È uscito il numero 51
febbraio - marzo 2017

 


La rivista
tutti i numeri
ordina numero
abbonamenti
Contenuti
analisi politica
inchieste
dura lex...
percorsi storici
interviste
critica letteraria
recensioni libri
segnalazioni libri
spunti letterari
racconti
musica
cinema
arte
autori
Contenuti per tema
Europa
NO Expo
privatizzazioni
la sinistra in Italia
la nuova destra in Europa
lavoro e conflitto sociale
politica dell'immigrazione
rapporto cultura, informazione e potere
scontro politica e magistratura
osservatorio sulla mafia
economia criminale
rapporto Stato e Chiesa
politica medioriente
Il progetto Paginauno

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura
creativa e FilmMaking

Comunicazione
newsletter
la stampa
link
contatti
area riservata

 

Pagine contro la tortura

 

 

E se il mostro fosse innocente?
Controcronaca del processo
al chirurgo Brega Massone
e alla clinica Santa Rita

 

 

 

Davide Steccanella
Le indomabili
saggistica

 

Liam O'Flaherty
Il cecchino
Il Bosco di Latte

 

Frank O'Connor
Ospiti della nazione
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Ciò che non siamo
narrativa

 

Paul Dietschy
Storia del calcio
saggistica

 

Giuseppe Ciarallo
Le spade
non bastano mai
narrativa

 

Carmine Mezzacappa
Cinema e
terrorismo
saggistica

 

Massimo Vaggi
Gli apostoli
del ciabattino
narrativa

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

William McIlvanney
Il regalo
di Nessus
narrativa

 

William McIlvanney
Docherty
narrativa

 

Fulvio Capezzuoli
Nel nome
della donna
narrativa

 

Matteo Luca Andriola
La Nuova destra
in Europa
libro inchiesta

 

Davide Corbetta
La mela marcia
narrativa

 

Honoré de Balzac
Un tenebroso affare
narrativa

 

Anna Teresa Iaccheo
Alla cerca della Verità
filosofia

 

Massimo Battisaldo
Paolo Margini

Decennio rosso
narrativa

 

Massimo Vaggi
Sarajevo
novantadue
narrativa

 

Elvia Grazi
Antonio Prade
Senza ragione
narrativa

 

Giovanna Baer
Giovanna Cracco
E se il mostro
fosse innocente?
libro inchiesta

 

John Wainwright
Stato di fermo
narrativa

 

Giuseppe Ciarallo
DanteSka
satira politica

 

Walter G. Pozzi
Altri destini
narrativa

 

Davide Pinardi
Narrare
critica letteraria

 

 

 

Creative Commons License
Il contenuto di questo sito

coperto da
Licenza Creative Commons

 

Fotoreportage

 

Expo 2015
SOS Fornace contesta l'inaugurazione
Fotoreportage di Giulia Zucca

Milano, 1 maggio 2015

Nella mattinata una trentina di attivisti del centro sociale Sos Fornace di Rho hanno organizzato una protesta all'ingresso Fiorenza Expo di Milano, mettendo in scena la loro inaugurazione dell'Esposizione Universale.

Questo il testo del volantino diffuso durante la contestazione.

WELCOME TO EXPO 2015
NUTRIRE LO SFRUTTAMENTO, ENERGIA PER LA PRECARIETA’

Oggi, 1 maggio 2015, all’apertura dei cancelli di Expo, i precari della metropoli danno il benvenuto alla grande Esposizione Universale che dovrebbe proiettare Milano e l’Italia intera al centro dell’attenzione internazionale.

Una grande opportunità per mettere in mostra le eccellenze del Belpaese, dicono. E quando si parla di eccellenze italiane un posto d’onore lo meritano sicuramente la precarietà e lo sfruttamento, la corruzione e il malaffare.

Eccellenze interamente finanziate da soldi pubblici da cui solo la solita banda di affaristi, speculatori e mafiosi trarranno profitti. In questi mesi su tutti i giornali nazionali e internazionali avete potuto ammirare come il sistema politico-economico italiano eccelle nello spartirsi legalmente e illegalmente il denaro tramite tangenti, collusioni mafiose, abili manovre finanziarie e mirabolanti speculazioni.

Oggi, invece, entrando nel grande sito di Expo 2015 potrete osservare da vicino la biodiversità precaria, straordinari esempi di precarie e precari di varie specie e affascinanti caratteristiche: si comincia da 340 apprendisti fino a 29 anni, 195 stagisti con un semplice rimborso spese e tirocinanti non pagati.

Potrete fotografare i precari delle pulizie e della vigilanza assoldati a 2,50 Euro l’ora, gli interinali sottoinquadrati e orde di lavoratori e lavoratrici sottoposti alla legislazione del paese che li assume.

Aprendo bene gli occhi e camminando senza far rumore fra i padiglioni davanti a voi compariranno centinaia di esemplari ricercatissimi di lavoratori in nero senza alcuna tutela.

Tutti sono costretti a un lavoro sottopagato dal ricatto della precarietà, un sistema che ingrassa gli affari di chi quotidianamente specula sulle nostre esistenze ed estrae profitto dalle nostre vite espropriando la ricchezza che produciamo.

Grazie a Expo 2015 un nuovo gradino nella scala dello sfruttamento è stato raggiunto: ecco dunque ai vostri occhi la nuova figura dell lavoratore “gratuito”, non retribuito, da alcuni furbescamente definito “volontario”. Si tratta di 20.000 lavoratori che, ricattati dal sistema scolastico o illusi dalla possibilità di aggiungere contatti alla loro rete sociale e lavorativa, vi accompagneranno fra le miserie di questa Esposizione Universale, dandovi indicazioni e facilitando la vostra esperienza dentro il flop di Expo 2015.

Oggi, 1° Maggio 2015, giornata di lotta e festa dei lavoratori, siamo qui a ricordarvi che dietro alle frottole come “Nutrire il Pianeta, Energia per la vita” si nascondono le vere storie della generazione precaria che oggi sfilerà in città con la MayDay No Expo rivendicando il diritto al reddito per tutti, contro precarietà, sfruttamento, lavoro gratuito e sottopagato!

SOS FORNACE
NO EXPO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi articoli sul tema:

NO EXPO

 

Torna su