È uscito il numero 54
ottobre - novembre 2017

 


seguici sulla ns pagina

La rivista
tutti i numeri
ordina numero
abbonamenti
Contenuti
analisi politica
inchieste
dura lex...
percorsi storici
interviste
critica letteraria
recensioni libri
segnalazioni libri
spunti letterari
racconti
musica
cinema
arte
autori
Contenuti per tema
Europa
economia
lavoro e conflitto sociale
nuove tecnologie
la sinistra in Italia
la nuova destra in Europa
NO Expo
privatizzazioni
politica dell'immigrazione
rapporto cultura, informazione e potere
scontro politica e magistratura
osservatorio sulla mafia
rapporto Stato e Chiesa
politica medioriente
Il progetto Paginauno

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura
creativa e FilmMaking

Comunicazione
newsletter
la stampa
link
contatti
area riservata

 

Pagine contro la tortura

 

 

E se il mostro fosse innocente?
Controcronaca del processo
al chirurgo Brega Massone
e alla clinica Santa Rita

 

 

 

Christine Dwyer Hickey
Tatty
narrativa

 

Carmine Mangone
Il corpo esplicito
saggistica

 

Suzanne Dracius
Rue Monte au Ciel
narrativa

 

Davide Steccanella
Le indomabili
saggistica

 

Liam O'Flaherty
Il cecchino
Il Bosco di Latte

 

Frank O'Connor
Ospiti della nazione
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Ciò che non siamo
narrativa

 

Paul Dietschy
Storia del calcio
saggistica

 

Giuseppe Ciarallo
Le spade
non bastano mai
narrativa

 

Carmine Mezzacappa
Cinema e
terrorismo
saggistica

 

Massimo Vaggi
Gli apostoli
del ciabattino
narrativa

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

William McIlvanney
Il regalo
di Nessus
narrativa

 

William McIlvanney
Docherty
narrativa

 

Fulvio Capezzuoli
Nel nome
della donna
narrativa

 

Matteo Luca Andriola
La Nuova destra
in Europa
libro inchiesta

 

Davide Corbetta
La mela marcia
narrativa

 

Honoré de Balzac
Un tenebroso affare
narrativa

 

Anna Teresa Iaccheo
Alla cerca della Verità
filosofia

 

Massimo Battisaldo
Paolo Margini

Decennio rosso
narrativa

 

Massimo Vaggi
Sarajevo
novantadue
narrativa

 

Elvia Grazi
Antonio Prade
Senza ragione
narrativa

 

Giovanna Baer
Giovanna Cracco
E se il mostro
fosse innocente?
libro inchiesta

 

John Wainwright
Stato di fermo
narrativa

 

Giuseppe Ciarallo
DanteSka
satira politica

 

Walter G. Pozzi
Altri destini
narrativa

 

 

 

 

Creative Commons License
Il contenuto di questo sito

coperto da
Licenza Creative Commons

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

I racconti

 

La telefonata
di Luca Gallo

 

Quel giorno Luciano tornò presto dall’università. Stranamente erano pochi gli studenti rimasti per la lezione pomeridiana e così aveva deciso, in accordo con loro, di rinviarla ad altra data.
Aprì il frigo e prese del latte. Ne versò un po’ in un bicchiere; a lui piaceva berlo così: freddo e in un recipiente trasparente.
Sedette sul divano in soggiorno, di fronte alla grande biblioteca piena di libri delle più svariate discipline. Alcuni erano accatastati senza un criterio preciso, uno sopra l’altro. Contemplò il latte tra le pareti tondeggianti del bicchiere: era bianco, puro, senza macchia.
Stava pensando a cosa fare quando sentì un vociare concitato provenire dall’esterno e andò alla finestra a fianco della libreria. Spostò la pianta di dracena posizionata davanti: ancora non le aveva trovato una collocazione definitiva dopo averla presa dal giardino della villa dei genitori la domenica precedente. Guardò fuori. Vide un gruppo di persone dirigersi freneticamente verso la piazza della stazione in fondo alla via.
Squillò il telefono.
«Ehi, hai sentito cos’è successo?!»
Lo aggredì Valentina, con la consueta vitalità e freschezza.
«No, non so, sono tornato ora… che c’è?» rispose lui sedendosi nuovamente sul divano.
«Accendi la tivù!»
Appoggiò il bicchiere sul tavolino e accese la televisione. Ebbe un sobbalzo quando si rese conto di ciò che intendeva Valentina.
«Allora, ci sei?! Dobbiamo andare anche noi… si stanno radunando tutti nelle piazze!»
«Sì ma… tu sei ancora in fabbrica?»
«No, siamo usciti quasi tutti… non si poteva certo rimanere lì con quello che sta accadendo; ci siamo fermati subito… nessuno ha avuto il coraggio di dirci nulla… vorrei anche vedere!»
Luciano cominciò a grattarsi la nuca insistentemente.
«Ma…» riprese con tono incerto «sei da tua madre o da tuo padre?»
«Ma che cazzo di domande mi fai! Sono da mio padre, come al solito! Sono più vicina! Passa di qua, dai muoviti!»
Le gambe di Luciano oscillavano nervosamente, le ginocchia si toccavano quasi e poi si staccavano a un ritmo costante ma veloce.
«Senti… domani ho più ore di lezione, sia al mattino che al pomeriggio… devo prepararmi, lo sai. E poi questi ritrovi spontanei… potrebbero esserci disordini…»
«Ma come! Proprio tu mi dici questo… dopo tutti i discorsi che mi hai fatto!? Ti rendi conto di quello che sta succedendo?!»
«No… ascolta… ma anche tu… cosa…»
«Ho capito… Ciao».
«Cia…» il saluto uscì monco dalle corde vocali; lei aveva già chiuso la telefonata.
Più tardi Luciano accese la radio: seppe che nelle principali città del Paese si erano popolate strade e piazze. Grande spazio veniva dedicato al resoconto di scontri tra manifestanti e forze dell’ordine, con aggiornamenti continui delle cifre riguardanti feriti e arrestati.
Pigiò il tasto di spegnimento con un gesto secco, violento.
Guardò fuori dalla finestra del soggiorno, senza attenzione, come per cercare una via d’uscita.
Iniziò a camminare: cominciò col percorrere una linea immaginaria delimitata dalle pareti della sala; poi continuò tracciando un percorso simile a un inestricabile groviglio di forme geometriche ora curve ora rettilinee e spigolose. Poi si fermò di colpo: prese il telefono e compose il numero di Valentina: non era raggiungibile.
Ore dopo tentò di richiamarla. Senza successo. Sentì solo la fredda voce registrata della signorina della compagnia telefonica che esasperava l’impossibilità della comunicazione.
Si diresse in camera da letto per andare a dormire; si coricò supino. Notò che il soffitto della stanza aveva delle sfumature scure nei dintorni del lampadario. Era trascorso tanto tempo dall’ultima passata di bianco ma solo ora ci faceva caso. Spense la luce e si voltò a pancia sotto. Poi prese il guanciale tra le mani e se lo mise sopra la testa. La notte era solo all’inizio.

Torna su