito un divenire macchina dell’uomo, il famoso mito dei cyborg di Donna Haraway. Siamo quindi di fronte a un salto rispetto alla mediazione della tecnologia come prima era intesa, un cambiamento di paradigma.

A partire da questa visione ho dunque cercato di articolare il libro su tre assi portanti, molto legati tra loro: l’aspetto del produrre, quello del vivere e quello dell’organizzarsi. Sono legati perché i confini tra produrre e vivere, tra lavorare e vivere, oggi non sono più netti come prima – so che non è una riflessione nuova, anche se io cerco sempre di mettere in evidenza il ruolo delle tecnologie in queste osmosi. Oggi lavoriamo perché abbiamo anche uno smartphone che ci sollecita ed entra in gioco in momenti che fanno parte sia della vita che del lavoro, e i due aspetti si mescolano. In tutto questo mi pare che la figura di uomo nata nell’Umanesimo e nell’Illuminismo non sia più così centrale. C’è una discussione aperta, qualcuno dice che siamo davanti a soggettività ibride, quello che viene definito ‘postumano’.

Su questa tendenza, portata avanti anche da studiose femministe e progressiste come Rosi Braidotti, che afferma che il postumano è una speranza perché in esso si sviluppa un’etica diversa da quella capitalistica attuale, io francamente sono un po’ critico: perché se le tecnologie vengono usate, come lo sono oggi, per plasmarci, il postumano può essere benissimo capitalista; non esiste nessun automatismo che renda il postumano non capitalista.

A questo si aggancia il tema sulla neutralità delle tecnologie. Si sa che le tecnologie non sono mai neutre, ma fanno parte di processi dinamici – una tecnologia immobile è una tecnologia morta – ma proprio per questo possono assumere valenze politiche anche opposte, a secondo del modo con cui vengono utilizzate. L’esperienza politica degli anni Sessanta e Settanta e il fatto d’aver in qualche modo interiorizzato alcuni concetti fra cui quello della biopolitica come emerge per esempio in Foucault e poi in Hardt/Negri, sono stati fattori essenziali per percepire il cambiamento di paradigma a cui accennavo prima.

Lavorando nel settore proprio nel momento in cui tutta l’industria delle reti e dei dispositivi mobili nasceva e poi cresceva esponenzialmente, ho intuito che gli smartphone e simili sono gli strumenti biopolitici per eccellenza. Proprio perché li abbiamo su di noi, permettono un controllo individuale e finissimo, e quindi il ruolo di questi apparecchi è intimamente legato alla prossimità con il corpo. Una situazione molto diversa rispetto ai PC: per scrivere su un computer, per esempio, bisogna accenderlo, aspettare che sia pronto e stare seduti e poi la scrittura implica principalmente il funzionamento dell’emisfero più legato alla razionalità.

I dispositivi mobili entrando invece direttamente e sempre di più a contatto con il corpo, come dicevo, coinvolgono praticamente i cinque sensi e provocano emozioni (i pubblicitari ci vogliono inculcare che oggi tutto è solo emozione): ascoltiamo musica, vediamo video, parliamo, giochiamo e comunichiamo in svariati modi. Questo avviene in qualsiasi situazione, momento e luogo. Ci permettono di immergerci in realtà aumentate o virtuali e attraverso un’infinità di sensori possono interagire o monitorare persino il buon funzionamento biologico: che si tratti della glicemia di un diabetico o del ritmo cardiaco di un jogger, solo per fare qualche esempio. I devices sono talmente il tool emblematico della biopolitica che ho sentito la necessità di creare un neologismo: bioipermedia.

La tecnologia dunque non è neutra e questi dispositivi sono utilizzati per modellarci, per plasmare addirittura i comportamenti, le emozioni, le carte del cervello, come dicono i neuroscienziati. “Noi vogliamo conoscere prima di voi quali sono le vostre intenzioni”, ha affermato l’amministratore delegato di Google; per il consumismo, certo, ma non solo, anche per un controllo politico globale. Ma se questa è l’essenza di come una tecnologia viene utilizzata oggi dal capitalismo cognitivo, proprio per il fatto che non è neutra essa permette, nello stesso tempo, un certo livello di autonomia.

Le grandi multinazionali digitali, ormai simboleggiate dall’acronimo GAFA (Google, Amazon, Facebook e Apple) si basano maggioritariamente su un prodotto che non gli appartiene, che è in effetti un prodotto del comune: il free software e l’open source. GNU Linux è probabilmente il simbolo più conosciuto. Non solo perché è un artefatto di grande portata ma soprattutto perché lo troviamo dappertutto, anche se non sempre lo sappiamo. Anima non solo milioni di computer, fra cui la grande maggioranza dei server internet o del Cloud, ma partecipa anche al funzionamento di miliardi di apparecchi includendo i dispositivi mobili (Android è un derivato di Linux), le box delle televisioni, le unità di controllo elettronico nelle automobili ecc.

Il capitale sta dunque usando un prodotto del comune, e ciò avviene da Berkeley in poi. È un aspetto importante che va riconosciuto, anche per renderci conto che abbiamo le possibilità, le capacità di linee di fuga, di autonomia nell’uso delle tecnologie. Certo è il prodotto di una moltitudine che ha una determinata capacità tecnologica, però questa intelligenza collettiva tecnica è enormemente più forte e diffusa rispetto a quando io ho cominciato a lavorare nel settore; all’epoca eravamo pochi pionieri.

Non è importante saper programmare, tutti in qualche maniera contribuiamo alle evoluzioni. Pensiamo al termine prosumer, cioè produttore e consumatore, che a me non piace peraltro, perché implica uno sfruttamento, un lavorare gratis per le multinazionali. È quello che succede quando ci obbligano a parametrare le applicazioni, o quando ci fanno utilizzare delle versioni che non sono stabili e che contengono anomalie che dobbiamo scoprire e segnalare. Tutto dipende dai modi d’uso: quando con la nostra creatività inventiamo delle modalità non previste, quando usiamo le app in una finalità d’autonomia, allora contribuiamo alla produzione del comune anche senza essere programmatori.

L’autonomia nell’uso delle tecnologie, che già ci permette una via di fuga, potrebbe essere molto più forte. Pensiamo al movimento del peer-to-peer, che ha in qualche modo intaccato la cupola del copyright, che certo esiste ancora ed è sempre fortissima, però oggi è possibile avere musica o video gratuitamente.

Esistono altre tecnologie recenti che aumentano il potenziale di autonomia, come quella che nasce con il bitcoin, per esempio, che è stato forse pensato in un’ottica anarco-capitalista, ed è utilizzato come dispositivo del capitalismo finanziarizzato e dell’accumulazione. Il bitcoin però è basato su una tecnologia, la blockchain, che apre nuove prospettive, che tramite opportuni algoritmi permette usi diversi da quello di asset finanziario.

Esistono già degli esempi, esperimenti come quello del faircoin nell’ambito del progetto Faircoop e delle Cooperative Integrali, e un altro che sta cominciando qui a Milano, a livello di concezione, non ancora di implementazione, che si chiamerà, se lo si farà, commoncoin, e che permetterà di utilizzare la tecnologia della blockchain per avere una moneta autonoma.

Lo stesso si può dire per tutto quello che riguarda la sharing economy. Oggi è egemonizzata dal capitale, basta vedere quello che succede con Airbnb, che ci fa diventare degli affittacamere, con Uber, che ci fa diventare dei tassisti, negli Stati Uniti già esiste un’altra applicazione, che a mio parere arriverà anche da noi, che si chiama TaskRabbit e ci farà diventare tutti un po’ idraulici, montatori di Ikea o tuttofare dei nostri vicini. Una piattaforma con cui, pagando laute commissioni come al solito, si compra il tempo di una persona che ti fa un lavoretto a casa. Tutto questo è controllato dal capitale, che fa miliardi sfruttando la capacità di condivisione delle moltitudini, ma recentemente ho letto un documento interessante di Trebor Scholz, uno studioso
tedesco che vive negli Stati Uniti, sulle piattaforme del cooperativismo (1).

Ci sono insomma, secondo Scholz, le possibilità di clonare funzionalmente queste grandi piattaforme della Silicon Valley per rendere la sharing economy autonoma dallo stesso capitale; ci sono tecnologie che hanno la capacità di poter essere utilizzate in un modo che non sia quello capitalistico.

Il problema quindi è essenzialmente politico. Se non ci crediamo, se non c’è uno stato di fiducia politica nelle nuove monete come commoncoin o faircoin, è chiaro che si resterà su un circuito estremamente ridotto e non si avrà un’influenza e un’espansione importante. Dipende da noi coniugare queste tecnologie, la moneta per esempio, o le forme del cooperativismo, con delle parole d’ordine, dei concetti politici, come quello del reddito universale, un tema molto discusso a Parigi, nelle Nuit debout.

A mio parere oggi esiste una capacità diffusa non solo di resistere, ma anche di creare reali possibilità di autonomia. Certo organizzarsi è il passaggio più complicato e più difficile politicamente, perché, dal mio punto di vista, non si tratta di riformare il sistema ma di costruire qualcosa di alternativo. I tempi sono lunghi, ma esistono le capacità per farlo. Bisogna crederci e siamo già sulla buona strada...

 

Giorgio Griziotti

 

 

Torna su