È uscito il numero 63
luglio - settembre 2019

 


seguici sulla ns pagina

La rivista
tutti i numeri
ordina numero
abbonamenti
Contenuti
analisi politica
inchieste
dura lex...
percorsi storici
interviste
critica letteraria
recensioni libri
segnalazioni libri
spunti letterari
racconti
musica
cinema
arte
autori
Contenuti per tema
Europa
economia
lavoro e conflitto sociale
nuove tecnologie
la sinistra in Italia
la nuova destra in Europa
ecologia
Stati Uniti
NO Expo
privatizzazioni
politica dell'immigrazione
rapporto cultura, informazione e potere
scontro politica e magistratura
osservatorio sulla mafia
rapporto Stato e Chiesa
politica medioriente
Il progetto Paginauno

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura
creativa e FilmMaking

Comunicazione
newsletter
la stampa
link
contatti
area riservata

 

Pagine contro la tortura

 

 

E se il mostro fosse innocente?
Controcronaca del processo
al chirurgo Brega Massone
e alla clinica Santa Rita

 

 

 

Marco Ceruti
Shades of Blue
Graphic

 

Francis Scott Fitzgerald
Ci risiamo,
Basil Lee
Il Bosco di Latte

 

Ring Lardner
Chi ha fatto
le carte?
Il Bosco di Latte

 

Alice Rivaz
La pace
degli alveari
Narrativa

 

Mario Bonanno
33 Giri
anni Ottanta
In Utero

 

Iacopo Adami
Capolinea
Narrativa

 

Vittorio Alfieri
La virtù
sconosciuta
La Sposa del Deserto

 

Jules Janin
Racconti
bizzarri
Il Bosco di Latte

 

Margaret Oliphant
La finestra
Il Bosco di Latte

 

John Wainwright
Anatomia di
una rivolta
Narrativa

 

Davide Steccanella
Across the Year
in utero

 

William McIlvanney
Chi si rivede!
Il Bosco di Latte

 

Honoré de Balzac
L'albergo rosso
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Emma B
Narrativa

 

Rinomata Offelleria Briantea
Ventinovecento
Narrativa

 

Silvia Albertazzi
Leonard Cohen
Manuale per vivere nella sconfitta
Saggistica

 

Thomas Wolfe
Un'oscura vitalità
Il Bosco di Latte

 

Francis Scott Fitzgerald
Basil Lee
Il Bosco di Latte

 

Felice Bonalumi
Storia del gusto
saggistica

 

Mario Bonanno
33 Giri
anni Settanta
in utero

 

Raymond Williams
Terra di confine
narrativa

 

47 Autori
Poesie per un
compleanno
La Sposa del Deserto

 

Rudi Ghedini
Rivincite
Saggistica

 

Edith Wharton
Triangoli
imperfetti
Il Bosco di Latte

 

Joseph Conrad
Ford Madox Ford
La natura
di un crimine
Il Bosco di Latte

 

James Robertson
Solo la terra resiste
narrativa

 

Christine Dwyer Hickey
Tatty
narrativa

 

Carmine Mangone
Il corpo esplicito
saggistica

 

Suzanne Dracius
Rue Monte au Ciel
narrativa

 

Davide Steccanella
Le indomabili
saggistica

 

Liam O'Flaherty
Il cecchino
Il Bosco di Latte

 

Frank O'Connor
Ospiti della nazione
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Ciò che non siamo
narrativa

 

Paul Dietschy
Storia del calcio
saggistica

 

Giuseppe Ciarallo
Le spade
non bastano mai
narrativa

 

Carmine Mezzacappa
Cinema e
terrorismo
saggistica

 

Massimo Vaggi
Gli apostoli
del ciabattino
narrativa

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

William McIlvanney
Il regalo
di Nessus
narrativa

 

William McIlvanney
Docherty
narrativa

 

Matteo Luca Andriola
La Nuova destra
in Europa
libro inchiesta

 

Honoré de Balzac
Un tenebroso affare
narrativa

 

Massimo Battisaldo
Paolo Margini

Decennio rosso
narrativa

 

Massimo Vaggi
Sarajevo
novantadue
narrativa

 

Giovanna Baer
Giovanna Cracco
E se il mostro
fosse innocente?
libro inchiesta

 

John Wainwright
Stato di fermo
narrativa

 

Giuseppe Ciarallo
DanteSka
satira politica

 

Walter G. Pozzi
Altri destini
narrativa

 

 

 

 

Creative Commons License
Il contenuto di questo sito

coperto da
Licenza Creative Commons

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

Buone nuove

 

Libera, araba e felice
di Sabrina Campolongo
Recensione de La prova del miele, Salwa Al-Neimi

Chi ha acquistato questo libro sottile cercando una lettura piccante, catturato dall’immagine di copertina e dalla metafora poetica nel titolo (con quelle superbe natiche femminili in primo piano non è difficile immaginare a quale miele ci si riferisca…) sarà rimasto, probabilmente, deluso. Non di un romanzo erotico orientaleggiante, non di un ‘Mille e una notte’ (vista l’esigua mole non più di sette notti, in ogni caso) in salsa piccante si tratta, ma di un breve quanto appassionato testo politico e poetico sulla libertà, sul desiderio e sulla cultura araba prima che diventasse il regno della dissimulazione e della negazione sessuofoba.
La protagonista, siriana come l’autrice e come lei trapiantata a Parigi, è
una colta bibliotecaria a cui viene proposto, riconoscendo la sua passione semi segreta – e in ogni caso, agli occhi del mondo, puramente accademica – per gli antichi testi erotici arabi, di tenere un seminario sull’argomento negli Stati Uniti. I motivi alla base del rinnovato interesse americano verso la cultura araba saranno gli stessi per cui il congresso verrà annullato, come un serpente che si morde la coda: l’11 settembre e la difficile era del dopo.

In ogni caso, quello dell’intervento al congresso oltreoceano è solo l’innesco, o il pretesto letterario, per una riflessione-narrazione in cui vita e letteratura sono legate così strettamente da fondersi. Le parole degli antichi testi – rigorosamente in arabo, la lingua sacra del Corano e, per la protagonista, l’altrettanto sacra lingua del sesso – illuminano l’accidentato sentiero delle relazioni, ma sono anche micce che accendono esperienze, che portano nella vita avvenimenti e incontri.
Tra tutti, quello che torna prepotentemente ad affacciarsi alla mente della protagonista nel corso delle sue ‘ricerche’, è l’incontro con l’uomo che chiama “il Pensatore”, un momento che segna un vero e proprio spartiacque nella sua vita, tanto che a posteriori lei stessa la dividerà in un’era a.P (prima del Pensatore) e un’era d.P. (dopo il Pensatore), di cui la prima corrisponde alla Jahila, i secoli bui dell’ignoranza, e la seconda alla Nahda, il Rinascimento.

Una relazione bruciante, a cui però la protagonista rifiuta, con dolce ostinazione, di concedere lo status di amore, quell’etichetta consolante che rimanderebbe a un concetto totalizzante quanto sfuggente, a un altrove di cui non ha mai avuto esperienza. “Non so cos’è l’amore, so cos’è il desiderio. L’amore appartiene a un aldilà che mi oltrepassa, mi rifiuto di corrergli dietro. La passione, mia e dell’altro, la capisco, la vedo, la tocco, la respiro, vivo i suoi effetti e le sue trasformazioni. È lei sola a condurmi per mano nei miei spazi inesplorati. […] Era il mio amante, il
Pensatore? L’idea non mi aveva nemmeno sfiorata. Potevo essere l’amante di un uomo, quando l’unica cosa che volevo da lui era che mi tenesse abbracciata dietro una porta chiusa a chiave? Potevo essere l’amante di un uomo dal quale non volevo altro che quelle ore rubate?”

A queste e altre domande, la protagonista sembra cercare risposta tanto negli antichi testi che attraverso le esperienze dirette di amiche, colleghi e sconosciuti di cui va golosamente a caccia. Non di storie d’amore, ma di storie di sesso, precisa, anche quando le viene risposto, con un’alzata di sopracciglio, che si tratta di un semplice cavillo linguistico.
Si susseguono storie di sesso (o d’amore) vissuto o negato, o mascherato, di tradimenti e inganni, di dissimulazioni necessarie e rinunce dolorose, storie germinate tutte nel mondo arabo, con protagonisti che ancora lo abitano e altri che sono emigrati in Occidente, senza per questo essere sfuggiti alle proprie radici.

“Dovevo essere in un paese arabo per cominciare a scrivere”, dichiara infatti la narratrice, spostandosi a Tunisi per preparare il suo intervento per il congresso americano, e più volte ribadisce che le parole del sesso prese in prestito dalle lingue dell’Occidente e apprese leggendo il Marchese de Sade, Miller o Bataille, per quanto lascive, suggestive, poetiche o volgari, non sono in grado di smuoverla, non riescono a eccitarla quanto quelle, precise, dell’arabo neantichi testi. Citati con puntiglio, a mostrare come l’era del dopo 11 settembre e dei fratelli musulmani rappresenti il tradimento dell’antica, vitale, carnale sapienza araba; non un passo indietro, ma un cambio di rotta che nega le sue origini più profonde.

Con sgomento, la colta protagonista assiste a una deriva schizofrenica, da una cultura per cui il sesso era “una grazia di cui essere riconoscenti a Dio” e anticipazione d’eternità – perché sarebbe una vera crudeltà far vivere in terra un piacere così squisito se poi in cielo si dovesse rinunciarvi – in cui il Profeta stesso è raccontato come sapiente e delicato amante dalla voce delle sue mogli, alla società della dissimulazione, all’Islam in cui il sesso è bandito anche dalla lingua, in cui convivono l’ossessione per la verginità e il consumo smodato di viagra, due manifestazioni della stessa dolorosa frattura. Né la consola la scatola magica dell’Occidente e la sua sbandierata libertà, non solo perché l’erotismo è per lei coniugato nella lingua araba e passa attraverso tutto l’impasto di gusti e odori, volti e paesaggi che hanno costituito la sua formazione personale, ma soprattutto perché la sua visione del sesso è molto più libertaria di quella della più spregiudicata eroina di Sex and the city.

“È la mia morale a determinare e imporre le mie azioni, i miei principi sono quelli che mi sono data io. Mi importa solo l’effetto delle mie azioni su di me e sulla mia vita: il mio viso dopo l’amore, la luce nei miei occhi, il mio corpo che torna intero, le parole che mi scaldano e mi fanno nascere delle storie in petto”.
Da questa pienezza, in cui il corpo diventa parola e la parola corpo, che bisogno c’è di addobbare il desiderio con nomi che dovrebbero dargli un senso più alto? Ciò appare tanto più rivoluzionario, forse, perché arriva da una voce araba, quando in Occidente impera, in letteratura quanto nel cinema, un versione light e ‘contemporanea’ del celebre codice Hays, per cui il sesso fuori dai sacri vincoli del matrimonio oggi può essere mostrato, anzi deve, il più delle volte, ma non può che ricadere in uno dei due comparti stagni: sesso per amore oppure sesso-perversione, sesso-rosa o sesso-nero, quest’ultimo che esclude l’happy ending e può sfumare dall’esito tormentato-drammatico a quello grottesco-patologico.

Quale finale sarebbe riservato a una storia come quella con il Pensatore, in un film delle major? Forse un colpo di pistola, come in Ultimo tango a Parigi, per salvare almeno uno dei due protagonisti dalla perversione di una grandiosa storia di sesso che non approdi nemmeno a una convivenza, o un’inevitabile dolorosa rinuncia, con ritorno nel nido familiare, come ne Il Principe delle maree. In ogni caso un addio, a cui non sfugge, ahimè, la stessa Salwa Al-Neimi. Nemmeno il Pensatore, l’amante perfetto, ce la fa a portare avanti una relazione nella nudità in cui la mantiene la protagonista, con la sola prospettiva di una porta chiusa a chiave e nessun orpello sentimentale, senza sentirsi usato.
“All’inizio mi chiedeva: la nostra è solo una storia di sesso? E io evitavo di rispondere. Alla fine, non me l’ha chiesto più. Alla fine, se ne è andato”.

La superficialità di questo addio è forse il maggiore difetto del libro. Dopo averci mostrato che può esistere una storia di puro grandioso e gioioso sesso, senza che si spalanchino le porte dell’inferno sotto i piedi di Don Giovanni, o un treno in corsa spezzi l’ultimo respiro della sventurata Anna Karenina, una storia in grado di trasformare una lattuga nel tizzone che infiamma tutto quello che ha accanto senza che nessuno rimanga arrostito, dopo avere auspicato un incontro del genere per le sue amiche malinconiche e affermato che nella vita di ognuno dovrebbe esserci un Pensatore o una Pensatrice, Al-Neimi avrebbe dovuto forse spendere qualche parola in più per dirci perché è finita.

Al netto di questa comprensibile trascuratezza, questo snello libro è una boccata d’aria fresca, un invito a godere, rendendo grazie a chi ci pare, dei piaceri del corpo tutto intero, senza preoccuparsi troppo dell’intangibile. “Sono solo corpo, lo so, non possiedo nient’altro. Il mio corpo è la mia intelligenza, la mia consapevolezza, il mio sapere”.
Come nelle più luminose pagine di Colette, che nutriva di polli ruspanti, sole e aria buona il suo pallido e corrotto Chéri, prima di accoglierlo nel suo letto, Salwa Al-Neimi torna a legare il desiderio sessuale all’appetito di vita, alla buona salute, alla fame di conoscenza di sé e del mondo.

“Anni dopo che il Pensatore se ne era andato, ho capito che noi tutti abbiamo un Pensatore o una Pensatrice (forse più di uno) che ci aspetta in qualche angolo di questo mondo per rivelarci come siamo, per farci scoprire le nostre capacità, per farci addentrare nel nostro labirinto”. Resta il dubbio sul fatto che ciò che rende un incontro del genere un’esperienza fondamentale non sia tanto l’altro – della personalità del Pensatore, dei suoi gusti o del suo passato non sappiamo quasi nulla, ciò che conosciamo è solo la sua impronta nella vita della protagonista – quanto la possibilità che ci offre di entrare in contatto con il nostro io più profondo; un’esperienza solitaria, alla fine, di cui l’altro è solo il tramite, l’innesco o la porta, ma pur sempre un grande dono, forse tutto quello che ci si può aspettare da un’entità inguaribilmente distante da noi, forse la comunione non è che una favola per credenti di ogni fede, anche di quella laica del Grande Amore.
Probabilmente un Pensatore si potrebbe anche inventarselo, ma di certo è più piacevole incontrarne uno, o trovarlo dentro dieci, o cento corpi diversi, anche senza arrivare ai mille della sapiente al-Alfiyya (la Millenaria, appunto), la cui storia e preziosi insegnamenti rischiano di andare perduti, per le sue eredi, nate in società che le vogliono ignoranti tanto della pratica quanto della teoria dell’amore, che ha castrato anche la lingua e censurato i dizionari.

Questo piccolo libro, scritto in arabo non a caso, può considerarsi una porta, destinata prima di tutto ai lettori arabi, in special modo alle giovani orfane di al-Alfiyya, un modo di rivendicare l’origine antica del loro desiderio di libertà e mostrare loro quell’eredità così preziosa che le attuali teocrazie musulmane hanno bisogno di nascondere e delegittimare.
Per quel che mi riguarda, se dovessi riassumere nei caratteri di un tweet la mia conclusione sul libro e sulla sua Autrice, credo che userei le parole che il Pensatore dedica alla sua amante: “Di
te mi piacciono due cose: la tua libertà e il fatto che sei araba”.

 

Sabrina Campolongo


 

La prova del miele, Salwa Al-Neimi, Feltrinelli, 2008

Acquista il libro su

 

Torna su