È uscito il numero 63
luglio - settembre 2019

 


seguici sulla ns pagina

La rivista
tutti i numeri
ordina numero
abbonamenti
Contenuti
analisi politica
inchieste
dura lex...
percorsi storici
interviste
critica letteraria
recensioni libri
segnalazioni libri
spunti letterari
racconti
musica
cinema
arte
autori
Contenuti per tema
Europa
economia
lavoro e conflitto sociale
nuove tecnologie
la sinistra in Italia
la nuova destra in Europa
ecologia
Stati Uniti
NO Expo
privatizzazioni
politica dell'immigrazione
rapporto cultura, informazione e potere
scontro politica e magistratura
osservatorio sulla mafia
rapporto Stato e Chiesa
politica medioriente
Il progetto Paginauno

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura
creativa e FilmMaking

Comunicazione
newsletter
la stampa
link
contatti
area riservata

 

Pagine contro la tortura

 

 

E se il mostro fosse innocente?
Controcronaca del processo
al chirurgo Brega Massone
e alla clinica Santa Rita

 

 

 

Marco Ceruti
Shades of Blue
Graphic

 

Francis Scott Fitzgerald
Ci risiamo,
Basil Lee
Il Bosco di Latte

 

Ring Lardner
Chi ha fatto
le carte?
Il Bosco di Latte

 

Alice Rivaz
La pace
degli alveari
Narrativa

 

Mario Bonanno
33 Giri
anni Ottanta
In Utero

 

Iacopo Adami
Capolinea
Narrativa

 

Vittorio Alfieri
La virtù
sconosciuta
La Sposa del Deserto

 

Jules Janin
Racconti
bizzarri
Il Bosco di Latte

 

Margaret Oliphant
La finestra
Il Bosco di Latte

 

John Wainwright
Anatomia di
una rivolta
Narrativa

 

Davide Steccanella
Across the Year
in utero

 

William McIlvanney
Chi si rivede!
Il Bosco di Latte

 

Honoré de Balzac
L'albergo rosso
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Emma B
Narrativa

 

Rinomata Offelleria Briantea
Ventinovecento
Narrativa

 

Silvia Albertazzi
Leonard Cohen
Manuale per vivere nella sconfitta
Saggistica

 

Thomas Wolfe
Un'oscura vitalità
Il Bosco di Latte

 

Francis Scott Fitzgerald
Basil Lee
Il Bosco di Latte

 

Felice Bonalumi
Storia del gusto
saggistica

 

Mario Bonanno
33 Giri
anni Settanta
in utero

 

Raymond Williams
Terra di confine
narrativa

 

47 Autori
Poesie per un
compleanno
La Sposa del Deserto

 

Rudi Ghedini
Rivincite
Saggistica

 

Edith Wharton
Triangoli
imperfetti
Il Bosco di Latte

 

Joseph Conrad
Ford Madox Ford
La natura
di un crimine
Il Bosco di Latte

 

James Robertson
Solo la terra resiste
narrativa

 

Christine Dwyer Hickey
Tatty
narrativa

 

Carmine Mangone
Il corpo esplicito
saggistica

 

Suzanne Dracius
Rue Monte au Ciel
narrativa

 

Davide Steccanella
Le indomabili
saggistica

 

Liam O'Flaherty
Il cecchino
Il Bosco di Latte

 

Frank O'Connor
Ospiti della nazione
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Ciò che non siamo
narrativa

 

Paul Dietschy
Storia del calcio
saggistica

 

Giuseppe Ciarallo
Le spade
non bastano mai
narrativa

 

Carmine Mezzacappa
Cinema e
terrorismo
saggistica

 

Massimo Vaggi
Gli apostoli
del ciabattino
narrativa

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

William McIlvanney
Il regalo
di Nessus
narrativa

 

William McIlvanney
Docherty
narrativa

 

Matteo Luca Andriola
La Nuova destra
in Europa
libro inchiesta

 

Honoré de Balzac
Un tenebroso affare
narrativa

 

Massimo Battisaldo
Paolo Margini

Decennio rosso
narrativa

 

Massimo Vaggi
Sarajevo
novantadue
narrativa

 

Giovanna Baer
Giovanna Cracco
E se il mostro
fosse innocente?
libro inchiesta

 

John Wainwright
Stato di fermo
narrativa

 

Giuseppe Ciarallo
DanteSka
satira politica

 

Walter G. Pozzi
Altri destini
narrativa

 

 

 

 

Creative Commons License
Il contenuto di questo sito

coperto da
Licenza Creative Commons

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

Le insolite note

 

Maria Pia De Vito & Songs From The Underground
Mind the gap

di Augusto Q. Bruni

 

Se ci sono degli scrittori a cui mi piacerebbe assomigliare? Come no? Bene: (dopo attento rimuginare) vorrei essere un condensato tra Gadda, Borges, Manganelli e Beniamino Placido. Non sto a spiegarvi in dettaglio il perché e il percome, ma sappiate che c’è una cosa in cui (ancora) non riesco e che loro invece sapevano fare meravigliosamente: interrogarsi in modo straordinario su fatti e fatterelli della vita così come su destini cosmici prendendo assolutamente tutto sul serio e assolutamente tutto nel suo contrario.
A mo’ di tentativo potrei partire da una storiella di (fine) umorismo bolognese: da quelle parti, come appresi, l’umorismo spesso eccelle nella medietas, nella virtù cioè di mettersi nel mezzo ed eliminare gli estremi – dopo averli accettati – solo per il fatto che se ne fa malamente uso, meno spesso per semplice cattivo gusto (di una donna bruttissima si dice per esempio: va bene essere brutta, ma lei lì se ne approfitta).

La storiella in questione racconta dunque di un uomo divenuto prematuramente vedovo causa un colpo al cuore patito da sua moglie. Mentre i necrofori portano via la bara ancora scoperchiata giù per le scale (presumo strette e malagevoli, di una vecchia casa del centro), durante una giravolta uno di essi scivola e la bara prende un gran colpo contro lo spigolo del muro. La moglie si tira su dalla bara: un caso di morte apparente, come si dice, un caso di quelli da scuola. Il marito rischia l’infarto, la moglie invece stavolta l’infarto ce l’ha davvero, all’intendere in pochi secondi quel che le è successo. I necrofori (una volta si chiamavano becchini, adesso ci sono le specializzazioni e il politically correct) ricompongono la donna nella bara sudando freddo. Il marito, con uno sguardo pieno di sottintesi, si rivolge al necroforo che è precedentemente scivolato e dice: «Occ ai spiegul» (occhio agli spigoli).
Ora, ecco l’interrogativo: il marito cerca educatamente di mettere in guardia contro la possibilità che il fatto si ripeta, in modo da evitare di prendersi un colpo (magari fatale) per la seconda volta? Oppure dobbiamo supporre che non vi fosse buon sangue con la defunta, e quindi il marito vuole sottilmente e ambiguamente evitare, con l’avvertimento di cui sopra, di tornare a essere regolarmente sposato, una volta che il fato l’aveva (finalmente) liberato della moglie?
Nel primo caso la medietas a cui accennavo sortirebbe l’effetto comico (ancorché sottile e venato di melanconia tutta padana, invero) con le modalità esatte con cui l’avevo descritta. Nel secondo l’ambiguità interpretativa non sarebbe del tutto da scartare, dovendo supporre che in nome della medesima medietas il fresco vedovo eviti – perlomeno sino a interramento compiuto! – di far festa.

Sono anni che mi hanno raccontato la storiella, e ancora non so decidermi per una delle due soluzioni. È pur vero che, come ha detto una volta Lucio Dalla, i bolognesi sono dei deliziosi figli di p… quando vogliono; ma è d’altra parte vero che sino a prova contraria e definitiva condanna si è innocenti, in questo Paese (non so ancora per quanto, ma insomma). Resta il fatto che in questa vita gli spigoli sono ancora la regola, specie per chi prende la vita ‘di petto’ o ‘di punta’, e non l’eccezione, e che gli spigoli arrotondati, semmai si (ri)trovano solo nei vecchi ospedali psichiatrici in funzione preventiva.
Ancora peggio va se parliamo dei gradini. Oltre alle case e alle scale, vecchie e pieni dei suddetti, ci sono luoghi fisici, ma soprattutto psichici, dove la loro presenza è congenita.
Guardate la differenza semantica, non da ridere: noi parliamo di gradini riferendoci al tardo latino curiale gradale o graduale, che indicava la scalinata che saliva progressivamente all’altar maggiore, a un tempo sintomo e simbolo di un’ascesi dell’anima, ma anche termine traslato per indicare il messale; gli inglesi o gli anglofoni se la cavano parlando di gap, ovvero, letteralmente, un dislivello o, ancora, più scientificamente, una differenza tra piani sfalsati.

Non c’è dubbio che il secondo termine sia più incisivo del primo, e non tanto perché qui da noi s’è oramai da tempo dimenticato l’etimo, quanto per il fatto che gap indica proprio tutte le situazioni della vita in cui è all’opera una differenza: modi di sentire (un ‘io’ del dover essere staccato da quello dell’essere), sentimenti (due ex fidanzati oramai tra loro incomunicanti) o anche posizioni nel mondo, e via discorrendo sino alle semplici quantità numeriche, per quanto dotate di rilevanza sociale: tra me che rubo una mela e rischio il massimo della pena, specie se extracomunitario, e un capitano d’industria che falsifica il bilancio e va esente da pena, specie se ha mosso ingenti capitali, c’è evidentemente un gap. Non solo perché la seconda azione incide su più persone mentre la prima coinvolge solo me, misero mariuolo, ma anche perché sempre più la mente dei legislatori mostra un gap devastante con il buonsenso: la maggior pena dovuta fino a poco tempo fa al capitano d’industria si giustificava col maggior allarme sociale delle sue azioni truffaldine; ora, invece, chi fa girare soldi, è guardato con maggior favore – o maggiore indulgenza – di chi non solo soldi non ne fa girare, ma proprio non può farne girare, essendo sprovvisto dei suddetti soldi in assoluto.

Dunque la vita è piena di gap, ecco la conclusione, e quindi per forza di cose bisogna essere continuamente mindful, cioè consapevoli e attenti, almeno per evitare distorsioni alle caviglie, come avverte una metallica voce sulle banchine della metropolitana londinese prima dell’arresto del treno: Mind the gap, mind the gap, mind the gap.... Solo allora affiora una dimensione dell’essere finalmente coerente con se stessa, e forse una pace interiore...

Detto questo, e per le stesse ragioni, mi faccio e vi propongo di farvi un regalo. Mind the gap di Maria Pia De Vito, proclamato recentemente miglior disco jazz italiano del 2009, merita ascolti ben più che attenti. Al di là della soddisfazione di essere una volta tanto d’accordo con i critici nazionali, potrete infatti regalarvi il puro e semplice piacere di ascoltare un disco sicuramente e finalmente allineato con le migliori produzioni internazionali.
È il disco della maturità artistica completa per la deliziosa cantante napoletana. Completo, in questo caso, significa che stavolta c’è dentro assolutamente tutto quello che potreste pretendere da una grande interprete e da un grande disco jazz contemporanei.
Innanzitutto un plauso al coraggio di assumere suoni elettronici non come puro rumore o colore, ma come parte integrante della frase musicale (tutt’altro che scontato in un disco di jazz). In secondo luogo la scelta dei brani: composizioni originali della De Vito, che dimostra ancora una volta di più scienza, gusto e originalità nella scrittura, specie nei testi (I invented you); omaggi al grande rock (If six was nine) – a dimostrazione che nessuno, ma proprio nessun musicista che voglia dirsi tale, può esimersi dal confronto con Hendrix, specie se lo si rilegge dal lato jazzistico, grazie al comune linguaggio del blues (e quando scoprite che l’assolo di quella che pensate sia una chitarra è in realtà il sassofono di Francesco Bearzatti opportunamente elettronizzato, capite che cosa voglio dire); ancora: omaggi alla grande canzone pop-rock d’autore da un lato con un capolavoro di Tim Buckley (Song to the siren, anche se purtroppo la associo ancora a una voce maschile) e dall’altro con un geniale ‘scongelamento’ di Bjork tramite cori africani à la Zap Mama sovrapposti a elettronica fredda (Hidden place): tra l’altro il brano è quasi del tutto improvvisato, mai provato in precedenza e dal vivo – a dimostrazione del potenziale ancora tutto da scoprire dei giovani membri del gruppo di accompagnamento della De Vito (Songs from the underground, in specie l’ottimo Claudio Filippini al piano). Abbiamo ancora dimostrazioni della capacità di un uso spregiudicato ed efficacissimo dell’elettronica in chiave rumoristico-percussiva mentre la voce disegna eleganti linee jazzy declamate e cantate (Opening doors), e più ancora elettronica in chiave pressoché jazz-acrobaticocubista di Eccesso (forse memore della grande lezione di Monk da un lato e del Frisell di Unspeakable dall’altro). Il resto è pura lirica, tra gli spaesamenti di I invented you, qualche nevrosi (Opening doors) un profumo di Tom Waits (I think it’s going to rain today), un’introspezione dedicata a Betty Carter (Mind the gap), una dovuta ad Anders Jormin (In winds) e un’ultima ad Annie Lennox (No more ‘I love you’s’ via J. Hughes e D. Freeman).

Insomma, una bella lezione per quanti associano ancora il jazz a una formula prestabilita e immobile. Da anni sostengo che il jazz è un’attitudine prima ancora che un linguaggio, e che quest’ultimo a sua volta è (forse) l’unica chiave rimasta ai musicisti occidentali per espandere i propri orizzonti, che si tratti di rileggere le più banali canzoni pop o di risolvere inusitate improvvisazioni radicali sull’onda dell’atonalità assoluta...
Ecco qua: il modo di risolvere ogni gap dei miei amati Gadda, Borges, Manganelli e Placido me lo ritrovo pari pari in questo Mind the gap: l’ho sempre detto che è la musica che mi salva la vita, prima d’ogni altra cosa...

 

Augusto Q. Bruni

 

Maria Pia De Vito & Songs From The Underground
Mind the gap, EmArcy, 2009

Torna su