È uscito il numero 62
aprile - maggio 2019

 


seguici sulla ns pagina

La rivista
tutti i numeri
ordina numero
abbonamenti
Contenuti
analisi politica
inchieste
dura lex...
percorsi storici
interviste
critica letteraria
recensioni libri
segnalazioni libri
spunti letterari
racconti
musica
cinema
arte
autori
Contenuti per tema
Europa
economia
lavoro e conflitto sociale
nuove tecnologie
la sinistra in Italia
la nuova destra in Europa
ecologia
Stati Uniti
NO Expo
privatizzazioni
politica dell'immigrazione
rapporto cultura, informazione e potere
scontro politica e magistratura
osservatorio sulla mafia
rapporto Stato e Chiesa
politica medioriente
Il progetto Paginauno

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura
creativa e FilmMaking

Comunicazione
newsletter
la stampa
link
contatti
area riservata

 

Pagine contro la tortura

 

 

E se il mostro fosse innocente?
Controcronaca del processo
al chirurgo Brega Massone
e alla clinica Santa Rita

 

 

 

Iacopo Adami
Capolinea
Narrativa

 

Vittorio Alfieri
La virtù
sconosciuta
La Sposa del Deserto

 

Jules Janin
Racconti
bizzarri
Il Bosco di Latte

 

Margaret Oliphant
La finestra
Il Bosco di Latte

 

John Wainwright
Anatomia di
una rivolta
Narrativa

 

Davide Steccanella
Across the Year
in utero

 

William McIlvanney
Chi si rivede!
Il Bosco di Latte

 

Honoré de Balzac
L'albergo rosso
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Emma B
Narrativa

 

Rinomata Offelleria Briantea
Ventinovecento
Narrativa

 

Silvia Albertazzi
Leonard Cohen
Manuale per vivere nella sconfitta
Saggistica

 

Thomas Wolfe
Un'oscura vitalità
Il Bosco di Latte

 

Francis Scott Fitzgerald
Basil Lee
Il Bosco di Latte

 

Felice Bonalumi
Storia del gusto
saggistica

 

Mario Bonanno
33 Giri
in utero

 

Raymond Williams
Terra di confine
narrativa

 

47 Autori
Poesie per un
compleanno
La Sposa del Deserto

 

Rudi Ghedini
Rivincite
Saggistica

 

Edith Wharton
Triangoli
imperfetti
Il Bosco di Latte

 

Joseph Conrad
Ford Madox Ford
La natura
di un crimine
Il Bosco di Latte

 

James Robertson
Solo la terra resiste
narrativa

 

Christine Dwyer Hickey
Tatty
narrativa

 

Carmine Mangone
Il corpo esplicito
saggistica

 

Suzanne Dracius
Rue Monte au Ciel
narrativa

 

Davide Steccanella
Le indomabili
saggistica

 

Liam O'Flaherty
Il cecchino
Il Bosco di Latte

 

Frank O'Connor
Ospiti della nazione
Il Bosco di Latte

 

Sabrina Campolongo
Ciò che non siamo
narrativa

 

Paul Dietschy
Storia del calcio
saggistica

 

Giuseppe Ciarallo
Le spade
non bastano mai
narrativa

 

Carmine Mezzacappa
Cinema e
terrorismo
saggistica

 

Massimo Vaggi
Gli apostoli
del ciabattino
narrativa

 

Walter G. Pozzi
Carte scoperte
narrativa

 

William McIlvanney
Il regalo
di Nessus
narrativa

 

William McIlvanney
Docherty
narrativa

 

Fulvio Capezzuoli
Nel nome
della donna
narrativa

 

Matteo Luca Andriola
La Nuova destra
in Europa
libro inchiesta

 

Davide Corbetta
La mela marcia
narrativa

 

Honoré de Balzac
Un tenebroso affare
narrativa

 

Massimo Battisaldo
Paolo Margini

Decennio rosso
narrativa

 

Massimo Vaggi
Sarajevo
novantadue
narrativa

 

Giovanna Baer
Giovanna Cracco
E se il mostro
fosse innocente?
libro inchiesta

 

John Wainwright
Stato di fermo
narrativa

 

Giuseppe Ciarallo
DanteSka
satira politica

 

Walter G. Pozzi
Altri destini
narrativa

 

 

 

 

Creative Commons License
Il contenuto di questo sito

coperto da
Licenza Creative Commons

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

Polemos

 

Belpaese Connection
di Giovanna Baer
Le connessioni tra economia legale, criminale e sommersa

L’economia ha grossi problemi di salute, ci dicono. E chi lo afferma non intende parlare del crollo delle borse mondiali né della crescita impazzita del prezzo del petrolio. Estorsioni, usura, appalti truccati, gioco d’azzardo, traffici illeciti di droga, di armi, di rifiuti (umani e non), sofisticazioni alimentari, lavoro nero, evasione fiscale, violazione delle norme di sicurezza ambientale, violazione delle norme di sicurezza sul lavoro, e chi più ne ha più ne metta. Una pletora di reati in spregio alle norme dei codici civile e penale che pesa sulle spalle del sistema del libero scambio e che – ci dicono – deve essere a tutti i costi eliminata. Perché perturba (quasi fosse un acquazzone) la serenità della nostra economia e contamina (come un virus) il regolare svolgimento delle transazioni di mercato, quel mercato che non pare, da questo punto di vista, essere in grado di autoregolarsi, con buona pace dei sostenitori dell’indefettibilità del suo sistema immunitario.
A questi fenomeni si pensa come acquazzoni, uragani o terremoti, o come a virus, tumori o complicazioni circolatorie, eventi negativi e definiti che possono essere, se non impediti o prevenuti, quanto meno isolati dal contesto sano, dal bel tempo standard. Ma è davvero così?

In estrema sintesi, il nostro sistema economico si fonda sul diritto di scambiare beni e servizi, ‘cose’ e prestazioni, contro una data quantità di denaro: è appunto il sistema del libero (o quasi) scambio. Ciò che è possibile scambiare e quale sia il prezzo adeguato da corrispondere viene definito sulla base di due impianti normativi: la legge della domanda e dell’offerta da un lato, applicabile indifferentemente a livello nazionale e internazionale, e l’apparato legislativo del Paese in cui si svolgono le transazioni dall’altro, con una validità esclusivamente interna. Queste due forze non agiscono congiuntamente, perché la legge della domanda e dell’offerta non ammette limiti teorici alla propria validità ed è intrinsecamente amorale: se esiste un compratore e quel compratore è disposto a pagare un prezzo adeguato, qualunque merce o prestazione può essere venduta, senza nessun tipo di vincolo: la legge della domanda e dell’offerta non distingue fra cocaina e spaghetti, né fra esseri umani e carbone. A decidere quali beni e servizi possano essere oggetto di scambio, e talvolta (più raramente) quale ne debba essere il prezzo, sono i vari Paesi sulla base dei propri impianti legislativi. Ne consegue che ciò che è ‘virus’ a Roma o a Parigi non lo è necessariamente a Taiwan o a Calcutta, come pure ciò che è tumore oggi (la schiavitù, per esempio), non lo è stato per migliaia di anni. Il concetto di scambio legale non ha quindi una validità assoluta, ma è storicamente e geograficamente definito, ed è pertanto di natura contingente.

La nozione di transazione legale, valida in un dato Paese e in una data epoca, è dunque il risultato di una contrattazione fra il potere economico, che mira ad ampliare il più possibile il suo raggio di azione, e il potere politico, che tende, almeno in teoria, a disciplinarne le pretese in un’ottica di bene comune. A seconda della forza contrattuale dei due contendenti si avranno margini più o meno ampi di discrezionalità per l’iniziativa economica privata. Alcuni Stati, gli USA per esempio, hanno istituzionalizzato questo tipo di trattativa nel sistema delle lobbies: i lobbisti, rappresentanti superpagati dei vari settori del sistema produttivo (petrolchimico, automobilistico, assicurativo, farmaceutico, e così via), esercitano pressioni – legali – sui rappresentanti delle Camere per convincerli a sponsorizzare disegni di legge favorevoli ai loro datori di lavoro. In altri Paesi si preferisce lasciare alla libera iniziativa privata la scelta dei metodi più adatti (tavoli istituzionali, favori personali, tangenti, conflitti di interesse ecc.) per l’ottenimento di un impianto normativo ‘possibilista’.

Il potere politico, si diceva, rappresenta il contrappeso necessario affinché le forze economiche agiscano in modo tale da favorire il benessere complessivo dei cittadini, il cosiddetto bene comune. E qui si pone un nuovo problema: anche un’economia ricca è considerata bene comune, ne è anzi, ai giorni nostri, la componente principale, tanto da essere assimilata al termine ‘sviluppo’. Quando in politica si parla di sviluppo, si intendenormalmente la crescita dell’economia così come è definita dall’aumento del Pil, e solo in casi rarissimi il miglioramento delle condizioni di vita della popolazione o la tensione verso obiettivi culturali e morali ‘alti’ (1). Ovviamente, la crescita economica non coincide necessariamente con lo sviluppo: è possibile, come infatti accade, che dei suoi benefici goda solo una percentuale minima della popolazione (quelli che Marx definiva i capitalisti, e altri ceti parassitari), e che la crescita non migliori a nessun livello il benessere complessivo del Paese, o addirittura lo peggiori. È il noto fenomeno della concentrazione, che si innesta quando in un sistema economico mancano strumenti ridistributivi adeguati, o la volontà di ridistribuire tout court.

Per fare due esempi fra i tanti, in Italia la maggiore flessibilità concessa nei contratti di lavoro dalla legge 30/2003 (la cosiddetta legge Biagi), ha comportato un indubbio vantaggio di costo per gli imprenditori, ma i maggiori utili che ne sono derivati non sono stati trasferiti ai dipendenti attraverso incrementi salariali o miglioramenti delle condizioni di lavoro: al contrario, il fenomeno della precarizzazione ha peggiorato sensibilmente sia il loro status sociale che il loro livello reddituale. In India, come si legge nel Rapporto sullo sviluppo sociale pubblicato dalla Oxford University Press, mentre il Pil continua a crescere in maniera impressionante, “le differenze e le disuguaglianze si sono acuite e gli squilibri regionali si sono allargati tanto che l’instabilità sociale è diventata una seria minaccia”: oggi nello Stato di Gandhi convivono un terzo degli ingegneri di software e un quarto degli affamati di tutto il mondo.
Già Pier Paolo Pasolini, nei suoi articoli oggi raccolti negli Scritti Corsari, aveva messo in guardia verso questo pericoloso fraintendimento fra sviluppo (economico) e progresso (civile), insinuando, a ragione, che le parole, e specialmente l’uso che se ne fa, non siano mai neutrali. Confondere a bella posta i termini è la mossa di chi ci guadagna, e chi ci perde non ha voce, a meno che la politica non si decida a scendere in campo.

E la politica scende in campo, ma non in difesa del bene comune. Dal momento in cui la crescita economica viene considerata l’obiettivo programmatico per eccellenza – quello da perseguire a ogni costo – non è più conveniente porre limiti normativi reali e stringenti alle dinamiche della legge della domanda e dell’offerta: qualunque attore economico favorisca lo sviluppo del Pil, sia che operi nell’ambito della legalità, sia che navighi nelle acque torbide del sommerso o in quelle ancora più cupe dei traffici criminali, verrà considerato, se non il benvenuto, quanto meno utile, e ogni dichiarazione che affermi l’opposto rappresenta evidentemente un bluff per ingannare gli ingenui. Come conseguenza logica, dal momento che la legge base dell’economia non distingue per definizione fra lecito e illecito, ne deriverà che sul mercato degli scambi coesisteranno in tutta tranquillità, non separabili, le due tipologie di transazione: ed è quello che, puntualmente, avviene in Italia.

Il rapporto Eurispes 2008 sull’economia sommersa riporta cifre da capogiro. Sulla base delle stime (prudenziali) effettuate, il lavoro nero genera un flusso di denaro che si attesta intorno ai 300 miliardi di euro, l’evasione fiscale 156 miliardi di euro, il mercato degli affitti ‘informali’ 93 miliardi di euro. Secondo la società di statistica, il sommerso individuato va a integrare i redditi delle famiglie che, “in seguito alla perdita del potere d’acquisto e alla forte inflazione (negata a livello ufficiale, n.d.a.) che hanno caratterizzato l’economia italiana negli ultimi anni, si mantengono su livelli ben al di sotto della media europea e non tengono il passo con il costo della vita”. L’altra faccia, quella più scura, dell’economia sommersa è rappresentata dall’economia criminale, che secondo Eurispes vale (per difetto) almeno 176 miliardi di euro, pari all’11,46% del Pil italiano del 2007. Oltre agli introiti generati dalle quattro organizzazioni criminali (Mafia, Camorra, ’Ndrangheta, Sacra Corona Unita) sono stati considerati anche i volumi d’affari realizzati da realtà che non hanno la stessa struttura delle organizzazioni mafiose né sono riconducibili a esse. Sono state analizzate come forme di economia criminale l’usura e il racket, il contrabbando (di medicinali, tabacco, ecc.), il traffico di droga e di armi, lo sfruttamento della prostituzione (anche quella maschile e minorile), il riciclaggio di denaro, la contraffazione, il gioco d’azzardo e le scommesse clandestine, le frodi comunitarie e internazionali, il traffico di oggetti d’arte e antiquariato, il traffico di manodopera clandestina, i fenomeni di ecomafia, e così via. Mettendo a confronto il giro d’affari prodotto in Italia dalla criminalità con il Pil di alcuni paesi europei, risulta che il sommerso criminale del nostro Paese è equivalente alla somma dei Pil di Estonia (25 miliardi di euro), Romania (97 miliardi), Slovenia (30 miliardi) e Croazia (34 miliardi).
Basta semplicemente sommare il valore prodotto dall’economia sommersa e quello relativo all’economia criminale per arrivare a segnalare un’economia parallela nel nostro Paese che genera un Pil in nero di 725 miliardi di euro, pari al 47,23% del Pil 2007 (che vale 1.535 miliardi circa), cui corrisponde un’imposta evasa di 206 miliardi di euro.
Insomma, che lo si guardi dal lato del mercato del lavoro, delle imprese e delle famiglie o che lo si rintracci tra le pieghe dell’universo criminale, il sommerso in Italia rappresenta uno Stato nello Stato.

È possibile separare questi due Stati, o almeno distinguere la parte sana da quella malata e, domanda ancora più inquietante, è davvero desiderabile dal punto di vista di una classe politica che fa della crescita economica il suo principale obiettivo strategico?
Purtroppo, sembra di dover rispondere negativamente a entrambe le domande. Infatti l’economia sommersa, in tutte le sue forme, genera redditi che si riversano nell’economia ufficiale, sia che provengano dal lavoro nero, dall’evasione fiscale o dai traffici criminali. Una famiglia usa la parte in nero del proprio reddito, come abbiamo visto, per arrivare a fine mese, quindi per comprare beni e servizi – la benzina, la carne, i libri e i vestiti dei figli, per pagare le spese mediche – e queste transazioni, perfettamente legali, vengono puntualmente registrate ed entrano a far parte del Pil ufficiale, che quindi cresce anche perché esiste l’economia sommersa. Il flusso di denaro generato dall’economia criminale segue invece percorsi diversi a seconda del modo in cui viene utilizzato: la parte che viene reinvestita nel core business (droga, prostituzione, usura, e così via) genera una nuova ondata di economia sommersa (altro lavoro nero, evasione fiscale, ecc.) che si riversa nell’economia legale secondo lo schema sopra analizzato. La parte degli introiti proveniente da reati che viene invece occultata in depositi bancari nutre più o meno direttamente il sistema creditizio, mentre quella investita in attività economiche ‘in chiaro’ (imprese di ogni genere, attività commerciali, ecc.) contribuisce fin da subito alla crescita del Pil legale. Non esiste un sistema nel Sistema, ma un unico grande Sistema le cui componenti in nero e in chiaro si mischiano l’una all’altra fino a diventare indistinguibili.

Gomorra, il celebre libro di Roberto Saviano, condivide questa tesi, e per dimostrarla esplicita quale sia il reale funzionamento di quattro settori della nostra economia. Due di essi sono importanti capisaldi del sistema produttivo legale – moda e costruzioni – e due fanno invece parte dell’economia esplicitamente criminale, il mercato della droga e quello dei rifiuti tossici. In tutti i casi analizzati, ben lungi dal rappresentare un problema (in ottica economica), le infiltrazioni camorristiche all’interno dei settori legali e la gestione diretta di quelli illegali rappresentano una sorta di catalizzatore d’affari, una risorsa di valenza strategica per il sistema Italia.

Nel comparto dell’alta moda (stiamo parlando delle più esclusive firme del made in Italy), il talento indiscusso degli artigiani campani nel taglio e confezionamento di capi di lusso garantisce l’elevatissimo livello qualitativo che le imprese del settore chiedono. In più, la gestione (diretta o indiretta) delle sartorie da parte della criminalità organizzata permette, attraverso lo sfruttamento intensivo del lavoro nero, soprattutto femminile, che questo livello qualitativo venga raggiunto a prezzi assolutamente competitivi, impensabili nel caso si faccia ricorso ad aziende che operino nel rispetto delle garanzie di legge. Così, da una parte le case di moda possono massimizzare gli utili che ottengono sul mercato globale senza penalizzare la qualità dei capi (come avverrebbe in caso di delocalizzazione della produzione nei Paesi emergenti, che non hanno ancora raggiunto il nostro expertise nel campo), dall’altro il lavoro nero permette la sopravvivenza di numerose famiglie campane, che vedranno comparire in televisione, sulla passerella degli Oscar, indossati dalle attrici più celebri e impegnate, i capi cuciti dalle loro abili mani per quattro soldi.

Per quanto riguarda le costruzioni, la musica non cambia. Le squadre della Camorra si muovono su tutto il territorio nazionale, controllando il settore fin dalle gare di appalto e dalla fornitura delle materie prime, e costruiscono edifici e infrastrutture in tempi e a prezzi che nessuna azienda legale potrebbe garantire. Di nuovo, la base del metodo è costituita da un lato dallo sfruttamento del lavoro nero di cittadini italiani o clandestini (cui viene garantito un reddito spendibile sul mercato legale), dall’altro dall’indubbio potere di persuasione (chiamiamolo così) del racket e dai rapporti strettissimi tessuti nel tempo con l’apparato politico locale e nazionale, che mettono le loro aziende al riparo dai controlli fiscali o da quelli sullo stato di sicurezza dei cantieri cui i concorrenti devono, volenti o nolenti, assoggettarsi.

Nel mercato della droga, invece, la strategia messa in campo dalla criminalità organizzata campana è a dir poco stupefacente. Mentre a livello di produzione e importazione il settore funziona secondo il metodo classico, la distribuzione delle sostanze stupefacenti è stata del tutto rivoluzionata. Invece di fare ricorso a spacciatori, molto spesso dipendenti come i loro clienti dalla droga e per questo poco affidabili, facilmente individuabili dalle forze dell’ordine ed emotivamente fragili, si è deciso di permettere la vendita delle sostanze illegali, in quantità minime, a chiunque abbia necessità di integrare il proprio reddito. Casalinghe, studenti, pensionati insospettabili hanno così potuto costruire il proprio giro d’affari, trasformandosi in piccoli imprenditori, protetti dalle visite sgradite dai piantoni del clan, e la Camorra ha visto crescere drasticamente il proprio fatturato nel settore, mentre i clienti hanno apprezzato enormemente l’accresciuta sicurezza delle transazioni.
Infine, per quanto riguarda il mercato dei rifiuti tossici, rimandiamo all’inchiesta Crisi di sistema pubblicata su PaginaUno, n.7/2008.

Che si tratti di moda, edilizia, droga o rifiuti il risultato non cambia: la presenza della criminalità organizzata assicura competitività ai settori nei quali opera, e di questa accresciuta competitività beneficiano indifferentemente le attività legali e illegali di tutto il Paese (come hanno dimostrato per esempio le recenti indagini sullo smaltimento delle sostanze tossiche e quelle sulle frodi alimentari legate alla sofisticazione del vino nella vicenda di Velenitaly), mentre gli abitanti di intere province, non solo in Italia (Gomorra cita il caso di Aberdeen, una città della Scozia la cui economia è interamente gestita dalla Camorra) vivono unicamente del sommerso generato direttamente o indirettamente dalle attività criminali.

Come suggerisce Saviano, la criminalità organizzata può essere debellata solo qualora si sia disposti ad attaccare, senza incertezze di sorta, la vera forza dei racket moderni, che è la loro natura prettamente imprenditoriale: vale a dire che la Camorra può essere sconfitta solo a prezzo di distruggerne l’economia, senza preoccuparsi delle conseguenze, potenzialmente tragiche, sul mercato degli scambi in chiaro. Ma la classe politica italiana, che ha fatto della crescita del Pil lo stendardo del successo, non può permetterselo. Quel che può concedere è che singoli magistrati, eroici nella difesa di una legalità che le forze politiche ed economiche vivono ormai come un vincolo allo sviluppo, cerchino, nel più totale abbandono istituzionale, di porre un argine alla progressiva degenerazione dell’intero sistema Italia, qualche volta a prezzo della vita. Questo tentativo ‘personale’, come risulta evidente, è destinato a influire ben poco: per ogni inchiesta che viene terminata con successo, per ogni frode o traffico faticosamente portato alla luce, nuove frodi e traffici nascono nell’immenso mare del libero mercato. In due soli procedimenti contro la famiglia Schiavone sono stati sequestrati, fra l’agosto del 1996 e l’agosto del 1997, beni per un totale di 500 milioni di euro, una cifra che metterebbero in ginocchio qualsiasi gruppo imprenditoriale. I clan, invece, continuano a prosperare, e la Dda di Napoli stima il loro fatturato annuo intorno ai 30 miliardi di euro: non milioni, miliardi!

A maggior ragione nessun politico, cavalcando l’onda della crescita, vede più la ragione di perseguire una lotta serrata contro fenomeni meno gravi (dal punto di vista normativo, non numerico), quali il lavoro nero o l’evasione fiscale, dal momento che risultano tanto utili all’economia del Belpaese: un condono ogni tanto e qualche denuncia isolata, mai di seria entità, e il gioco delle tre carte è fatto: e poi, si sa, anche i controlli costano. Come diceva De Gournay? Laissez faire, laissez passer.

Giovanna Baer


(1) vedi Elementi di ineguaglianza di Giovanna Baer, PaginaUno n. 1/2007

 

Altri articoli sull'argomento:

Sistema Italia: grande capitale e mafia, Giovanna Cracco, PaginaUno n. 16/2010
Dentro lo scudo fiscale e la vendita all'asta dei beni confiscati alla mafia: in tempi di crisi, la politica sceglie di rinforzare gli interessi sommersi e criminali dell’economia italiana

L'appropriazione dei beni mafiosi, Giovanna Cracco, PaginaUno n. 17/2010
La nuova legge sulla vendita degli immobili confiscati alla mafia, che li sottrae al patrimonio pubblico sociale per trasformali in capitale privato, con priorità d'acquisto per le cooperative delle Forze Armate e della Polizia

Giulio Cavalli: il teatro partigiano, la politica e la lotta alla mafia
intervista di Daniela Bettera e Lara Peviani

Benvenuti al nord di Daniela Bettera e Lara Peviani
La mafia in Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna e Veneto
Fra passato e presente, dal soggiorno obbligato al controllo del territorio alla collusione con la politica locale

La ‘ndrangheta in Lombardia, dal dopoguerra all’Expo 2015 di Domenico Corrado

L'onorata società e le inchieste sulle origini della seconda Repubblica di Walter G. Pozzi
Le stragi del '92/93, massoneria, federalismo e Cosa nostra

Il romanzo mai scritto sugli anni Novanta di Walter G. Pozzi
Il federalismo, un'idea nata dall'incontro d'interessi tra mafia, massoneria coperta, industria e politica, in concomitanza con le stragi del ’92 e ’93

Il sacco di Ponticelli di Giovanna Cracco
Gli interessi del cemento manovrano la rivolta contro i campi nomadi

Crisi di sistema, Giovanna Baer, maggio 2010
Termovalorizzatori, incentivi pubblici e mafia: la lucrosa economia dei rifiuti

 

Leggi altri articoli sui temi:

economia criminale

osservatorio sulla mafia

Torna su