È uscito il numero 62
aprile - maggio 2019

 


seguici sulla ns pagina

La rivista
tutti i numeri
ordina numero
abbonamenti
Contenuti
analisi politica
inchieste
dura lex...
percorsi storici
interviste
critica letteraria
recensioni libri
segnalazioni libri
spunti letterari
racconti
musica
cinema
arte
autori
Contenuti per tema
Europa
economia
lavoro e conflitto sociale
nuove tecnologie
la sinistra in Italia
la nuova destra in Europa
ecologia
Stati Uniti
NO Expo
privatizzazioni
politica dell'immigrazione
rapporto cultura, informazione e potere
scontro politica e magistratura
osservatorio sulla mafia
rapporto Stato e Chiesa
politica medioriente
Il progetto Paginauno

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura
creativa e FilmMaking

Comunicazione
newsletter
la stampa
link
contatti
area riservata

 

Pagine contro la tortura

 

 

E se il mostro fosse innocente?
Controcronaca del processo
al chirurgo Brega Massone
e alla clinica Santa Rita

 

 

 

Iacopo Adami
Capolinea
Narrativa

 

Vittorio Alfieri
La virtù
sconosciuta
La Sposa del Deserto

 

Jules Janin
Racconti
bizzarri
Il Bosco di Latte

 

Margaret Oliphant
La finestra
Il Bosco di Latte

 

John Wainwright
Anatomia di
una rivolta
Narrativa

 

Davide Steccanella
Across the Year
in utero

 

William McIlvanney
Chi si rivede!
Il Bosco di Latte

 

Honoré de Balzac
L'albergo rosso
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Emma B
Narrativa

 

Rinomata Offelleria Briantea
Ventinovecento
Narrativa

 

Silvia Albertazzi
Leonard Cohen
Manuale per vivere nella sconfitta
Saggistica

 

Thomas Wolfe
Un'oscura vitalità
Il Bosco di Latte

 

Francis Scott Fitzgerald
Basil Lee
Il Bosco di Latte

 

Felice Bonalumi
Storia del gusto
saggistica

 

Mario Bonanno
33 Giri
in utero

 

Raymond Williams
Terra di confine
narrativa

 

47 Autori
Poesie per un
compleanno
La Sposa del Deserto

 

Rudi Ghedini
Rivincite
Saggistica

 

Edith Wharton
Triangoli
imperfetti
Il Bosco di Latte

 

Joseph Conrad
Ford Madox Ford
La natura
di un crimine
Il Bosco di Latte

 

James Robertson
Solo la terra resiste
narrativa

 

Christine Dwyer Hickey
Tatty
narrativa

 

Carmine Mangone
Il corpo esplicito
saggistica

 

Suzanne Dracius
Rue Monte au Ciel
narrativa

 

Davide Steccanella
Le indomabili
saggistica

 

Liam O'Flaherty
Il cecchino
Il Bosco di Latte

 

Frank O'Connor
Ospiti della nazione
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Ciò che non siamo
narrativa

 

Paul Dietschy
Storia del calcio
saggistica

 

Giuseppe Ciarallo
Le spade
non bastano mai
narrativa

 

Carmine Mezzacappa
Cinema e
terrorismo
saggistica

 

Massimo Vaggi
Gli apostoli
del ciabattino
narrativa

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

William McIlvanney
Il regalo
di Nessus
narrativa

 

William McIlvanney
Docherty
narrativa

 

Fulvio Capezzuoli
Nel nome
della donna
narrativa

 

Matteo Luca Andriola
La Nuova destra
in Europa
libro inchiesta

 

Davide Corbetta
La mela marcia
narrativa

 

Honoré de Balzac
Un tenebroso affare
narrativa

 

Massimo Battisaldo
Paolo Margini

Decennio rosso
narrativa

 

Massimo Vaggi
Sarajevo
novantadue
narrativa

 

Giovanna Baer
Giovanna Cracco
E se il mostro
fosse innocente?
libro inchiesta

 

John Wainwright
Stato di fermo
narrativa

 

Giuseppe Ciarallo
DanteSka
satira politica

 

Walter G. Pozzi
Altri destini
narrativa

 

 

 

 

Creative Commons License
Il contenuto di questo sito

coperto da
Licenza Creative Commons

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

Polemos

 

Debito pubblico: italianità al 104 per cento
di Giovanna Cracco
Dal capitalismo da espansione del debito pubblico alle privatizzazioni, dagli anni Ottanta all'Alitalia

Alla fine, anche questa volta, l’italianità è salva. Con buona pace delle preoccupazioni del Cavaliere, che già in campagna elettorale vi aveva fatto appello – minacciando l’avvento di una cordata italiana quando per l’acquisto dell’Alitalia si era proposta Air France – e con tanti auguri ai ‘capitani coraggiosi’, che con spirito intrepido e patriottico hanno fondato la Cai e sono corsi in aiuto alla compagnia di bandiera nazionale.
La privatizzazione era nell’aria da tempo. Se n’era ampiamente occupato il governo Prodi trovando un acquirente, appunto, nel vettore francese. È stata la caduta della legislatura a scompaginare le carte: davanti a Berlusconi, che nell’attesa di sedersi sugli scranni del governo il 15 aprile, tuonava: “Il nostro Paese non dovrebbe privarsi di una compagnia di bandiera. Alitalia deve restare italiana!”, Air France ha colto al volo le inevitabili prime schermaglie con i sindacati per ritirare l’offerta e tornarsene, ben contenta, in più tranquilli lidi. La penisola a stivale non è uno Stato in cui possa approdare il libero mercato, lo avevano già compreso gli spagnoli di Abertis con le autostrade.

Eppure una privatizzazione rientra a pieno titolo nell’ontologia neoliberista, tanto acclamata anche in Italia, pur con le recenti prese di distanza conseguenti alla crisi finanziaria esplosa negli Stati Uniti: non è infatti mai in discussione la bontà del libero mercato, semmai giusto la mancanza di un po’ di regole e di un briciolo di etica. In verità, una regola, ferrea e rispettata, è sempre esistita nel Belpaese: proprio quella dell’‘italianità’ (da difendere e salvare), che altro non è se non la struttura stessa del capitalismo nazionale, che sussiste grazie alla protezione politica e agli aiuti pubblici ben più che al coraggio dei suoi ‘capitani’, all’innovazione e al rischio d’impresa.
Ne sono testimoni tutte le privatizzazioni operate dal 1992 e l’affaire Alitalia non fa eccezione, riuscendo tuttavia a scrivere una pagina degna di nota nella storia del capitalismo nostrano: nemmeno i migliori padri politici delle privatizzazioni targate anni Novanta hanno infatti mai osato separare l’attivo dal passivo; stornare i debiti – stimati, per Alitalia, in almeno 2,8 miliardi di euro – e vendere a pezzi il capitale –aerei, terreni, cargo ecc. Il saldo finale dell’operazione, che lo stesso commissario straordinario Fantozzi prevede avrà segno negativo –conta di incassare appena “qualche centinaio di milioni” dalla vendita dell’attivo – andrà a incrementare il debito pubblico nazionale. Ai cittadini italiani, dunque, la ‘bad company’; ai capitani coraggiosi, i profitti della ‘good company’.

Non è preoccupazione dell’attuale classe politica, come non lo è stato per quella che si è succeduta alla guida del Paese dagli anni Ottanta in poi, il fatto che l’azienda Italia non goda di così buona salute da potersi permettere l’accollo di ulteriore passivo: il 2007 si è chiuso con un debito statale pari al 104% in rapporto al Pil e un deficit all’1,9%. Parametri che non hanno eguali negli altri Paesi europei: i dati Eurostat dichiarano, nella zona euro, un rapporto debito/Pil del 66,3% e un deficit allo 0,6%. D’altra parte, nessun Paese europeo ha conosciuto la collusione criminale tra politica ed economia che è stata la colonna portante del capitalismo italiano, al punto da poter essere connotato come ‘capitalismo da espansione del debito pubblico’.

Nel 1946, il debito dello Stato è pari al 32% del Pil. Fino al 1970 si mantiene nella forbice tra il 27% e il 34%, complice il boom economico, che fa lievitare il Pil, e un welfare ai suoi primi passi. Negli anni Settanta il rapporto debito/Pil cresce dai 2 fino ai 7 punti percentuali all’anno, arrivando nel 1980 a essere il 62%: sono anni di crisi economica, la produzione rallenta ma, soprattutto, lo Stato italiano diventa anche uno Stato sociale.
Nel 1994, il debito pubblico corrisponde al 121,80% del Pil, per un valore nominale di 1.069.415 milioni di euro (1). La classe politica italiana sembrerebbe essere stata preda, per quattordici anni, di un delirio da spese per infrastrutture e Stato sociale, fino a perdere di vista le più elementari regole alle quali anche un bilancio statale deve sottostare: attivo/passivo, entrate/uscite. Una élite politica incompetente, è il minimo che si potrebbe dire, nel caso le si volesse riconoscere l’attenuante dell’affezione verso i propri cittadini, per i quali ha voluto costruire il paese di Bengodi.
Nulla di tutto questo, ovviamente. Quel 121,80% è figlio di quella collusione criminale che si rivela solo nel 1992 con Tangentopoli.

Le cifre sono note: il giro d’affari annuale della corruzione può essere valutato intorno ai 5.000 milioni di euro e genera un debito pubblico pari a 130.000 milioni di euro, al quale sono da sommare i relativi interessi sui titoli emessi, quantificabili in 13.000 milioni di euro l’anno (2). Le opere pubbliche date in appalto e portate a compimento costano in media il doppio, spesso il triplo, a volte il quadruplo, di quanto altri Stati europei stanziano per opere simili – un esempio per tutti, 96 milioni di euro al chilometro per la linea tre della metropolitana milanese, 23 milioni di euro per quella di Amburgo; quel doppio, quel triplo, quel quadruplo si trasformano non solo in tangenti ma anche in enormi profitti per le imprese complici della corruzione – fondi neri ed evasione fiscale compresi – e, dall’altra parte, in debito pubblico per i cittadini. Le opere che restano cattedrali nel deserto incomplete e infestate da erbacce costano e basta, senza nemmeno portare funzionalità ai cittadini.

Nulla di più lontano dal paese di Bengodi. Al contrario, un capillare sistema criminale finanziato con l’espansione del debito pubblico, attraverso l’immissione sul mercato di titoli di Stato: enormi quantità di titoli al portatore, Bot e Cct – utilizzati anche per ripulire il denaro della corruzione – sono andate a ingrassare conti esteri personali, casse di partito e i profitti in nero di un capitalismo oligopolista e protetto.
Tuttavia l’innalzamento del debito pubblico non è stato l’unico conto che il cittadino si è ritrovato a dover pagare a tale collusione mafiosa. La mancanza di concorrenza, inevitabile risvolto di un sistema corrotto, ha fatto venire meno una delle regole fondamentali del capitalismo stesso: la necessità dell’innovazione del processo produttivo per restare competitivi su un mercato ormai in persistente crisi economica. Da questo derivano i tassi di crescita vicini allo zero ai quali l’Italia è da anni abituata. Un mancato investimento che ha presentato il conto all’avvento della globalizzazione, quando imprese straniere hanno iniziato a penetrare il mercato nazionale, costringendo la politica a manovre di salvataggio come quella dell’operazione Alitalia o al rifiuto del Pacchetto clima europeo: in entrambi i casi, seppur con modalità differenti, l’obiettivo è salvare i capitani coraggiosi dalle regole competitive del libero mercato.
A ben guardare, la classe dirigente un proprio Eldorado l’aveva dunque costruito, ma un simile bilancio pubblico da bancarotta era insostenibile nel lungo periodo. Ben più di Mani Pulite, infatti, è stata la necessità di entrare nell’area dell’euro a chiudere la fase del capitalismo da espansione del debito pubblico.

Il 16 settembre 1992 il crollo della lira la costringe a uscire dal Sistema monetario europeo. I parametri stabiliti dal Trattato di Maastricht, 60% il rapporto debito/Pil, 3% il deficit, sono lontanissimi: 118% il primo, 11% il secondo. Dall’Inghilterra thatcheriana e dall’oltreoceano reaganiano spira il nuovo vento del neoliberismo, ‘meno Stato più mercato’, e la parola magica e salvifica diventa ‘privatizzare’; vendere!
La classe dirigente non si fa prendere dal panico, e anche in tale mutato contesto economico e operativo riesce a trovare il modo per fare cassa. Titolari del conto da pagare, neanche a dirlo, sono ancora i cittadini i quali, anziché vedersi liberare dal fardello del debito pubblico, se lo ritrovano alleggerito di tali pochi grammi che tutt’oggi camminano curvi sotto il suo peso.

Con la legge n. 432 del 27 ottobre 1993 viene istituito il Fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato, nel quale andranno a confluire le entrate generate dalle privatizzazioni; tali entrate dovranno interamente essere utilizzate per ridurre l’enorme debito pubblico, attraverso il riacquisto di titoli di Stato sul mercato e il rimborso di quelli in scadenza, senza un’equivalente riemissione. Dal 1° gennaio 1994 al 31 dicembre 2006 le privatizzazioni portano nelle casse dello Stato 94.533 milioni di euro (3). La cifra generata dal sistema delle tangenti, come sopra riportato, era stata di 312.000 milioni di euro, calcolando anche gli interessi per gli anni dal 1980 al 1994. Certo l’ammontare del passivo era tale che, se fosse stato possibile venderli, nemmeno la messa all’asta delle Alpi e di tutto il mare che ci circonda l’avrebbe forse ripianato, tuttavia i valori di vendita attribuiti alle società pubbliche ricordano, più che un contratto paritario tra due parti tra loro contrapposte, una banda criminale che si spartisce l’ennesimo bottino. Mentre riflette sul modo di accumularne dell’altro.

Dopo aver venduto, totalmente o in parte (4), l’Imi, l’Ina, la Seat, le Poste, l’Ente tabacchi, la Telecom, le grandi banche – San Paolo di Torino, Banco di Napoli, BNL, Mediocredito Centrale – le imprese facenti capo all’Iri – Finmeccanica, Fincantieri, Fintecna, Iritecna ecc. – è infatti la volta dell’energia e dei trasporti: monopoli pubblici che diventano privati, tariffe che lievitano per i cittadini, utili che decollano per i capitani coraggiosi. Nel frattempo, fin dal 1992, la classe politica si porta avanti con il lavoro e avvia l’attacco al welfare: non restandogli ormai altro per foraggiare i profitti degli amici imprenditori, faccendieri, banchieri, professionisti (più o meno in cordata), giunge anche l’ora della privatizzazione delle pensioni, della scuola, della sanità. È dello Stato sociale la colpa dell’eccessivo debito italiano!, si leva in un sol coro la voce politica. Uno Stato sociale indulgente, dalla manica larga, che culla nell’inedia i propri cittadini e che non ha eguali negli altri Paesi europei!

Eppure, in un paradosso che svela contemporaneamente la colpevole cognizione di causa, l’arrogante certezza dell’impunità politica prima che giuridica e il controllo (o compiacenza, o complicità) dei principali media, dai quali non un solo fiato si è levato in un j’accuse, è la stessa classe politica a consegnare, nelle proprie relazioni ufficiali, i dati per smascherare l’impostura di tale accalorata denuncia.
L’interessante lettura del Libro verde sulla spesa pubblica, a firma del ministro dell’Economia e delle Finanze (settembre 2007, epoca Padoa Schioppa), mostra, neppure troppo tra le righe, che ancora oggi sono gli interessi generati dal debito pubblico esploso negli anni Ottanta il maggior problema del Paese, che tale debito è figlio della corruzione, che le privatizzazioni sono state vergognose svendite e che la spesa amministrativa e sociale non si discosta dalla media europea. Vi si legge che l’Italia ha “accumulato un debito enorme, che costa in interessi circa 70 miliardi di euro l’anno […]. Proprio negli anni in cui il debito più lievitava, l’Italia ha gravemente impoverito il capitale; e oggi la crescita è lenta anche perché l’accumularsi di quel debito non è stato, purtroppo, accompagnato da un corrispettivo aumento degli investimenti in infrastrutture materiali e immateriali”. Ancora: il processo di consolidamento del debito è stato “conseguente alla firma del Trattato di Maastricht. La creazione del vincolo esterno e la convergenza dei tassi di interesse inducono a perseguire e favorire una riduzione della spesa pubblica in cinque anni (dal 1993 al 1998) di 7,6 punti di Pil. Di questi, poco meno di 5 punti sono dovuti alla riduzione della spesa per interessi e il resto al contenimento della spesa primaria”. Nel 1993, la spesa corrente primaria corrisponde al 39% del Pil, quella per interessi al 12,1%. Nel 2006 la prima è rimasta pressoché invariata (39,9%), la seconda è scesa al 4,6%. Si può supporre che anche l’istituzione del Fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato abbia contribuito notevolmente a quel quasi 5% di riduzione di spesa per interessi, permettendo di non riemettere i titoli in scadenza.

Sempre la relazione riporta il dettaglio della spesa pubblica italiana rispetto a quella degli altri Paesi europei, mostrando che nel 2004 la spesa per servizi pubblici generali è in Italia il 4% del Pil (3,9% quella dell’area euro); 1,4% per la difesa (pari nell’area euro); 2% per l’ordine pubblico (1,7%); 3,9% per gli affari economici (pari nell’area euro); 0,8% per l’ambiente (0,7%); 4,6% per l’educazione (5%); 26,3% per la spesa sociale – sanità, pensioni, assistenza, ecc. – (27,9%); 4,7 per interessi (3,1%). Per un totale di 47,7% di spesa pubblica in Italia, 47,6% nell’area euro.
Non si capisce dove stia, dunque, la tanto denunciata anomalia della spesa italiana, a causa della quale è necessario correre ai ripari, pena divenire il fanalino di coda dell’Unione europea. Cosa che, peraltro, l’Italia è già, ma per ben altri motivi. Non ultimo, il regime fiscale delle rendite finanziarie: il 12,5% contro il 20-22% della media europea.
Mantenere tali aliquote di tassazione in un Paese in cui il debito pubblico supera il 100% rivela – se mai qualche dubbio dovesse ancora permanere – la natura classista di uno Stato che agisce a favore del capitale e a spese dei lavoratori, sui quali non solo il debito pubblico continua a gravare, ma (falsamente) in nome del quale si vedono anche smantellare uno Stato sociale faticosamente conquistato grazie alle lotte operaie. E c’è qualcuno che ancora crede che lo Stato sia neutrale!

Anche la famiglia e gli amici di Jean-Claude Romand credevano che lui fosse un luminare nel campo della ricerca e che lavorasse all’Organizzazione mondiale della sanità a Ginevra; che frequentasse ministri e partecipasse ai convegni internazionali; che fosse, insomma, ciò che lui affermava di essere.
Emmanuel Carrère resta talmente colpito dalla vicenda, realmente accaduta, di Romand, da trasporla in un romanzo: L’avversario. Ogni giorno Jean-Claude “invece della strada per Ginevra, prendeva quella di Gex e Divonne, o quella di Bellegarde che porta all’autostrada per Lione. Entrava in un’edicola e comprava un sacco di giornali: quotidiani, periodici, riviste scientifiche. Poi andava a leggerli in un bar – che si premurava di cambiare spesso e di scegliere abbastanza lontano da casa – oppure in macchina. Si fermava in un parcheggio o in un’area di servizio e restava lì per ore a leggere, prendere appunti, sonnecchiare. Pranzava con un panino e il pomeriggio riprendeva a leggere in un altro bar o in un’altra area di servizio. Quando il programma gli veniva a noia passeggiava per le città […]. Certe volte sentiva il bisogno di natura e ampi spazi, allora saliva sul Jura. Seguiva la strada tortuosa che porta al Col de la Faucille, dove si trovava un alberghetto, Le Grand Tétras. […] Beveva un bicchiere, camminava nei boschi. […] Il giovedì […] passava a trovare i genitori, che erano contenti e orgogliosi di mostrare ai vicini quel figlio così importante, così occupato, ma sempre pronto a fare qualche chilometro in più per abbracciarli.

[…] Infine c’erano i viaggi: congressi, seminari e convegni in tutto il mondo. Comprava una guida del Paese, Florence gli preparava la valigia. Partiva in macchina, l’avrebbe lasciata come sempre al parcheggio di Ginevra-Cointrin. Nella camera di un albergo moderno, spesso vicino all’aeroporto, si toglieva le scarpe, si stendeva sul letto e rimaneva per tre o quattro giorni a guardare la televisione e gli aerei che decollavano e atterravano dietro i vetri. Si studiava la guida turistica, per non commettere errori nei racconti che avrebbe fatto al ritorno. Telefonava a casa ogni giorno per dire che ora era e che tempo faceva a San Paolo o a Tokyo. Ripeteva alla moglie, ai figli e ai genitori che sentiva la loro mancanza, che li pensava sempre, che li abbracciava. […] Tornava dopo qualche giorno, carico di regali comprati in un negozio dell’aeroporto. A casa lo accoglievano a braccia aperte. Lui era stanco per via del fuso orario”.

La casa e l’auto erano piene di scartoffie con intestazioni e timbri dell’Oms, che lui ogni tanto raccattava nella biblioteca dello stabile, nella sala conferenze, nell’ufficio pubblicazioni, zone raggiungibili con un tesserino visitatori. Si era costruito l’immagine dell’uomo a ‘compartimenti stagni’ che separava rigorosamente la sfera professionale da quella personale: non invitava mai colleghi a casa, non voleva che amici e famigliari lo disturbassero in ufficio; la stessa Florence lo contattava attraverso una casella vocale. “Un giorno o l’altro verrò a sapere che mio marito è una spia dei Paesi dell’Est”, scherzava. Una sola telefonata avrebbe fatto crollare il castello di carte. Ma non è mai stata fatta, in dieci anni.
Romand viveva con la moglie e i due figli in una bella casa in un quartiere borghese e conduceva una vita agiata. Aveva convinto parenti e amici di avere accesso, grazie alla sua posizione all’Oms, a investimenti particolarmente vantaggiosi, e nel corso del tempo era riuscito a racimolare più di 3 milioni di franchi. Fiduciosi – Jean-Claude era il genero, il figlio, l’amante, il marito – avevano versato direttamente su un conto a lui intestato i loro risparmi. E Romand e la sua ignara famiglia, dilapidando quei risparmi, avevano vissuto.

Sapeva che non sarebbe potuto durare in eterno. L’ultimo anno l’aveva passato nell’angoscia: lo spaventava l’interdizione a operare con i conti bancari, a causa dei versamenti irregolari di grosse somme di denaro di cui non giustificava la provenienza, e la resa dei conti con Corinne: per la prima volta aveva preso denaro al di fuori della cerchia famigliare. Prima o poi l’amante gli avrebbe chiesto indietro la somma. Presto nei conti correnti non sarebbe rimasto un soldo e a Romand non restava alcun modo per trovarne altri. In più Florence iniziava a nutrire dubbi sul suo lavoro all’Oms. Il suicidio sembrava l’unica soluzione.
E invece, il 9 gennaio 1993 Jean-Claude Romand sfonda il cranio alla moglie con un mattarello. Poi uccide entrambi i figli, di cinque e sette anni, con un colpo di carabina. Sale in macchina e raggiunge la casa dei genitori. Pranza con loro. Subito dopo uccide entrambi, e il cane, con lo stesso fucile. Raggiunge l’amante, con la quale aveva un appuntamento, e cerca di uccidere anche lei, senza riuscirci. Tornato a casa, appicca il fuoco sperando, forse, di uccidere anche se stesso nelle fiamme che avrebbero bruciato i cadaveri della moglie e dei figli. Romand è invece sopravvissuto.

Anche la classe dirigente italiana è sopravvissuta. Quella politica è stata solo in parte ‘ripulita’ – ma una ben più criminale ha preso il posto dei ‘caduti’ – mentre quella finanziaria e imprenditoriale non è stata neppure scalfita da Tangentopoli, e ancora oggi continua impunemente a depredare i cittadini protetta dalla politica, quando non siede direttamente in Parlamento.
Al pari di Romand ha simulato di lavorare, ha rastrellato il denaro dei cittadini, ha finto di investirlo, l’ha versato sui propri conti personali e l’ha dilapidato, portando il Paese al fallimento.
Ma anziché bruciare la casa, si è messa a svenderla a pezzi, fondamenta comprese. E anziché uccidere coloro i quali, fiduciosi, gli avevano consegnato il voto e i propri risparmi, li ha tenuti in vita: ci sono altri debiti da pagare. Altre bad company di cui farsi carico.

 

Giovanna Cracco


(1) Conti e aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche, relazione Istat, giugno 2008
(2) Mani pulite, Barbacetto, Gomez, Travaglio, Editori Riuniti (valori convertiti in euro)
(3) La relazione sulle privatizzazioni, ministero dell’Economia e delle Finanze dipartimento del Tesoro, maggio 2007
(4) ivi

 

Leggi anche:

Il romanzo mai scritto sugli anni Ottanta Walter G. Pozzi
Gli anni Ottanta e la corruzione: la normalità delle mazzette ricostruita da un protagonista dell’epoca

La Lega degli affari: il federalismo all'italiana, Giovanna Baer
Voluto e progettato al sorgere della seconda Repubblica, lungi dal fare risparmiare soldi ai contribuenti italiani il federalismo appare sempre più la formula idonea a preservare la commistione maleodorante fra affari e politica e gli interessi del capitalismo feudale delle élite economiche

La banda del buco: il fallimento della Zincar, Giovanna Baer
Come il denaro pubblico scompare in tasche private

Il regime di verità del libero mercato di Giovanna Cracco
L’Europa, la Trilateral Commission e il gruppo Bilderberg
Le pressioni della Trilateral Commission e del gruppo Bilderberg sulle commissioni europee e l’invenzione del Patto di stabilità per estromettere i governi dalle scelte economiche: quando la politica, obbligata a fare i conti con il voto e il consenso popolare, è un lusso che il neoliberismo non si può più permettere

Profitti da debito pubblico di Giovanna Cracco
Operazioni speculative e mancata redistribuzione, mentre le manovre varate dai governi europei tradiscono la volontà di non voler cambiare rotta rispetto alla rivoluzione neoliberista inaugurata negli anni ’90

E ci penseranno i superstiti di Giovanna Baer
Enti locali e derivati finanziari, l’ombra del crack
Come e perché comuni province e regioni si sono trasformati in giocatori d’azzardo; la speculazione con i soldi pubblici e l’indebitamento con le banche

 

Leggi altri articoli sui temi:

privatizzazioni

economia criminale

Torna su