È uscito il numero 51
febbraio - marzo 2017

 


La rivista
tutti i numeri
ordina numero
abbonamenti
Contenuti
analisi politica
inchieste
dura lex...
percorsi storici
interviste
critica letteraria
recensioni libri
segnalazioni libri
spunti letterari
racconti
musica
cinema
arte
autori
Contenuti per tema
Europa
NO Expo
privatizzazioni
la sinistra in Italia
la nuova destra in Europa
lavoro e conflitto sociale
politica dell'immigrazione
rapporto cultura, informazione e potere
scontro politica e magistratura
osservatorio sulla mafia
economia criminale
rapporto Stato e Chiesa
politica medioriente
Il progetto Paginauno

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura
creativa e FilmMaking

Comunicazione
newsletter
la stampa
link
contatti
area riservata

 

Pagine contro la tortura

 

 

E se il mostro fosse innocente?
Controcronaca del processo
al chirurgo Brega Massone
e alla clinica Santa Rita

 

 

 

Davide Steccanella
Le indomabili
saggistica

 

Liam O'Flaherty
Il cecchino
Il Bosco di Latte

 

Frank O'Connor
Ospiti della nazione
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Ciò che non siamo
narrativa

 

Paul Dietschy
Storia del calcio
saggistica

 

Giuseppe Ciarallo
Le spade
non bastano mai
narrativa

 

Carmine Mezzacappa
Cinema e
terrorismo
saggistica

 

Massimo Vaggi
Gli apostoli
del ciabattino
narrativa

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

William McIlvanney
Il regalo
di Nessus
narrativa

 

William McIlvanney
Docherty
narrativa

 

Fulvio Capezzuoli
Nel nome
della donna
narrativa

 

Matteo Luca Andriola
La Nuova destra
in Europa
libro inchiesta

 

Davide Corbetta
La mela marcia
narrativa

 

Honoré de Balzac
Un tenebroso affare
narrativa

 

Anna Teresa Iaccheo
Alla cerca della Verità
filosofia

 

Massimo Battisaldo
Paolo Margini

Decennio rosso
narrativa

 

Massimo Vaggi
Sarajevo
novantadue
narrativa

 

Elvia Grazi
Antonio Prade
Senza ragione
narrativa

 

Giovanna Baer
Giovanna Cracco
E se il mostro
fosse innocente?
libro inchiesta

 

John Wainwright
Stato di fermo
narrativa

 

Giuseppe Ciarallo
DanteSka
satira politica

 

Walter G. Pozzi
Altri destini
narrativa

 

Davide Pinardi
Narrare
critica letteraria

 

 

 

Creative Commons License
Il contenuto di questo sito

coperto da
Licenza Creative Commons

 

 

anno III, numero 15
dicembre 2009 - gennaio 2010

 

Edizioni paginauno
formato: 21 x 30 - pagg. 64
prezzo: cartaceo 8,00 euro - PDF 4,00 euro
ISSN: 1971343600015

 

 

 

Clicca sui titoli del sommario per leggere gli articoli caricati online, oppure puoi ordinare il numero 15 scegliendo tra il cartaceo o il PDF

 

In questo numero
L’ipocrisia di una manifestazione contro la censura berlusconiana in un Paese in cui l'universo dell'informazione, in mano ai grandi imprenditori, tace sulle malefatte dei suoi capitalisti; il documentario-denuncia Oil, di Massimiliano Mazzotta: morte e inquinamento intorno alla Saras della famiglia Moratti con la complicità dello Stato e del silenzio di tivù e giornali; dietro le quinte della Protezione civile: deroga straordinaria alle leggi sugli appalti, milioni di euro da gestire e una short list riservata di imprenditori amici; viaggio nel ‘terzo settore’, dove le organizzazioni religiose spadroneggiano e impongono direttive etiche tra sovvenzioni pubbliche, relazioni politiche e lottizzazione; dalla Rerum novarum alla Caritas in veritate, la santa alleanza tra Chiesa e capitalismo nata dalla lotta al socialismo e rinsaldata da lucrosi affari e dall’impostura di un nuovo ‘capitalismo etico’; il processo di Norimberga, lo scopo politico dietro la costituzione di un'unica Corte per tre diverse fattispecie di crimini; l’apartheid, invenzione fascista e non sudafricana; la strumentalizzazione ideologica della parola ‘evoluzione’ nella teoria di Darwin. E ancora: musica – l'inesistenza di fonti storiche per la ‘musica celtica’ – arte, quando entra in un Centro di riabilitazione psichiatrica e diviene identità, critica letteraria, recensioni e narrativa sociale.

 

Editoriale

Il brutto sogno di un ipocrita
Immagina un Paese e ammetti che questo Paese sia l’Italia. Immagina questo luogo da favola in cui il presidente del Consiglio non fa causa a chi parla male di lui e in cui i giornalisti e gli editorialisti non si macchiano di omertà per nascondere col silenzio le malefatte dei ricchi proprietari dei giornali su cui scrivono (Walter G. Pozzi, pag. 7). Una nazione in cui lo Stato non demanda la gestione dei propri compiti sociali ai privati, permettendo loro di creare fondazioni, comunità, associazioni ‘senza scopo di lucro’ e di rimpinguare i loro forzieri, sfruttando gli ultimi anelli della catena sociale (Giorgio Morale, pag. 26). Una nazione in cui i politici onorano la funzione pubblica secondo codici morali diversi da quelli della corruzione, dell’incitamento alla prostituzione e dell’assunzione di droghe (Felice Bonalumi, pag. 31). Immagina che questo Paese sia un luogo felice, in cui nessun politico convince il popolo del nord di essere nato in una terra mai esistita e di aderire a una cultura inesistente; e immagina un Paese in cui nessuno si beve simili scempiaggini (Augusto Q. Bruni, pag. 60); un territorio incontaminato in cui prevenire un disastro naturale non è ritenuto economicamente meno conveniente che lasciarlo accadere e in cui la Protezione civile non diviene un immenso centro di distribuzione di denaro e di appalti (Giovanna Baer, pag. 40). Una nazione in cui la Chiesa non si allea con un potere che sfrutta l’uomo per poter mantenere un dominio spirituale e non veste falsi panni morali criticando nelle encicliche sociali quel sistema con cui sottobanco fa affari (Giovanna Cracco, pag. 21). In cui la grande impresa non inquina con rifiuti tossici il territorio, non disprezza la vita della povera gente e non sfrutta i lavoratori (Walter G. Pozzi, pag. 16). Immagina di vivere in una società di uomini che non pretendono di discendere dagli angeli invece che dalle scimmie (Felice Accame, pag. 36); in un mondo in cui i vinti non processano gli sconfitti con l’obiettivo di nascondere i propri crimini e per accreditarsi come ‘i buoni’ e così dominare la terra (Davide Pinardi, pag. 52); in cui il fascismo non inventa la segregazione razziale chiamata apartheid ispirando il regime sudafricano (Nicola Loda, pag. 65).
Immagina di vivere in un Paese così, in un mondo siffatto; di vivere in pace, serenità e abbondanza come gli ipocriti insetti della Favola delle api di Mandeville (pag. 10). Che cosa ne sarebbe di giudici, di soldati, di poliziotti, dei preti, dei giornalisti privati della cronaca nera? Chi avrebbe più convenienza a fare politica? Cosa accadrebbe a chi guadagna con la sicurezza, ai criminologi, agli scrittori di gialli, ai docenti di giurisprudenza, agli imprenditori, ai servizi segreti? Come potrebbero governare i politici senza fare leva sulla paura e sulla pancia della gente? Ma: non è che davvero, senza ladri, criminali e assassini, il castello sociale finirebbe per crollare?

 

Sommario

Nessuno ascolta
di Davide Corbetta

EDITORIALE
Il brutto sogno di un ipocrita

RESTITUZIONE PROSPETTICA
Censura e omertà

di Walter G. Pozzi

IL RACCONTO
La favola delle api: ovvero vizi privati, pubbliche virtù

di Bernard de Mandeville

POLEMOS
Petrolio!

di Walter G. Pozzi

Caritas in capitalismo: la dottrina sociale della Chiesa
di Giovanna Cracco

E tu chiamale Onlus
di Giorgio Morale

Dall'etica alla politica: una questione di prassi
di Felice Bonalumi

L'analisi dei significati nella teoria biologica dell'evoluzione
di Felice Accame

INCHIESTA
Poteri e appalti: l'altra Protezione civile
di Giovanna Baer

RACCONTI
Tashi delek!

di Elisabetta Pirro

VERITÀ AL TEMPO DELLA MOVIOLA
Alibi Norimberga
(4ª parte)
di Davide Pinardi

BUONE NUOVE
Milano, un lazzaretto permanente

(recensione de La città degli untori di Corrado Stajano)

di Giuseppe Ciarallo

IN LIBRERIA narrativa
Acasadidio,
Giorgio Morale (G. Cracco)
Il traditore, Liam O'Flaherty (Milton Rogas)
Un bell'avvenire, Marco Videtta (Milton Rogas)

IN LIBRERIA saggistica
La pulizia etnica della Palestina
, Ilan Pappe (G. Cracco)
Vaticano s.p.a., Gianluigi Nuzzi (F. Gallo)
Il Gotha di Cosa nostra, Piergiorgio Morosini (Milton Rogas)

LE INSOLITE NOTE
Celtico a chi?

di Augusto Q. Bruni

PAROLE SULLA TELA
Acrobazie#5: l'altra arte

di Chiara Carolei

VOCABOLARIO STORICO
Apartheid

di Nicola Loda

 

Clicca sui titoli del sommario per leggere gli articoli caricati online, oppure puoi ordinare il numero 15 scegliendo tra il cartaceo o il PDF

 

Torna su