È uscito il numero 62
aprile - maggio 2019

 


seguici sulla ns pagina

La rivista
tutti i numeri
ordina numero
abbonamenti
Contenuti
analisi politica
inchieste
dura lex...
percorsi storici
interviste
critica letteraria
recensioni libri
segnalazioni libri
spunti letterari
racconti
musica
cinema
arte
autori
Contenuti per tema
Europa
economia
lavoro e conflitto sociale
nuove tecnologie
la sinistra in Italia
la nuova destra in Europa
ecologia
Stati Uniti
NO Expo
privatizzazioni
politica dell'immigrazione
rapporto cultura, informazione e potere
scontro politica e magistratura
osservatorio sulla mafia
rapporto Stato e Chiesa
politica medioriente
Il progetto Paginauno

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura
creativa e FilmMaking

Comunicazione
newsletter
la stampa
link
contatti
area riservata

 

Pagine contro la tortura

 

 

E se il mostro fosse innocente?
Controcronaca del processo
al chirurgo Brega Massone
e alla clinica Santa Rita

 

 

 

Iacopo Adami
Capolinea
Narrativa

 

Vittorio Alfieri
La virtù
sconosciuta
La Sposa del Deserto

 

Jules Janin
Racconti
bizzarri
Il Bosco di Latte

 

Margaret Oliphant
La finestra
Il Bosco di Latte

 

John Wainwright
Anatomia di
una rivolta
Narrativa

 

Davide Steccanella
Across the Year
in utero

 

William McIlvanney
Chi si rivede!
Il Bosco di Latte

 

Honoré de Balzac
L'albergo rosso
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Emma B
Narrativa

 

Rinomata Offelleria Briantea
Ventinovecento
Narrativa

 

Silvia Albertazzi
Leonard Cohen
Manuale per vivere nella sconfitta
Saggistica

 

Thomas Wolfe
Un'oscura vitalità
Il Bosco di Latte

 

Francis Scott Fitzgerald
Basil Lee
Il Bosco di Latte

 

Felice Bonalumi
Storia del gusto
saggistica

 

Mario Bonanno
33 Giri
in utero

 

Raymond Williams
Terra di confine
narrativa

 

47 Autori
Poesie per un
compleanno
La Sposa del Deserto

 

Rudi Ghedini
Rivincite
Saggistica

 

Edith Wharton
Triangoli
imperfetti
Il Bosco di Latte

 

Joseph Conrad
Ford Madox Ford
La natura
di un crimine
Il Bosco di Latte

 

James Robertson
Solo la terra resiste
narrativa

 

Christine Dwyer Hickey
Tatty
narrativa

 

Carmine Mangone
Il corpo esplicito
saggistica

 

Suzanne Dracius
Rue Monte au Ciel
narrativa

 

Davide Steccanella
Le indomabili
saggistica

 

Liam O'Flaherty
Il cecchino
Il Bosco di Latte

 

Frank O'Connor
Ospiti della nazione
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Ciò che non siamo
narrativa

 

Paul Dietschy
Storia del calcio
saggistica

 

Giuseppe Ciarallo
Le spade
non bastano mai
narrativa

 

Carmine Mezzacappa
Cinema e
terrorismo
saggistica

 

Massimo Vaggi
Gli apostoli
del ciabattino
narrativa

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

William McIlvanney
Il regalo
di Nessus
narrativa

 

William McIlvanney
Docherty
narrativa

 

Fulvio Capezzuoli
Nel nome
della donna
narrativa

 

Matteo Luca Andriola
La Nuova destra
in Europa
libro inchiesta

 

Davide Corbetta
La mela marcia
narrativa

 

Honoré de Balzac
Un tenebroso affare
narrativa

 

Massimo Battisaldo
Paolo Margini

Decennio rosso
narrativa

 

Massimo Vaggi
Sarajevo
novantadue
narrativa

 

Giovanna Baer
Giovanna Cracco
E se il mostro
fosse innocente?
libro inchiesta

 

John Wainwright
Stato di fermo
narrativa

 

Giuseppe Ciarallo
DanteSka
satira politica

 

Walter G. Pozzi
Altri destini
narrativa

 

 

 

 

Creative Commons License
Il contenuto di questo sito

coperto da
Licenza Creative Commons

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

Intervista

 

Maria Rosa Cutrufelli
Sebben che siam donne, paura non abbiamo

intervista di Giuseppe Ciarallo

 

Maria Rosa Cutrufelli, che i lettori di Paginauno hanno già avuto modo d’incontrare all’uscita del suo precedente libro I bambini della ginestra (1), è da sempre scrittrice particolarmente interessata ad affrontare le tematiche legate alla condizione femminile. Narratrice, critica letteraria, curatrice di antologie di racconti, sceneggiatrice di radiodrammi per la Rai, insegnante di scrittura creativa presso l’Università La Sapienza di Roma, Maria Rosa Cutrufelli nel suo ultimo
romanzo Il giudice delle donne (Frassinelli, 2016), ambientato agli inizi del secolo scorso narra la storia di un sogno che fu possibile realizzare solo successivamente, a distanza di mezzo secolo: quello del diritto di voto alle donne.

Il racconto ruota attorno a un fatto realmente accaduto nel 1906, quando dieci maestre chiesero provocatoriamente l’iscrizione alle liste elettorali e il giudice Lodovico Mortara, con grande meraviglia e scandalo da parte di tutti, diede loro ragione. Ciò che oggi sembra una cosa normale e scontata, alle coraggiose maestre marchigiane protagoniste del libro, donne che accesero la miccia delle rivendicazioni, costò sangue, sudore, lacrime e umiliazioni.


Dunque Maria Rosa, partirei dal titolo: Il giudice delle donne. Non credi che abbia spostato l’attenzione dalle vere protagoniste della storia, le coraggiose maestre promotrici della sacrosanta rivendicazione, a una figura certamente centrale nella vicenda ma in qualche modo solo consequenziale a esse?

Ci ho pensato molto. All’inizio doveva essere solo un ‘titolo di lavoro’, provvisorio. E infatti, una volta ultimato il libro, avevo pensato di cambiarlo e di mettere al centro le maestre, le vere protagoniste del racconto. Ma poi ho capito che non era giusto: se quella battaglia, a differenza delle altre che le donne hanno combattuto in tutta Italia, ha avuto un esito positivo (anche se soltanto per qualche mese), è per merito di Lodovico Mortara. È lui, con il suo sì, che ha reso giustizia alle dieci maestre marchigiane, e dunque la sua figura rappresenta lo ‘snodo’, per così dire, di tutto il racconto.

A dettare il ritmo del racconto ci sono due personaggi ‘minori’ in riferimento alla grande Storia: Alessandra, giovane maestra esuberante che ama sfidare i pregiudizi di una società a parole proiettata verso il futuro e il progresso, ma ancora ancorata a ideali vecchi e reazionari; Teresa, bambina che i drammi della vita hanno già trasformato in una donna, chiusa in se stessa, schiva, sospettosa di tutto e tutti. Per entrambe, la narrazione che cuci loro addosso è una sorta di romanzo di formazione...

È vero, e infatti considero questo libro un vero e proprio romanzo di formazione, che racconta la crescita emotiva, ma soprattutto intellettuale e politica, di una giovane donna e di un giovane uomo all’inizio del Novecento, un periodo storico ricco di aspettative (poi andate deluse, ahimè, e nella maniera più tragica). Anche la bambina Teresa, a modo suo, diventa ‘grande’ quando capisce che non può sottrarsi alla Storia, che ci attraversa e ci forma, nel bene come nel male. È a quel punto che l’emigrazione, ai suoi occhi, perde il carattere di ‘destino forzato’ e diventa una sfida da affrontare con l’arma della speranza.

Sullo sfondo, la scuola. Una scuola povera, con scarsi mezzi, in strutture fatiscenti e che in alcuni casi crollano. Sfogliando un antico dizionario mi sono reso conto che nell’Italia umbertina di fine XIX secolo, dove grande è lo spavento per il crescere della conflittualità sociale, con i movimenti socialista e anarchico che chiedono giustizia sociale, lavoro e anche istruzione, quella della scuola obbligatoria era considerata un’idea irrealizzabile (perché si voleva che non si realizzasse) tanto da essere citata a esempio nella voce Utopia nel Vocabolario della lingua parlata. Nuova edizione (Rugatini e Fanfani, G. Barbera Editore, 1893). Vedendo la situazione odierna, pare che l’istruzione (soprattutto se pubblica) non sia mai stata in cima ai pensieri dei nostri governanti, allora come oggi, anzi...

Sì, questo è davvero sconfortante. Mentre leggevo le cronache di quel periodo, mi stupivo per le tante analogie con l’oggi: il precariato, le sedi disagiate, la scarsa considerazione per il lavoro degli insegnanti, le aule fatiscenti, la mancanza di strumenti di lavoro adeguati... Non a caso Alessandra, la giovane supplente, protagonista del mio romanzo, a un certo punto dice: “Che tristezza! Non capisco la negligenza dei nostri governanti: la pubblica istruzione non dovrebbe essere il vanto, il biglietto da visita dell’Italia moderna?”

Per scrivere il romanzo avrai passato ore e ore nel faticoso lavoro di documentazione. C’è una cosa che mi incuriosisce e forse tu mi puoi aiutare: la storia è ambientata nelle Marche nel primo decennio del secolo scorso, luogo ed epoca in cui il movimento anarchico era particolarmente forte e attivo. Hai avuto modo di capire come questo movimento (sapendo la posizione anarchica in merito al voto) si poneva nei confronti delle rivendicazioni delle suffragiste?

In realtà, al di là della posizione ‘ufficiale’, gli atteggiamenti personali variavano... Per esempio, Emma Goldman era un’accesa antisuffragista (diceva che il problema, per le donne, consiste soprattutto nel liberarsi dai propri ‘tiranni interiori’), ma non tutte le anarco-femministe erano d’accordo con lei. Molte consideravano il suffragio come un importante passo avanti per l’espressione di sé.

Oggi le elezioni sono diventate una farsa, i partiti non hanno più linee politiche e peculiarità proprie, il voto è diventato pressoché inutile in quanto si fa fatica a cogliere diversità di programmi (e di moralità) tra i candidati, sembra premonitore il punto di vista del compagno sindacalista di Olga – una delle protagoniste – il quale in una delle ultime pagine del libro afferma che “il parlamentarismo è un fiasco colossale, che la democrazie e il voto in generale, non solo quello femminile, è ciarpame d’altri tempi”. Partendo da tali considerazioni, provocatoriamente ti chiedo: è valsa la pena mettere in campo così tanto impegno e sofferenza per ottenere uno strumento così vuoto di significato?

Il voto, nelle nostre società, è il riconoscimento che si è ‘cittadini’ a pieno titolo. Le donne sono ‘cittadine’ da poco, pochissimo tempo... Prima eravamo soltanto delle ‘anime morte’, senza peso in alcun campo del vivere associato. E se la cattiva politica tenta in tutti i modi di rendere inutile il suffragio popolare, di svuotarlo o addirittura di cancellarlo, è perché non si tratta ‘semplicemente’ di un diritto, ma anche di un ‘potere’. Un potere ‘negoziale’, come dicono i nostri giuristi più illuminati. E magari è per questo che ancora fa paura...

In conclusione, nel corso di una precedente intervista mi avevi detto che ti sarebbe piaciuto scrivere un romanzo di fantascienza. Hai accantonato l’idea o è ancora un pensiero che ti frulla per la testa?

Non abbandonerò mai l’idea... Mi tenta perché credo che sia il genere letterario più ‘politico’ e più adatto a raccontare gli incubi – e i sogni – del nostro tempo. Ma la mia penna è riluttante... Finora, almeno.

 

Maria Rosa Cutrufelli è nata a Messina, è cresciuta fra la Sicilia e Firenze, ha studiato a Bologna e ha scelto di vivere a Roma. Si è laureata in lettere presso l’Università di Bologna con una tesi sulle strutture del romanzo. Collabora con riviste letterarie e di critica. Tra i numerosissimi titoli della sua produzione letteraria nell’ambito della narrativa, della saggistica, dei libri di viaggio e per ragazzi, del racconto, segnaliamo i suoi ultimi romanzi: La donna che visse per un sogno, 2004; La briganta, 2005; Complice il dubbio, 2006; D’amore e d’odio, 2008; I bambini della Ginestra, 2012; Il giudice delle donne, 2016. Tutti pubblicati con la casa editrice Frassinelli.

 

Giuseppe Ciarallo

 

1) Cfr. Giuseppe Ciarallo, Maria Rosa Cutrufelli. Il peso dell’inverità, Paginauno n. 29/2012

Torna su