È uscito il numero 52
aprile - maggio 2017

 


La rivista
tutti i numeri
ordina numero
abbonamenti
Contenuti
analisi politica
inchieste
dura lex...
percorsi storici
interviste
critica letteraria
recensioni libri
segnalazioni libri
spunti letterari
racconti
musica
cinema
arte
autori
Contenuti per tema
Europa
NO Expo
privatizzazioni
la sinistra in Italia
la nuova destra in Europa
lavoro e conflitto sociale
politica dell'immigrazione
rapporto cultura, informazione e potere
scontro politica e magistratura
osservatorio sulla mafia
economia criminale
rapporto Stato e Chiesa
politica medioriente
Il progetto Paginauno

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura
creativa e FilmMaking

Comunicazione
newsletter
la stampa
link
contatti
area riservata

 

Pagine contro la tortura

 

 

E se il mostro fosse innocente?
Controcronaca del processo
al chirurgo Brega Massone
e alla clinica Santa Rita

 

 

 

Suzanne Dracius
Rue monte au ciel
narrativa

 

Davide Steccanella
Le indomabili
saggistica

 

Liam O'Flaherty
Il cecchino
Il Bosco di Latte

 

Frank O'Connor
Ospiti della nazione
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Ciò che non siamo
narrativa

 

Paul Dietschy
Storia del calcio
saggistica

 

Giuseppe Ciarallo
Le spade
non bastano mai
narrativa

 

Carmine Mezzacappa
Cinema e
terrorismo
saggistica

 

Massimo Vaggi
Gli apostoli
del ciabattino
narrativa

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

William McIlvanney
Il regalo
di Nessus
narrativa

 

William McIlvanney
Docherty
narrativa

 

Fulvio Capezzuoli
Nel nome
della donna
narrativa

 

Matteo Luca Andriola
La Nuova destra
in Europa
libro inchiesta

 

Davide Corbetta
La mela marcia
narrativa

 

Honoré de Balzac
Un tenebroso affare
narrativa

 

Anna Teresa Iaccheo
Alla cerca della Verità
filosofia

 

Massimo Battisaldo
Paolo Margini

Decennio rosso
narrativa

 

Massimo Vaggi
Sarajevo
novantadue
narrativa

 

Elvia Grazi
Antonio Prade
Senza ragione
narrativa

 

Giovanna Baer
Giovanna Cracco
E se il mostro
fosse innocente?
libro inchiesta

 

John Wainwright
Stato di fermo
narrativa

 

Giuseppe Ciarallo
DanteSka
satira politica

 

Walter G. Pozzi
Altri destini
narrativa

 

Davide Pinardi
Narrare
critica letteraria

 

 

 

Creative Commons License
Il contenuto di questo sito

coperto da
Licenza Creative Commons

 

Restituzione prospettica

 

Giustizia: la riforma salvacorrotti
di Walter G. Pozzi
18 febbraio 2010
L'estremo tentativo di salvare un sistema nazionale retto dalla corruzione, per difendersi dagli attacchi della magistratura

“Corruzione e indifferenza politica: sono braccio e mente l’una dell’altra”.
Honoré de Balzac (1842)

Parlare di corruzione in Italia significa confrontarsi con una realtà che non trova eguali nel resto d’Europa. Gli stessi cittadini ne sono talmente assuefatti da non avere più alcuna percezione del problema. Come se, al termine delle inchieste di Mani Pulite, e dopo la mancata pulizia, fosse stata definitivamente assorbita e metabolizzata a livello di società civile; quasi che il codice morale degli italiani avesse accettato la corruzione come si accetta una normale prassi del sistema. Eppure chiunque in Italia sa che oggi si paga per tutto, per avere un posto letto in corsia, per superare un esame universitario, per diventare notaio, per saltare la fila. L’unica cosa che si può dire, per giustificare un simile stato di passività, è che in effetti, rispetto ai tempi di Tangentopoli, corrotti e corruttori si sono fatti più attenti. Ciò non toglie che la quantità di denaro nero che circola per il Paese sia impressionante, una buona parte del quale rientra nell’economia in chiaro attraverso operazioni di riciclaggio al nord come al sud (1). Non di meno, non desta sospetto all'opionione pubblica il fiorire di centri commerciali sempre più grandi, in reciproca concorrenza spaziale ancor prima che commerciale.

Corrompere, a livello di amministrazioni locali, è diventata la regola; in molte città e paesi italiani non viene assegnato un appalto senza passare per la criminalità organizzata, e la collusione di professionisti e colletti bianchi con le attività mafiose è diventata una prassi sempre più diffusa.
Un quadro cui va aggiunta tutta una serie di altri reati che spaziano dall’abuso d’ufficio, ormai depenalizzato da accorte rimodulazioni della legge, alla sottrazione di fondi pubblici.
È probabile che la scarsa percezione del fenomeno da parte degli italiani sia dovuta al silenzio tombale dei media. Non ne parlano proprio, malgrado studi in materia dicano, senza possibilità di fraintendimento, che esiste in Italia una vera e propria economia della corruzione, con le proprie logiche e le proprie regole, di entità difficile da accertare, ma che con certezza si assesta su valori ingenti.

E mentre nel contesto internazionale si sviluppa un clima di particolare interesse per la lotta alla corruzione, mentre aumentano le convenzioni in materia, attivate per garantire una parità di condizioni che consenta una reale concorrenza delle imprese sul mercato globale, in Italia il governo, per tutta risposta, sopprime (25 agosto 2008) – davanti alla sorpresa di Drago Kos, presidente del GRECO (Group of States against corruption) – l’istituto dell’Alto commissariato per la prevenzione ed il contrasto della corruzione e delle altre forme di illecito nella pubblica amministrazione. Una dimostrazione del disinteresse (o di un interesse di tipo doloso) dei governanti riguardo al problema.

Sapere che le funzioni dell’Alto commissario, dopo la chiusura di una struttura che cominciava a dare i primi frutti a livello di analisi e di monitoraggio nazionale del fenomeno, siano passate al ministro delle attività pubbliche Brunetta, non induce all’ottimismo. È questi, infatti, un uomo dalla cui bocca non è mai uscito un sospiro che denunciasse, adesso che il compito della repressione è nelle sue mani, i costi che la corruzione comporta per lo Stato italiano e, quindi, per i contribuenti. Gli verrà un colpo, al termine della guerra ai ‘suoi’ dipendenti, ai writers e ai medici ospedalieri, quando leggerà l’ultimo rapporto annuale dell’anticorruzione e apprenderà che, rispetto ai costi economici, culturali e sociali dovuti alla vasta corruzione in auge tra i suoi colleghi, gli sprechi della pubblica amministrazione sono una piuma. O forse lo sa bene, ma sa altrettanto bene che il governo, a braccetto con l’opposizione (escluso Di Pietro), ha una più diretta convenienza a combattere quella parte di magistratura sana che persegue con ostinazione il diffuso mercato di ‘scambi e favori’ economici.
Alla luce dello stato della macrocorruzione e della microcorruzione in Italia, il canone interpretativo del fenomeno da porre in cima al cahiers de doléances non può che essere l’analisi economica della situazione italiana, senza la quale non è possibile comprendere come e quanto il forte interesse privato – che pratica la corruzione (sotto la protezione politica) per limitare la libera concorrenza – oggi orienti e condizioni l’operato politico.

In Italia la parola Giustizia è un concetto flessibile che oscilla tra l’atto arbitrario dei primi capitribù e la moderna giurisprudenza. Alla voce arbitrario, il vocabolario dà queste due definizioni: che dipende dalla volontà, dall’opinione del singolo – senza cioè riscontri oggettivi – e illegittimo, abusivo. Un atto di usurpazione delle cui origini la memoria collettiva ha perso le tracce. Quasi che Giustizia e Legge avessero una genesi metafisica o divina. Berlusconi, in tal senso, riporta gli italiani ai tempi delle prime comunità e rivela loro quanto l’architettura legale sia implicata nella difesa di un sistema e di interessi privati. Nel suo doppio ruolo di imprenditore e di politico, il Cavaliere rappresenta una curiosa anomalia, non solo perché legittima il conflitto d’interessi, ma, e soprattutto, perché, al di là di una specifica volontà personale, restituisce con ogni sua azione una verità negata sulla sostanza della pratica del potere tout court.

Per questo motivo sarebbe sbagliato pensare alla riforma della giustizia promossa dal suo uomo Angelino Alfano, come una questione personale con la giustizia. Anche, ma non solo. La riforma della giustizia, così come verrà concepita, salvaguardando Berlusconi dai suoi guai, asfalterà la via di salvezza a un intero sistema politico ed economico retto da un regime di corruzione degno del terzo mondo. Per cui è normale che, dopo centocinquant’anni di un potere che ha elevato l’illegalità a sistema di controllo del mercato, i capitani d’industria e le varie lobby degli affari – accortisi di quanto la situazione dell’illegalità rischi di esplodere loro tra le mani – abbiano deciso di catturare lo Stato per controllare la magistratura, ovvero, l’unica realtà in grado di creare loro problemi. Perché, in un momento in cui il capitalismo rischia di implodere, va da sé che gli effetti globali della crisi in Italia risultino accentuati, in un Paese in cui, oltre al ‘normale’ sfruttamento dei lavoratori, è stata usata la corruzione come arma di dominio del mercato in stretto abbraccio con una politica fortemente protezionistica. Sta tutta qui l’anomalia italiana. Oggi è solo più evidente grazie all’affermazione di Berlusconi il quale, se da un lato ha tolta dall’ombra questa verità, per altri versi ha contribuito a garantire all’Impresa il diretto condizionamento dei più alti livelli istituzionali, al punto di permettere a banche, finanzieri, industriali e professionisti, di prendere decisioni e garantirsi, senza ulteriori mediazioni, situazioni di monopolio e vantaggi fiscali; di crearsi rendite di posizione; di allocare risorse economiche in territori a concentrazione mafiosa; di decidere degli investimenti pubblici, che privilegiassero, come sempre nei Paesi ad alto tasso di corruzione, la realizzazione di nuove opere. In poche parole di erigere a forma di potere il sistema mafioso.

Non è un caso che l’economia italiana ristagni ormai da qualche anno, segnando tutta una serie di effetti di cui la vasta diffusione della corruzione è direttamente responsabile. E cioè: alterazione dei prezzi sul sistema dei mercati, impedimento di una libera concorrenza, alterazione del mercato dell’offerta del lavoro con la prospettiva di facili guadagni, chiusura delle imprese sane, inibizione dell’avvio e dello sviluppo di nuove attività, inquinamento degli appalti pubblici, distorsione delle allocazioni delle risorse finanziarie. Ragion per cui, come sottolinea l’ultima relazione redatta dall’Alto commissario: “Il costante sviluppo di questi raffronti evidenzia una significativa correlazione tra la corruzione e i fattori indicatori della crescita economica, nel senso che ad alti livelli di corruzione corrisponde un basso livello di prodotto nazionale lordo, un basso tasso di crescita del pil, un alto fattore di rischio per gli investimenti, un alto costo del denaro e un complessivo effetto di scoraggiamento degli investimenti esteri” (2).
Contro un fenomeno tanto invasivo la legislazione non ha mai opposto un contrappeso. Negli ultimi quindici anni la normativa italiana anticorruzione, al contrario, si è molto addolcita, lasciando cadere verso il basso un forte incentivo a delinquere che contraddice la favola della predisposizione degli italiani a eludere la legge. Teoria buona a giustificare l’operato della loro classe politica. Vero semmai è il contrario. Senza scomodare le complesse teorie marxiane su struttura e sovrastruttura, nel caso dell’Italia è sufficiente ricorrere a un vecchio adagio popolare secondo cui il pesce puzza sempre dalla testa.

Per paradosso, oggi il nuovo pericolo per la classe dirigente italiana arriva dall’Unione europea, da quando questa ha adottato un sistema di norme che favoriscono la lotta alla criminalità e che l’Italia è costretta, seppure già con notevole ritardo, a recepire nel proprio ordinamento penale, per una questione di credibilità e di immagine di fronte ai consessi internazionali ed europei. Queste riguardano, neanche a farlo apposta, proprio la corruzione e non prospettano alcunché di buono per i gruppi di potere del Paese.
Dai tempi di Tangentopoli, il quadro economico italiano è molto mutato. Privatizzare è il nuovo dogma a cui anche lo Stato si è adeguato (3). Ne è seguita una riorganizzazione del sistema pubblico, grazie alla quale sono state trasferite diverse competenze a enti privati o a società, come tali vincolate alle regole del diritto privato. Da allora gli appalti per le grandi opere pubbliche possono venire assegnati con procedure di tipo privatistico, anche attraverso la diffusione di nuove figure economiche, quali il general contractor (Impregilo è uno di questi). All’interno del processo di rinnovamento, la corruzione ha prodotto i propri anticorpi e si è evoluta come un perfetto organismo mutante, rendendosi ancora più invisibile dal momento che le logiche interne delle nuove realtà sono insondabili e avvolte dal mistero. Se a ciò si aggiunge che ai manager di queste società, non avendo la qualifica di pubblici ufficiali, non possono venire imputati i reati di corruzione e di concussione, si fa presto a capire quali agevolazioni siano state assicurate alla pratica dell’illegalità. Una specie di saturnale che la Ue punta a debellare, chiedendo all’Italia proprio di eliminare la differenza tra corruzione e concussione, di estendere il reato al settore privato e di adottare il provvedimento della confisca dei beni e dei proventi per chi corrompe, già in vigore nel caso dei condannati per mafia.

Non è una richiesta che l’Italia possa rifiutare, e infatti fino a ora ha tergiversato non poco, beccandosi parecchie tirate d’orecchie. È per questo motivo che adesso la riforma della giustizia viene contrabbandata come un’urgenza nazionale. Niccolo’ Ghedini, meglio noto come l’avvocato di Berlusconi, si è già messo duramente al lavoro. Forgiato da anni e anni di studi e applicazioni che permettessero al suo datore di lavoro di sfuggire ai tanti processi, rappresenta l’uomo giusto al posto giusto. E come contraltare si è proposto Luciano Violante. Perfettamente bipartisan. Anche perché nessuno vuole che qualche magistrato si ponga di traverso alla tanto decantata governabilità, proprio adesso che è stata raggiunta e ogni forma di opposizione parlamentare è stata debellata, magari aprendo nuovi filoni d’inchiesta sul modello di Mani Pulite. Cosa ne sarebbe dell’Italia! Per questo motivo il Parlamento varerà la riforma della giustizia con un atto arbitrario. E pur non dimenticando la parte demagogica da servire a pranzo e a cena agli italiani parlando di giusta durata del processo, di responsabilità civile del magistrato, di macchina della giustizia più efficiente, di separazione delle carriere, di revisione dell’obbligatorietà dell’azione penale, di privacy, e accanendosi contro un’intera popolazione di indifesi e senza voce, di carcerati, prostitute, extracomunitari; pur non dimenticando questo, brigherà nell’ombra i propri interessi per introdurre un pacchetto di soluzioni a protezione della macrocriminalità di politici, mafiosi e affaristi di ogni sorta e grado. Verranno spostati i paletti in sede d’inchiesta per impedire che qualche pezzo grosso possa venire processato, negando magari l’uso di importanti strumenti di investigazione quali le intercettazioni telefoniche. E potrebbe anche proporre di consegnare la direzione delle indagini alla polizia giudiziaria, sottomettendo la Giustizia all’arbitrio del governo per toglierla al pubblico ministero. Ma tutto questo riguarda l’aspetto tecnico del come, quello dell’azione. E conterà ben poco a quel punto, quando si sa bene che sono costretti a farla e che quindi la faranno.

In fondo lo Stato anche in passato si è sempre mosso per garantire le esigenze di stabilità. È vero che prima di oggi la posta in gioco è stata la preservazione del sistema di produzione e dello sfruttamento del lavoratore, mentre adesso si tenta di salvare l’illegalità. Ma forse non c’è nemmeno tutta questa differenza. Alla fine il come sarà sicuramente il meglio possibile per politici e affaristi.
Resterà sotto gli occhi di tutti la riforma della giustizia, simile – magra consolazione – a una silenziosa ammissione di colpa.

Walter G. Pozzi

 

(1) vedi Belpaese Connection di Giovanna Baer, PaginaUno n. 9/2008
(2) Il Fenomeno della corruzione in Italia 2007, Relazione dell’Alto commissario anticorruzione
(3) vedi Debito pubblico, fra tangenti e privatizzazioni di Giovanna Cracco

 

Altri articoli sull'argomento:

Il romanzo mai scritto sugli anni Ottanta Walter G. Pozzi
Gli anni Ottanta e la corruzione: la normalità delle mazzette ricostruita da un protagonista dell’epoca

Sospetta immunità Erica Gramaglia, Paginauno n. 5/2007
La legge sulle intercettazioni e l'immunità parlamentare

Differenze antropologiche Erica Gramaglia, Paginauno n. 2/2007
Indipendenza della magistratura e separazione delle carriere

 

Leggi altri articoli sui temi:

scontro politica e magistratura

economia criminale

osservatorio sulla mafia

Torna su