È uscito il numero 53
giugno - settembre 2017

 


La rivista
tutti i numeri
ordina numero
abbonamenti
Contenuti
analisi politica
inchieste
dura lex...
percorsi storici
interviste
critica letteraria
recensioni libri
segnalazioni libri
spunti letterari
racconti
musica
cinema
arte
autori
Contenuti per tema
Europa
NO Expo
privatizzazioni
la sinistra in Italia
la nuova destra in Europa
lavoro e conflitto sociale
politica dell'immigrazione
rapporto cultura, informazione e potere
scontro politica e magistratura
osservatorio sulla mafia
economia criminale
rapporto Stato e Chiesa
politica medioriente
Il progetto Paginauno

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura
creativa e FilmMaking

Comunicazione
newsletter
la stampa
link
contatti
area riservata

 

Pagine contro la tortura

 

 

E se il mostro fosse innocente?
Controcronaca del processo
al chirurgo Brega Massone
e alla clinica Santa Rita

 

 

 

Carmine Mangone
Il corpo esplicito
saggistica

 

Suzanne Dracius
Rue Monte au Ciel
narrativa

 

Davide Steccanella
Le indomabili
saggistica

 

Liam O'Flaherty
Il cecchino
Il Bosco di Latte

 

Frank O'Connor
Ospiti della nazione
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Ciò che non siamo
narrativa

 

Paul Dietschy
Storia del calcio
saggistica

 

Giuseppe Ciarallo
Le spade
non bastano mai
narrativa

 

Carmine Mezzacappa
Cinema e
terrorismo
saggistica

 

Massimo Vaggi
Gli apostoli
del ciabattino
narrativa

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

William McIlvanney
Il regalo
di Nessus
narrativa

 

William McIlvanney
Docherty
narrativa

 

Fulvio Capezzuoli
Nel nome
della donna
narrativa

 

Matteo Luca Andriola
La Nuova destra
in Europa
libro inchiesta

 

Davide Corbetta
La mela marcia
narrativa

 

Honoré de Balzac
Un tenebroso affare
narrativa

 

Anna Teresa Iaccheo
Alla cerca della Verità
filosofia

 

Massimo Battisaldo
Paolo Margini

Decennio rosso
narrativa

 

Massimo Vaggi
Sarajevo
novantadue
narrativa

 

Elvia Grazi
Antonio Prade
Senza ragione
narrativa

 

Giovanna Baer
Giovanna Cracco
E se il mostro
fosse innocente?
libro inchiesta

 

John Wainwright
Stato di fermo
narrativa

 

Giuseppe Ciarallo
DanteSka
satira politica

 

Walter G. Pozzi
Altri destini
narrativa

 

Davide Pinardi
Narrare
critica letteraria

 

 

 

Creative Commons License
Il contenuto di questo sito

coperto da
Licenza Creative Commons

 

 

anno III, numero 12
aprile - maggio 2009

 

Edizioni paginauno
formato: 21 x 30 - pagg. 64
prezzo: 8,00 euro
ISSN: 1971343600012

 

Allegato a questo numero un omaggio
ai nostri lettori: Il lavoro culturale
di Luciano Bianciardi

edito da Stampa Alternativa.

 

 

 

Clicca sui titoli del sommario per leggere gli articoli caricati online, oppure puoi ordinare il numero 12 nel formato cartaceo

 

Editoriale

Democrazia è…
Quale significato può assumere il sostantivo democrazia, alle orecchie di cittadini schiacciati da un potere corrotto, mafioso e monopolista? (Walter G. Pozzi pag. 7).
La dinamica della recente acquisizione di un’indipendenza politica da parte di repubbliche sganciatesi dall’ex blocco sovietico aiuta a comprendere, senza andare troppo indietro nel tempo, quale realtà storica sottende tale sostantivo. Riccardo Esposito (pag. 47) mostra il processo di democratizzazione, laggiù, in Kazakistan, dove un’amministrazione ‘improduttiva’ non ha mai creato una divisione tra politica ed economia. Una realtà che il mondo occidentale non esita, per convenienza, a battezzare come democratica, nella consapevolezza che le cose prendono vita dal momento in cui si dà loro il ‘giusto’ nome.
Una democrazia è anche l’Italia: una nazione in cui governo e opposizione si spartiscono i compiti per realizzare la società auspicata da Licio Gelli nel Piano di Rinascita della Loggia P2 (Giovanna Cracco, pag. 15). È un parlamento democratico quello che vota una riforma scolastica che toglie fondi alla scuola pubblica e rimpingua quella privata, ricostituendo la logica gentiliana di un’istruzione di classe (Erika Gramaglia, pag. 42); così come democratico è un Paese il cui stato sociale prevede liste d’attesa interminabili per le famiglie che hanno bisogno di affidare i propri anziani a case di riposo (Giovanna Baer, pag. 28).
Lo è anche un Paese che lascia scivolare nell’oblio la propria memoria storica per disinnescare il suo potenziale politico dall’attualità; e che per meglio riuscire nell’impresa, relega nell’ombra le piccole oasi letterarie e politiche che ancora si oppongono all’inesorabile processo di rimozione collettiva (Giuseppe Ciarallo e Stefano Tassinari, pag. 24).
Anche lo Stato sionista d’Israele è unanimemente riconosciuto come democratico. Malgrado da quarant’anni occupi, opprima e bombardi il popolo palestinese, pur continuando a ostentare una volontà di tregua e di pace (Federica Zoja, pag. 20). Anche il teatrino di pacificazione che segue ogni massacro, fa molto democrazia.
Democratico è anche il capitalismo, le cui cicliche bolle finanziarie, con estenuante continuità, a partire dal Seicento (Nicola Loda, pag. 64), producono sconquassi sociali e vengono lasciate cadere a piombo sulle spalle dei ceti mediobassi. È democratico quando licenzia, quando disloca le risorse, quando produce morti…
È sempre democratico, soprattutto nell’animo. Anche quando – per ‘difendersi’ dalla popolazione impoverita e affamata dalle crisi più pesanti – giustamente è costretto a trasformarsi in dittatura, si può stare certi che il capitalismo sarà sempre pronto a rinascere democratico nei panni di un tribunale del Bene, e a processare con processi sommari la propria crudeltà e le più putride scorie di se stesso. Per infine catalogarle nei libri di storia con il loro vero nome: il Male (Davide Pinardi, pag. 49).

Sommario

Freud on call
di Luciana Viarengo

EDITORIALE
Democrazia è...

RESTITUZIONE PROSPETTICA
Requiem

di Walter G. Pozzi

IL RACCONTO
L'onore

di Federico De Roberto

POLEMOS
Pdl-Pd: bipolarismo targato P2

di Giovanna Cracco

Convitati di pietra al tavolo Gaza-Israele
di Federica Zoja

INTERVISTA
Stefano Tassinari. Finestre aperte su orribili paesaggi
di Giuseppe Ciarallo

INCHIESTA
L'Italia non è un paese per vecchi
di Giovanna Baer

RACCONTI
La croce

di Alessandra Giordano

Autunno caldo
di Massimo Grilli

DURA LEX...
Dis-parità scolastica

di Erika Gramaglia

FILO-LOGICO
Democratizzazione in Kazakistan

di Riccardo Esposito

VERITÀ AL TEMPO DELLA MOVIOLA
Alibi Norimberga

di Davide Pinardi

SOTTO I RI(F)LETTORI
Nel nome dei Padri

recensione di Paradiso, Toni Morrison
di Luciana Viarengo

BUONE NUOVE
Nero come il cuore

recensione de Il Rapporto, Philippe Claudel
di Luciana Viarengo

IN LIBRERIA narrativa
E adesso, pover'uomo?,
Hans Fallada (G. Cracco)
Maginot, Alessandro Angeli (A. Giordano)
Le resistenze di un bibliomaratoneta, Sergio Giuntini (G. Cracco)

IN LIBRERIA saggistica
Contro l'etica della verità,
Gustavo Zagrebelsky (D. Corbetta)
Aboliamo le prigioni?, Angela Davis (G. Cracco)
Dossier delitto Calvi, (D. Corbetta)

LE INSOLITE NOTE
Di che cosa parliamo quando parliamo di musica

di Augusto Q. Bruni

PAROLE SULLA TELA
Veronique Pozzi + Attilio Tono. Il pensiero duplice

di Chiara Carolei

VOCABOLARIO STORICO
Economia reale

di Nicola Loda

 

Clicca sui titoli del sommario per leggere gli articoli caricati online, oppure puoi ordinare il numero 12 nel formato cartaceo

 

Torna su